Perché DSM ha venduto? È stato un buon affare per Covestro? Quali sono le implicazioni di questo accordo?

Covestro acquista la produzione additiva DSM: analisi e implicazioni per la stampa 3D

La società tedesca di materiali Covestro ha acquisito DSM Functional Materials per 1,6 miliardi di euro, di cui DSM mira a ricevere 1,4 miliardi di euro netti. L’acquisto include quanto segue:

“Resine e materiali funzionali di DSM, tra cui DSM Niaga, DSM Additive Manufacturing e le attività di rivestimento di DSM Advanced Solar. Queste attività hanno rappresentato 1.012 milioni di euro delle vendite nette totali annuali di DSM nel 2019 e 133 milioni di euro dell’EBITDA totale di DSM nel 2019. “

Geraldine Matchett e Dimitri de Vreeze, co-CEO di DSM, hanno detto, presumibilmente in coro:

“Questa vendita si basa sul nostro approccio di gestione attiva delle nostre attività, poiché DSM continua ad evolversi come azienda basata su obiettivi scientifici che opera nei settori della nutrizione, della salute e della vita sostenibile. L’accordo offre un forte valore a DSM ed è strategicamente attraente per tutte le parti. In Covestro, riconosciamo un’azienda che condivide opinioni simili sulla cultura e sul valore della sostenibilità. Sappiamo che Covestro sarà un buon proprietario di queste attività per clienti, colleghi e altre parti interessate “.

DSM Additive Manufacturing ha acquisito solo di recente l’attività di stampa 3D di Clariant . Questo segna una svolta piuttosto sorprendente per il settore della stampa 3D. DSM è stato uno degli attori più attivi del settore. L’azienda si è basata sulla sua attività Somos esistente nelle resine per creare filamenti, polveri di sinterizzazione e una serie di nuovi materiali per AM.

Tutto sommato, sono rimasto molto colpito dagli sforzi di DSM nello spazio. Con una profonda focalizzazione sull’applicazione, l’azienda ha continuato a creare proposte pronte per il mercato che mostravano una conoscenza e un coinvolgimento del settore più approfonditi rispetto ad altri. I ponti polimerici di DSM, ad esempio, sono un’applicazione molto innovativa, potenzialmente ad alto volume . L’azienda si è occupata anche della stampa a pellet e ha introdotto nuovi materiali. DSM ha inoltre selezionato e aiutato le startup a sviluppare strumenti per l’industria della stampa 3D , ha lavorato con Twikit sulla personalizzazione di massa , ha introdotto sul mercato paradenti personalizzati , il tutto mentre ha investito in numerose attività di stampa 3D , tra cui Addaptive3D.

In un precedente articolo che delineava lo stato del mercato dei materiali polimerici nel 2019, ho sottolineato che ” DSM ha investito notevoli quantità di denaro nella propria capacità organizzativa e negli investimenti . L’organizzazione è la più grande in DSM e la società sembra voler essere tutto per tutti gli uomini. Lo sportello unico potrebbe funzionare soprattutto se il loro approccio esperto specifico del settore rimane non copiato. Li lega ad alte aspettative a livello di consiglio di amministrazione e a una struttura dei costi elevata rispetto ad altre aziende “.

Ciò che distingueva DSM era la sua profonda conoscenza settoriale e verticale. DSM ha davvero inseguito le applicazioni e reso disponibili proposte pronte per il mercato. Lavorando con le parti interessate lungo tutta la catena del valore, l’azienda ha avuto una visione unica a 360 gradi dei problemi che interessano OEM, agenzie di servizi e aziende manifatturiere. Sono sempre stato colpito dalla conoscenza profonda e molto specifica dell’applicazione che gli stessi membri del personale DSM hanno. L’azienda aveva l’empatia e la conoscenza dei polimeri che l’hanno portata a posizionarsi al volante dello sviluppo di nuove soluzioni per i problemi di stampa 3D.

Il lavoro di DSM è stato sempre mirato a far crescere il mercato attraverso nuove applicazioni di vasta portata ed è stata una gioia vedere i loro progressi svolgersi. Il loro lavoro, ad esempio, nelle applicazioni sotto il cofano per materiali a temperature più elevate e nelle applicazioni mediche è stato misurato, costante e innovativo. Non hanno suonato un gran clacson o parlato di risultati inesistenti, ma hanno scalfito il problema. In modo univoco, l’azienda ha davvero adottato e guidato l’approccio ecosistemico e, attraverso questo, ha spinto e guidato lo sviluppo di nuove attività e applicazioni. Il leader della stampa 3D di DSM Hugo da Silva mi ha sempre impressionato e spero davvero che Covestro continui a lasciargli gestire l’unità.

Questa vendita ora significa che questo approccio non è valido? Siamo su una traiettoria a lungo termine verso un volume maggiore ma margini inferiori sui materiali su tutta la linea. Per me, le proposte specifiche dell’applicazione hanno il potere di garantire margini a lungo termine e prezzi più elevati. Se non altro per ritardare l’inizio di prezzi più bassi, l’approccio secondo me è valido. È anche difficile avviare grandi aziende nella stampa 3D a volume. Attraverso la presa in mano e lo sviluppo di applicazioni puoi accelerare la loro adozione della stampa 3D e sbloccare nuovi mercati. A lungo termine, una migliore conoscenza del mercato e relazioni strategiche con i clienti ti consentiranno di sviluppare esattamente ciò di cui il mercato ha bisogno quando ne ha bisogno e migliorare la tua posizione.

Forse l’azienda aveva fissato obiettivi di volume molto ambiziosi che non erano stati raggiunti dal team. Molti anni fa avevano le stelle negli occhi quando facevano proiezioni finanziarie. La direzione, quindi, a un certo punto ha smesso di essere sentimentale e ha deciso di mollare l’unità.
L’attenzione alla nutrizione l’ha portata ad espandersi in quella direzione, acquisendo di recente Eber , un’azienda di alimenti per animali, ad esempio. Prima di questo, ha acquistato Glycom , che produce ingredienti per il latte per bambini. Negli anni l’azienda si è sempre più orientata verso ingredienti alimentari, soprattutto per articoli come integratori, ” medi food ” e prodotti come alimenti di origine vegetale. Se guardiamo indietro, per oltre un decennio, DSM ha venduto materie plastiche e attività simili per acquistare società legate al cibo. L’azienda vede chiaramente un futuro nelle cose di cui Danone ha bisogno o nei beni utili per Unilever, piuttosto che nei polimeri. Una libbra per libbra in denaro e integratori materiali, additivi alimentari e proposte alimentari complete possono essere un’attività molto allettante. Per i Co-CEO, insieme nella vista dell’elicottero, potrebbe sembrare super attraente abbandonare il business “icky tutti odiano la plastica”.
Se l’azienda è molto focalizzata sulla sostenibilità, sarà molto più difficile da raggiungere con il business delle resine in particolare poiché questa è una divisione problematica dal punto di vista della sostenibilità. Questo è molto più rilevante perché “ Dal 2010 , lo Short- e incentivi a lungo termineelementi della remunerazione del consiglio di amministrazione di DSM e bonus esecutivisi riferiscono alle prestazioni finanziarie e ambientali dell’azienda in egual misura. ” Il percorso più rapido e semplice per ottenere il bonus in un anno difficile potrebbe essere semplicemente rinunciare alla leadership in aggiunta.
Come ti diranno sempre le simpatiche persone di McExcel, la concentrazione è importante. I giorni in cui un enorme conglomerato era bravo in tutto sono finiti e le aziende vengono consultate a morte verso approcci molto focalizzati sul settore. La perdita di queste unità focalizzerà l’attenzione di DSM dove deve essere.
Uno sviluppo che si integra perfettamente con quanto sopra è il fatto che, se guardiamo ai multipli e alle valutazioni P / E, molte società di polimeri commerciano a valutazioni e multipli molto inferiori rispetto alle società di nutrizione, per esempio. C’è molta eccitazione anche nelle operazioni di fusione e acquisizione nel cibo . Quindi, questa unità potrebbe essere vista per trascinare al ribasso la performance dell’azienda e in effetti la sua valutazione.
In effetti, una strategia ovvia sarebbe quella di diventare un leader nella nutrizione animale e forse vendere questo prodotto a Mars o a un’azienda cinese, svincolare il resto delle attività relative ai materiali e poi diventare un’azienda di nutrizione umana.
Potrebbe anche essere una risposta istintiva con le recenti vendite di materiali e l’ EBITA notevolmente inferiore a causa di COVID .
Perché Covestro ha acquistato?

Covestro è riuscita ad acquistare un fatturato di 1,1 miliardi di euro, un profitto di 133 milioni di euro per 1,6 miliardi di euro. Inoltre, nei rivestimenti funzionali per la produzione solare e additiva, ora hanno buone posizioni nei settori in forte crescita. Questo è un ottimo affare per loro. Francamente, se possono continuare a investire e andare lontano, questo potrebbe essere un affare incredibilmente redditizio per l’azienda. Visti i tempi e l’incertezza, questa è una mossa molto audace di Covestro. Ma è uno che dovrebbe ripagare profumatamente.
A parte una timida mossa nel business alcuni anni fa , alcuni lavorano con Carbon e alcuni lavorano sul policarbonato, l’azienda ha avuto pochissima influenza ed esposizione alla stampa 3D fino all’acquisizione. Ora è con un colpo solo un leader del settore.
Covestro si sta attaccando alle sue pistole in polimeri. È completamente focalizzata sui polimeri come azienda e sta registrando un calo dei profitti e dei ricavi in ​​alcune linee poiché i suoi materiali poliuretanici, in particolare, soffrono della concorrenza diretta e dei materiali concorrenti. Le attività di stampa 3D e una maggiore esposizione ai rivestimenti daranno una nuova narrativa da raccontare agli investitori.
È stato un buon affare per Covestro? DSM?

Covestro non sta andando alla grande. Nel 2019, la società ha registrato un calo delle vendite del 15% , un calo del 49% dell’EBITDA, un calo del 41% del flusso di cassa operativo e un calo del 71% del flusso di cassa operativo libero . Sia le sue attività principali in policarbonato che in poliuretano sembrano sotto una maggiore concorrenza. L’azienda ha lavorato duramente per scaricare i debiti, ma si sono di nuovo insinuati. L’attuale capitalizzazione di mercato dell’azienda è di 7,7 miliardi di dollari, mentre i suoi ricavi sono di 16 miliardi di dollari. In una chiamata sugli utili di aprile, la società ha affermato di aver “affrontato un calo del volume di base del 4,1%” nel primo trimestre e ha promesso una riduzione del CAPEX e un aumento dei risparmi .

Tuttavia, gli analisti si stanno aggrappando a una presa . Per il team di gestione, quindi, una rinnovata esposizione alla stampa 3D e una mossa audace ai tempi di COVID potrebbero benissimo dare all’azienda una nuova prospettiva di vita. Nel complesso, questo potrebbe essere un accordo chiave per Covestro ed essere significativo per l’azienda. Se vendono bene la storia della “leadership dei materiali nella stampa 3D”, potrebbe avere un effetto enorme anche sulle scorte e sull’inerzia dell’azienda.

Tuttavia, questo accordo sembra sciocco dal punto di vista di DSM. Anche se la società avesse deciso di sbarazzarsi di queste attività, avrebbe potuto benissimo aspettare una valutazione più alta e un accordo migliore. Se guardiamo ai loro numeri per la prima metà dell’anno, l’istantanea è chiara con “vendite + 6%, vendite organiche + 5%, EBITDA rettificato + 5%” nella nutrizione, mentre nei materiali i risultati sono stati “-16%, volumi -14%, EBITDA adjusted -28%. ” Dump parte del segmento dei materiali deboli, quindi, potrebbe essere una conclusione.

Per gli azionisti, tuttavia, potrebbe esserci un momento migliore per vendere, soprattutto se in questo primo semestre molto impegnativo, “Utile netto adjusted in calo del 4% a 399 milioni di euro” e “Utile netto: 270 milioni di euro” Il ” Flusso di cassa operativo netto rettificato di 342 milioni di euro, in crescita del 33%. ” Con altri 600 milioni di euro in contanti, la società avrebbe potuto aspettare che si risolvesse questo problema temporaneo e vendere in un momento migliore. Questo è solo un buon affare se la società sfrutta questo tempo per schierare in modo aggressivo il miliardo che otterrà per ottenere la leadership nel proprio business della nutrizione. Se l’impresa, ad esempio, acquista marchi e si avvicina al consumatore o fa un affare spettacolare nel campo prescelto, allora si tratterebbe di distribuire denaro dove vuole, ora che le attività potrebbero essere in difficoltà. Se, tuttavia, l’azienda si siede su questo denaro, non è un buon gioco per DSM e non sarà nel migliore interesse degli azionisti.

Quali sono le implicazioni di questo accordo?

BASF contro Covestro: la corsa ai materiali sembra essere un affare tedesco. Pensavamo tutti che, quando le aziende chimiche e dei polimeri parlavano di consolidamento, ci avrebbero comprato, ma ora si stanno comprando a vicenda.
Il ritiro di DSM potrebbe ritardare i nuovi concorrenti o potrebbe indurli a non investire nella stampa 3D.
Con meno giocatori e concorrenza, la pressione sui prezzi sarà inferiore e potrebbe esserci meno innovazione da parte delle aziende dei materiali.
Di recente, DSM e altre aziende hanno guidato l’innovazione e l’adozione nella stampa 3D. Forse la loro partenza rallenterà questo processo.
Piuttosto che investire pesantemente nello sviluppo di applicazioni, ci si aspetterebbe più da un approccio “ecco la nostra resina, per favore comprala”.
Un minor numero di giocatori e società di materiali che escono dall’attività potrebbero convincere il set di Wall Street che la stampa 3D non è ciò che è stato immaginato.

Be the first to comment on "Perché DSM ha venduto? È stato un buon affare per Covestro? Quali sono le implicazioni di questo accordo?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi