Ourobotics e la biostampante Renegade completamente Open Source che costa solo 900 euro una rivoluzione nel bioprinting

Ourobotics presenta la  Renegade 3D la bio stampante 3d bioprinter completamente open source.

La Ourobotics la start up irlandese ha appena introdotto la loro seconda ‘rivoluzione’ per l’industria del bioprinting: una stampante  3D interamente open source  la Renegade, che può essere assemblataper meno di  900 dollari . La bioprinter Renegade 3D è stata progettata specificamente per estendere la tecnologia bioprinting 3D alle comunità educative e di biomaking. Le istruzioni fai da te sono disponibili per il download tramite Ourobotics e 3Ders.org.

Il  bioprinting è uno dei settori più importanti e in più rapida crescita fra i sottoinsiemi della tecnologia della stampa 3D. Alcuni impianti biostampati sono già stati utilizzati in complessi interventi chirurgici salva-vita, mentre la stampa 3d di  tessuti e organi può essere utilizzata per i test sui farmaci e sulla tossicità, riducendo la necessità della sperimentazione sugli animali . Recentemente, un cervello in 3D biostampato  ha rivelato la fisica dietro lo sviluppo della corteccia umana, e in un prossimo futuro, gli organi stampati interamente in 3D saranno in gradi di contribuire a colmare il divario enorme tra i pazienti in stato di bisogno e i donatori di organi disponibili.

Eppure, nonostante i recenti importanti progressi nel bioprinting 3D, la tecnologia è ancora proibitiva, e rimane quindi in gran parte nelle mani di poche multinazionali di alto profilo. La start up irlandese  Ourobotics, lavora per cambiare la situazione una volta per tutte rompendo il monopolio dell’industria bioprinting .

In precedenza, abbiamo già scritto della  Revolution 3D Bioprinter di Ourobotics ‘ stampante  modulare e aggiornabile , che può non solo stampare in 3d con 10 e + materiali all’interno di un’unica struttura, tra cui bioinks, inchiostri conduttivi, gel e altro, ma è anche disponibile per circa  13,000 euro cioè costa dieci  volte meno  al costo di molte altre biostampanti  3D attualmente disponibili sul mercato.

Ora, Ourobotics ha rilasciato una stampante  del tutto open source, personalizzabile, sul modello a estrusione a siringa, la Renegade , creata appositamente perportare  la tecnologia del bioprinting 3D nelle mani di  studenti, insegnanti, e potenziali biomakers .

“La abbiamo chiamata Renegade  perché farà la rivoluzione  che sarà open source,” Dr. Stephen G. Grey , co-fondatore di Ourobotics, ha dichiarato a 3Ders.org. “La  Renegade dovrebbe essere dirompente, potremo  vedere quello che la gente può fare quando in realtà ha  accesso alla tecnologia  di queste macchine.”

Anche se è un modello molto più contenuto  rispetto alla Revolution , senza i 10 e+  multi-materiali e il ri-tooling, l’idea alla base del modello 3D bioprinter open source Ourobotics ‘è che attraverso il rilascio di una   macchina base aggiornabile alla didattica e al biomaking di comunità, gli utenti provenienti da una grande varietà di posti saranno, in primo luogo,  introdotti alla tecnologia di bioprinting 3D in una fase iniziale, e in secondo luogo, contribuiranno con le loro idee, a progettare i propri aggiornamenti, e, infine, a creare macchine su misura per le loro specifiche esigenze di bioprinting.

“Il mio modo di vedere è che si potrebbe portare [la Renegade] nelle università, nelle scuole, si potrebbero avere Studenti delle scuole superiori o studenti universitari che imparano il bioprinting stampando a basso costo, o in grado di costruire le proprie stampanti”, ha dichiarato Gray. “La gente lvede le macchine di bioprinting  come  macchine molto costose, ma io dico, ad essere onesti, la bioprinter Ourobotics è abbastanza abbordabile, ma anche un livello inferiore a quello, se si desidera solo per insegnare alla gente come farlo, è possibile costruirsi una bioprinter di base e insegnare  gli elementi essenziali per iniziare “.

Oltre a rilasciare le istruzioni per l’open source, di questa bioprinter RepRap  3D (che è in gran parte basata sull’ estrusore open source di Richard Horne  l’ Universal Paste Extruder ), Ourobotics prevede anche di offrire un servizio di costruzione e vendita di  bioprinters 3D personalizzate o di testine  di estrusione di  bioprinting per una frazione del prezzo di ciò che si può attualmente trovare sul mercato, secondo Gray, costerebbe tra  i 700 e i 900 euro per costruirsi  una macchina bioprinting personalizzata da zero, o Ourobotics potrebbe montarne una tra i 1300 e i 1900 euro  a seconda delle caratteristiche.

“Saremmo quindi in grado di lavorare su aggiornamenti, come un impianto incubatore per la bioprinter base con diversi tipi di testine così da poter stampare con altri materiali, e quindi avere più di una testina di estrusione”, ha aggiunto. Le possibilità sono infinite, ma solo una volta che la domanda di accesso sarà presente.

Ourobotics è stata fondata da Jemma Redmond (che ha appena portato a casa il primo premio al concorso di SVOD Europa) e Stephen G. Gray, un dottorando presso il laboratorio di Weinberg, e socio di ricerca post-dottorato presso il laboratorio del Prof. Roger Kamm, basato sulla collaborazione tra il  biological engineering del MIT e lo  SMART Centre di Singapore. Egli è anche il co-fondatore e CEO di bioChanges, e visiting lecturer presso la Dyson School of Design Engineering dell’Imperial College London del Royal College of Art and Design.

“Ho iniziato a modificare le stampanti rep rap standard, in bioprinters come un hobby  due anni fa   per la mia ricerca sui biomateriali quando il campo era nella sua infanzia”, ​​ha dichiarato. A quel tempo, il Dr. Domenic Southgate dell’Imperial College lo ha invitato a co-supervisionare un team che ha sviluppato una bioprinter personalizzata per creare una sedia a rotelle sensibile alla pressione con il Rio Tinto Sport Innovation Challenge. “Il modello che abbiamo creato è risultato simile a quella dei BioBots uscito nel maggio 2015, ma la differenza è stata che lo abbiamo fatto due anni faper il progetto Paralimpiadi ed è stato accantonato”, ha continuato Gray.

Pochi anni dopo, ha incontrato Redmond, “la prima persona che ho incontrato con il potenziale per rivoluzionare il settore bioprinting 3D”, e hanno intrapreso il loro viaggio ambizioso con Ourobotics.

Ourobotics bioprinter biostampante 3d Renegade 02L’ultima versione della rivoluzionaria Bioprinter, con un incubatore integrato di nuova concezione sarà presto realtà

Per quanto riguardala  la Renegade 3D Bioprinter in particolare, il team di sviluppo è  composto da lead designer Oksana Anilinyote di RCA / MIT Media Lab; dall’esperto di software Andrew Comerford dell’Imperial College di Londra / ; da Raunaq Bose dell’Imperial College di Londra / RCA; e da Sim Castello di TU Delft, con il Dr. Domenic Southgate che svolge  il ruolo di Design Advisor.

Gray  crede che cio che distingue  Ourobotics  da altre aziende del  bioprinting è il loro impegno non solo a sviluppare hardware modulare e conveniente, ma anche di collaborare con partner in tutto il mondo accademico, con l’industria medica, con le aziende farmaceutiche, e col al fine di spingere veramente la tecnologia bioprinting 3D in avanti .

“Stiamo vendendo l’hardware ad un prezzo  abbastanza abbordabile, ma che non è la visione di Ourobotics . Noi non vogliamo diventare una società di hardware, vogliamo essere una società che può collaborare con diversi docenti universitari, aziende diverse … siamo più interessati alle società di persone e alla progressione di ciò che possiamo fare in futuro. ”

A tal fine, Ourobotics ha una lunga lista di autorevoli consulenti accademici e industriali, che stanno fornendo prezioso feedback e consigli su tutto, dai nuovi biomateriali (ad esempio, il professor Alexander Seifalian, un prefessor delle nanotecnologie e medicina rigenerativa presso UCL che è specializzato e sta sviluppando organi sintetici per il trapianto), ai piani aziendali per il futuro della Ourobotics.

Gray e il team Ourobotics ha annunciato l’uscita della loro open source bioprinter Renegade 3D  questa settimana ad un evento bioChanges ospitato dal Gruppo Tangible Media presso il MIT Media Lab.

“L’idea è che vogliamo essere il tipo di società che, anche se abbiamo l’attenzione su un settore, l’industria medica, possiamo ancora lavorare in diversi settori, e la bioprinter open source permetterà alle persone di accedere a questo in qualsiasi parte del mondo “, ha detto Gray.

Evidentemente, il team Ourobotics ha grandi ambizioni per rivoluzionare il settore del bioprinting 3D, così come ha il design, la bioingegneria, la robotica e le competenze per farlo. Ma al fine di realizzare veramente questo, la loro prima missione è quella di abbattere le barriere di accesso, che inizia con un movimento di massa con l’open source. Oggi  la missione è veramente cominciata: potete trovare le istruzioni   a questo indirizzo : http://www.3ders.org/images2016/ourobotics-bioprinter-instructions.pdf, mentre è in lavorazione la pagina su Instructables

Entro la fine dell’anno, Ourobotics prevede di lanciare una campagna su Kickstarter per sviluppare ancora di più la propria idea open source con la bioprinter Renegade . Stanno  inoltre costantemente aggiornando e migliorando il modello della  bioprintiner Revolution 3D .

 

Be the first to comment on "Ourobotics e la biostampante Renegade completamente Open Source che costa solo 900 euro una rivoluzione nel bioprinting"

Leave a comment