Pasqua poche cosa da fare e allora il dott. Tristan Lowe della Università di Manchester scansiona in 3d il cioccolato

Cosa c’è dentro il cioccolato pasquale? Gli scienziati dell’University of Manchester del Regno Unito hanno utilizzato la tomografia computerizzata a raggi X per scansionare un coniglietto pasquale di cioccolato, un uovo di Pasqua, un Toblerone, un uovo di crema, un Kit Kat, un Malteser, un Ferrero Rocher e una barretta Double Decker.

Per un gruppo di scienziati presso l’Università di Manchester X-ray Imaging Facility (MXIF), le vacanze di Pasqua si stanno rivelando difficili: i ricercatori vogliono continuare a indagare su questioni importanti con la loro tecnologia di imaging, ma i loro amici e familiari continuano a caricarli con le montagne di cioccolato Cosa dovrebbero fare?

Risulta, la risposta era lì da sempre: gli scienziati di Manchester si sono resi conto che dovevano usare le loro apparecchiature a raggi X avanzate per catturare modelli 3D dettagliati del loro regali di Pasqua.

“Dal 19 ° secolo il cioccolato è diventato sinonimo di Pasqua”, afferma il dott. Tristan Lowe, Senior Experimental Officer presso MXIF. “Ora nel 21 ° secolo possiamo finalmente rivelare alcuni dei suoi segreti nascosti, e la nostra analisi ha fatto alcune scoperte davvero interessanti.”

Utilizzando la loro tecnologia a raggi X, i ricercatori sono stati in grado di analizzare il loro gustoso cioccolato a livello micrometrico (un millesimo di millimetro), un processo che ha portato a una serie di video completi con analisi scientifiche di accompagnamento.

In totale, la squadra di Lowe ha radiografato otto tipi di cioccolato pasquale: un coniglietto pasquale al cioccolato, un uovo di Pasqua, un Toblerone, un uovo di crema, un kit Kat, un Malteser, un Ferrero Rocher e una barretta Double Decker.

Questi importanti esperimenti scientifici hanno portato alla luce alcuni risultati interessanti, come la natura relativamente poco cotta della popolare barra Kit Kat.

L’analisi ha rivelato che quasi la metà di un Kit Kat non è fatto di cioccolato: il 53% della barra è cioccolato, ma i suoi biscotti (18%) e wafer (29%) elementi che costituiscono un significativo 47% della barra. I ricercatori dicono che la struttura di un Kit Kat è simile in molti modi a certe rocce che stanno studiando per l’estrazione di petrolio e gas.

“La parte interessante della barra Kit Kat è la struttura fine del wafer che può essere analizzata utilizzando un modello di rete simile a quello utilizzato per capire come viene connessa la porosità nelle rocce e questo ha implicazioni per l’estrazione”, spiega Lowe. “Nel video, la rete visualizzata mostra che il wafer è una complessa struttura interconnessa di forma abbastanza uniforme.”

Il rock-solido Yorkie, d’altra parte, si è rivelato essere il banco più denso testato, il che non dovrebbe sorprendere nessuno che ha quasi perso un dente cercando di rompere l’irrinunciabile must britannico, dal nome della città di origine, York. La porosità nello Yorkie, dicono i ricercatori, ha una stretta somiglianza con i pori trovati nei componenti metallici stampati in 3D.

Be the first to comment on "Pasqua poche cosa da fare e allora il dott. Tristan Lowe della Università di Manchester scansiona in 3d il cioccolato"

Leave a comment