Pantone e la stampa 3d

Pantone Matching System (PMS) dello specialista della misurazione del colore basato sul New Jersey, Pantone è lo standard di colore più utilizzato al mondo. Attraverso lo sviluppo di stampanti 3D a colori, è logico quindi che questa tecnologia sia conforme anche al PMS e sia in grado di replicare il colore in modo riconoscibile e, in definitiva, ripetibile al 100%. Alcuni sistemi, tra cui Stratasys J735 e J750 , e il filamento FiberForce sono già stati validati da Pantone. Ma quali sono le prospettive per il sistema? L’industria della stampa 3D parla con Iain Pike, direttore del Business Development Partner di Pantone, per saperne di più.

Pantone fa parte della Danaher Corporation che ha acquisito la società madre di Pantone, Xrite , con sede nel Michigan. Xrite è uno dei leader nelle misurazioni dei colori e nei prodotti di gestione ed è anche l’editore del formato di file AxF che viene utilizzato per acquisire e archiviare le caratteristiche dei materiali nel software CAD.

Secondo Pike, Pantone è stata fondata per risolvere il problema della comunicazione del colore nel processo di progettazione e produzione. E la sua ragion d’essere è “fornire un linguaggio cromatico universale che permetta alle persone di prendere decisioni critiche sul colore in ogni fase del flusso del prodotto.” Questo linguaggio è indicato nei PMS in base ai numeri e quindi per esprimere questi colori, designer e i produttori devono solo comunicare ai codici numerici di livello. “Partendo dai marchi e passando alle catene di fornitura di quei marchi”, aggiunge Pike, “[Pantone] comunica i colori in modo che l’intento progettuale possa essere realizzato nel prodotto finale”.

Al momento, oltre 10 milioni di progettisti e produttori utilizzano la combinazione di colori Pantone e altri prodotti, facendo riferimento ai campioni e ai riferimenti della società come le guide stampate e le versioni digitali stampate. Una versione unica di questo materiale è la guida Pantone Skintone che è un “riferimento visivo completo dei toni della pelle umana” basato sulla ricerca globale di diversi colori della pelle. In questo progetto, Pike ha continuato: “Siamo stati suddivisi in 110 colori unici. Quindi questi toni della pelle sono usati abbastanza estesamente nel campo cosmetico o per le protesi mediche, ecc. ”

Il processo di convalida dei colori sviluppato da Pantone è un modo in cui gli OEM di stampanti 3D possono superare le sfide di standardizzazione. Le macchine con licenza Pantone, come la Stratasys J750, sono validate da terze parti che mappano i colori e trovano i limiti delle macchine. “Una delle cose che accadono nel nostro processo di convalida Pantone è che possiamo valutare la capacità di un dato dispositivo di […] simulare l’intera gamma di colori nella pubblicazione Pantone”, ha spiegato Pike. Questi test stabiliscono limitazioni del software e delle macchine da utilizzare con PMS. “A volte i colori non sono realizzabili, sono fuori dal gamut”, aggiunge Pike, e nel caso di Stratasys il produttore di stampanti 3D ha trovato un indicatore di precisione che funziona come gli ideogrammi della palla di Harvey. “È pieno, il che significa che è una rappresentazione di buona qualità, oppure è accurato al 25, 50 o 75 percento”, spiega Pike, riferendosi a una torta come le palle di Harvey. “Questo è ciò che ti dà un’idea stimata di quanto bene quel particolare colore si abbinerà ai materiali originali di Pantone.”

Parlando in generale del ruolo della PMS nel settore, Pike ritiene che “il potenziale per il colore nella stampa 3D sia grande”.

“C’è un lato della stampa 3D che è più funzionale”, aggiunge, “e c’è un altro lato che richiede l’estetica del colore. Non solo colori, ma colori accurati, colori uniformi e gradevoli. “

Esiste anche la possibilità che il PMS venga utilizzato in sistemi di post-elaborazione, come PowerShot Surfacing di DyeMansion , che è attualmente validato con il sistema di corrispondenza dei colori RAL in competizione .

Quando si parla di aziende produttrici di materiali, Pike afferma: “La maggior parte dei fornitori di filamenti ha già una certa gamma di colori, ed è abbastanza facile per noi lavorare con loro per vedere se alcuni di questi colori si allineano meglio con le nostre identità Pantone. ”

“E SE COMMERCIALIZZASSERO QUEI PRODOTTI USANDO ANCHE LE IDENTITÀ PANTONE, POTREBBERO ESSERE IN GRADO DI ATTIRARE PIÙ UTENTI PER I LORO FILAMENTI”.

Ogni anno, Pantone Color Institute pubblica il rapporto Pantone Fashion Color Trend, un’indagine sui colori popolari dell’anno. Il colore principale di quest’anno è “Living Coral” con un codice Pantone: 16-1546. I produttori di filamenti possono trarne vantaggio fabbricando filamenti nel colore della categoria dell’anno. FiberForce, ad esempio, attualmente vende il filamento di colore “Living Coral”.

Be the first to comment on "Pantone e la stampa 3d"

Leave a comment