Patrick Joyce ammalato di Sla progetta e costruisce un sistema di eye tracking per guidare la sedia a rotelle e riuscire a parlare con Skype

Maker con la Sla utilizza la stampa 3D per creare una sedia a rotelle comandata dallo sguardo grazie ad un  eye-tracking .

Patrick Joyce ammalato di SLa e Maker  e il sistema eye tracking per controllare con lo sguardo la sedia a rotelle 06Ci sono molti progetti stampati in 3d o con servomotori costruiti e stampati in 3d per aiutare le persone disabili nella loro quotidianità. Ma pochissimi di questi progetti sono il frutto di maker che vivono in prima persona la disabilità. Uno di questi maker e l’inglese Patrick Joyce. Patrick è ammalato di Sla, ma nel 2013  ha voluto creare un controller per carrozzina di tipo eye-tracking che consenta a un utente che ha perso tutte le funzioni motorie, tranne che il movimento degli occhi d’essere comunque in grado di controllare la sedia a rotelle e un computer di bordo. È stato ispirato in parte dal suo amico e partner del progetto Steve Evans, che soffre anche lui di Sla ed è  in grado di usare solo gli occhi per comunicare e controllare gli oggetti. Insieme, Joyce ed Evans sono stati raggiunti dal collega Maker David Hopkinson che ha contribuito con alcune attività fisiche necessarie al progetto.

Per cominciare, Joyce ha voluto utilizzare l’hardware esistente che il governo britannico prevede per i malati di  SLA : una sedia a rotelle motorizzata e un computer che legge lo sguardo degli occhi. Al fine di creare un concetto che avrebbe funzionato, avrebbe dovuto creare una ” mano elettronica ” in grado di  controllare il joystick della sedia. Questa viene  gestita da un programma e da una scheda Arduino che è controllata da un software esistente.

Per coloro che non sono  “Geeks Maker”, Joyce ha dovuto creare una soluzione open source che fosse  minimamente invasiva   e potesse essere adattata per soddisfare una varietà di esigenze; ci sono oltre 5.000 persone solo in Gran Bretagna  che soffrono di SLA.

“Ho immaginato di avere  due parti – una  mano elettronica, e un Brain Box per controllarla”, dice Joyce in un post sul blog.

“La mano elettronico è stata abbastanza facile da costruire grazie ai servomotori, ma sono rimasto bloccato sulla  Brainn Box . . . fino a quando ho scoperto Arduino! ”

Utilizzando un microcontroller Arduino come base per il progetto, Joyce ha iniziato a costruire la sua soluzione – tuttavia, è stato accolto da alcune battute d’arresto nel constatare che molti dei componenti di cui avrebbe avuto bisogno dovevano essere  stampati in  3D; qualcosa che all’epoca non aveva.

Tuttavia, grazie al potere dei social media, Joyce è stato in grado di ottenere le parti stampate in 3d e di dare vita al primo prototipo la MK1.

All’arrivo della sua stampante 3D nell’ ottobre del 2014, Joyce ha iniziato a lavorare al suo secondo prototipo – la MK2 – con l’aiuto e l’esperienza di Evans.

“Inizialmente ho pensato di interfacciare il computer con il Brain Box tramite infrarossi, come la maggior parte dei computer montati su sedia a rotelle hanno infrarossi a controllo ambientale”, aggiunge Joyce.

“Ma dopo aver consultato Steveabbiamo deciso per una connessione diretta via USB .”

Per testare la piattaforma, Joyce e Evans hanno condotto un test di velocità di digitazione su Skype; mentre Joyce usava  una tastiera tradizionale e le sue mani, Evans ha utilizzato il software di eye tracking. Secondo Joyce, “gli occhi sono riusciti davvero a battere la mano.  incredibile. ”

Mentre il progetto è ancora in fase di sviluppo, Joyce spera di avere un progetto definitivo consegnato nel mese di novembre del 2015. Per  allora, spera di avere costruito una piccola  produzione di unità  da dare a chi soffre di Sla  insieme a un  vasto set di istruzioni di montaggio open source e, in definitiva, vuole distribuire il suo sistema a chi soffre come lui di Sla.

Be the first to comment on "Patrick Joyce ammalato di Sla progetta e costruisce un sistema di eye tracking per guidare la sedia a rotelle e riuscire a parlare con Skype"

Leave a comment