Per Airbus avremo nei prossimi 20 anni quasi 40 mila nuovi aerei

Le previsioni Airbus necessitano di oltre 39.000 nuovi aeromobili nei prossimi 20 anni

Durante un evento analista tenuto oggi a Londra, il colosso aerospaziale Airbus ha rivelato alcuni dati chiave sullo stato attuale e futuro atteso dell’industria manifatturiera aeronautica. Secondo i dati, Airbus prevede che la flotta di aeromobili passeggeri e mercantili al mondo sarà più che raddoppiata rispetto ai quasi 23.000 di oggi a quasi 48.000 entro il 2038, con il risultato di produrre oltre 39.000 nuovi velivoli nei prossimi 20 anni.

Entro il 2038, della previsione 47.680 flotta, 39.210 sono nuovi e 8.470 rimangono da oggi. Aggiornando le flotte con velivoli di ultima generazione a basso consumo di carburante come la A220, la famiglia A320neo, la A330neo e la A350, Airbus ritiene che il settore dell’aviazione possa progressivamente decarbonizzare per raggiungere obiettivi di crescita neutrali in termini di carbonio, collegando nel contempo più persone a livello globale. La produzione additiva, ovviamente, svolgerà un ruolo importante nella decarbonizzazione poiché i nuovi motori LEAP di GE – che includono diverse parti stampate in 3D – alimenteranno la maggior parte dei nuovi aeromobili, compresa la famiglia A320neo . Allo stesso modo, la famiglia A350 comprende parti finali fabbricate in modo aggiuntivo in plastica da Stratasys e in metallo da Premium AeroTEC .

Riflettendo la tecnologia aeronautica in evoluzione di oggi, Airbus ha semplificato la sua segmentazione per prendere in considerazione capacità, autonomia e tipo di missione. Ad esempio, un raggio corto A321 è Piccolo (S) mentre il lungo raggio A321LR o XLR può essere classificato come Medio (M). Mentre il mercato principale per l’A330 è classificato come Medio (M), è probabile che un numero continuerà ad essere gestito dalle compagnie aeree in un modo che rientra nella segmentazione del mercato Grande (L) insieme all’A350 XWB.

La nuova segmentazione fa nascere la necessità di 39.210 nuovi aeromobili passeggeri e merci -29.720 piccoli (S), 5.370 medi (M) e 4.120 grandi (L) – secondo le ultime previsioni del mercato globale di Airbus 2019-2038. Di questi, 25.000 aeromobili sono destinati alla crescita e 14.210 sostituiranno i modelli più vecchi con quelli più nuovi che offrono un’efficienza superiore.

Resistente agli shock economici, il traffico aereo è più che raddoppiato dal 2000. Sta sempre più svolgendo un ruolo chiave nel collegare grandi centri abitati, in particolare nei mercati emergenti in cui la propensione a viaggiare è tra le più alte del mondo in quanto i costi o la geografia rendono possibili alternative. Oggi, circa un quarto della popolazione urbana mondiale è responsabile di oltre un quarto del PIL globale e, dato che entrambi sono fattori chiave per la crescita, Aviation Mega Cities (AMC) continuerà a alimentare la rete globale dell’aviazione. Gli sviluppi nell’efficienza del carburante superiore stanno spingendo ulteriormente la domanda per sostituire gli aerei esistenti a basso consumo di carburante.

“La crescita annuale del 4% riflette la natura resiliente dell’aviazione, gli shock economici a breve termine e i disordini geopolitici. Le economie prosperano nel trasporto aereo. Persone e merci vogliono connettersi ”, ha affermato Christian Scherer, Chief Commercial Officer e Airbus International di Airbus. “A livello globale, l’aviazione commerciale stimola la crescita del PIL e supporta 65 milioni di mezzi di sussistenza, dimostrando gli immensi benefici che la nostra attività offre a tutte le società e al commercio globale.”

Gli aeromobili Airbus sono leader di mercato nei loro segmenti. Il segmento Small (S) include la famiglia A220 e tutte le varianti della famiglia A320. I principali prodotti Airbus nel segmento Medium (M) sono la famiglia A330 e A330neo e possono includere anche le versioni A321LR e XLR più piccole utilizzate nelle missioni a lungo raggio. La più grande segmentazione Large (L), è rappresentata dalla famiglia A330neo insieme alla più grande famiglia A350 XWB che include anche la gamma ultra lunga.

Be the first to comment on "Per Airbus avremo nei prossimi 20 anni quasi 40 mila nuovi aerei"

Leave a comment