Paulo Bartolo e i mattoncini simil-LEGO stampati in 3D per la rigenerazione ossea per i feriti dai bombardamenti in Siria

Amputati siriani aiutati da mattoncini simil-LEGO stampati in 3D per la rigenerazione ossea


“Se guardi come erano ferite le persone 100 anni fa, il 90% era costituito da militari e il 10% da civili. Adesso è il contrario. ” – Amer Shoaib

È evidente che Paulo Bartolo è stato ispirato a numerosi livelli nella creazione di parti modulari stampate in 3D destinate a ricostruire gli arti fatti esplodere dalle armi o amputati in seguito. Professore con la cattedra di Advanced Manufacturing presso l’ Università di Manchester , Bartolo ha vissuto da bambino in Mozambico, nel sud-est dell’Africa. Sperimentare gli effetti di un paese devastato dalla guerra – e persino vivere per un mese in un campo profughi – Bartolo ora vuole mettere le sue competenze biomediche a un uso prezioso per gli altri nel disperato bisogno.

Quando Amer Shoaib, un chirurgo ortopedico consulente presso la Royal Infirmary di Manchester , visitò l’Università di Manchester, Bartolo venne a sapere di più sulla devastazione provocata dai cittadini dalle bombe a botte e sulle sfide nell’aiutare i rifugiati feriti lì. Utilizzate dall’aeronautica militare siriana, le bombe a botte sono purtroppo molto efficaci nel colpire obiettivi, pieni di munizioni che causano enormi esplosioni e sono responsabili non solo di molti morti ma anche di perdere arti.

Tali lesioni non spesso formano rotture nette, ma sono sfilacciate sul perimetro. Bartolo afferma che tali lesioni sarebbero difficili da curare, anche con la migliore assistenza medica; infatti, durante la visita di Shoaib, Bartolo ha appreso che, in molti casi, non esiste alcun trattamento disponibile, a causa del rischio di infezione, e specialmente quando i feriti vivono nei campi profughi. Quasi due milioni di persone sono state ferite nella guerra civile – e mentre l’amputazione è di per sé traumatica, possono seguire altre complicazioni, come infezione, rischio di infarto e vulnerabilità in termini di ferite che guariscono lentamente.

Bartolo stava cercando un modo più semplice ed economico per curare i pazienti. Afferma che ora crede che lui e i suoi partner abbiano raggiunto il loro obiettivo con il design di “mattoni di ossa” stampati in 3D, che sono in grado di riempire le aree frastagliate. Fabbricato con polimero e ceramica, Bartolo spiega che le parti si incastrano “proprio come un mattone LEGO “.

I mattoni incoraggiano la rigenerazione ossea offrendo al contempo il supporto necessario. Successivamente, i mattoni si dissolvono.

“L’idea è che il chirurgo possa aprire un sacchetto di mattoni e metterli insieme per adattarsi a quel particolare difetto e promuovere la crescita ossea”, afferma Bartolo . “La protesi e la pasta di mattoni ossei prevengono le infezioni, promuovono la rigenerazione ossea e creano un’unione ossea meccanicamente stabile durante il periodo di guarigione.”

Bartolo condivide i dati del governo turco, citando oltre $ 37 miliardi spesi per aiutare i rifugiati siriani. Nella speranza di dare un contributo, Bartolo e i suoi partner – Paulo Bartolo, Glen Cooper e Andrew Weightman – hanno ora l’assistenza finanziaria del Global Challenges Research Fund, un’organizzazione che offre risorse ai ricercatori che cercano di affrontare i problemi nei paesi in via di sviluppo. Il progetto è inoltre finanziato dal Consiglio di ricerca in ingegneria e scienze fisiche .

I partner hanno visitato Istanbul e hanno parlato con il collaboratore principale Bahattin Koc, che li ha aiutati a incontrarsi con altri medici che avevano esperienza personale nel trattamento dei rifugiati sul campo.

“Speriamo che l’innovazione dei nostri mattoni ossei possa dare un contributo a questa crisi, contribuendo a mitigare i costi sanitari della Turchia e anche a migliorare significativamente il costo umano di questa crisi”, afferma Bartolo .

Be the first to comment on "Paulo Bartolo e i mattoncini simil-LEGO stampati in 3D per la rigenerazione ossea per i feriti dai bombardamenti in Siria"

Leave a comment