Ospedale di Brescia coronavirus le valvole per la rianimazione scarseggiano: si stampano in 3D

L’ospedale italiano salva le vite dei pazienti Covid-19 con valvole di stampa 3D per dispositivi di rianimazione
La catena di approvvigionamento è stata spezzata, le persone e la stampa 3D sono saliti all’occasione

Molti si sono chiesti quali saranno le conseguenze dell’attuale pandemia di Covid-19 sulla produzione additiva come industria. La relazione tra coronavirus e stampa 3D non è del tutto chiara, soprattutto perché siamo molto lontani dal comprendere quali saranno le implicazioni a lungo, medio e persino a breve termine della pandemia sulle catene di approvvigionamento globali.

La produzione additiva può essere in grado di svolgere un ruolo nell’aiutare a supportare le catene di approvvigionamento industriali che sono interessate dalle limitazioni della produzione e delle importazioni tradizionali. Una cosa è certa: la stampa 3D può avere un effetto benefico immediato quando la catena di fornitura è completamente rotta. Questo è stato, fortunatamente, il caso in cui un ospedale del Nord Italia aveva bisogno di una valvola sostitutiva per un dispositivo di rianimazione e il fornitore si era esaurito senza alcun modo per ottenere di più in breve tempo.


Uno dei maggiori problemi immediati che il coronavirus sta causando è l’enorme numero di persone che necessitano di terapia intensiva e ossigenazione per sopravvivere all’infezione abbastanza a lungo da permettere ai loro anticorpi di combatterla. Ciò significa che l’unico modo per salvare vite umane a questo punto – oltre la prevenzione – è avere quante più macchine di rianimazione funzionanti possibile. E quando si rompono, forse la stampa 3D può aiutare.

Massimo Temporelli , fondatore del FabLab di Milano e promotore molto attivo e popolare dell’Industria 4.0 e della stampa 3D in Italia, ha riferito venerdì 13 di essere stato contattato da Nunzia Vallini, direttore del Giornale di Brescia, con il quale è stato collaborando da diversi anni per la diffusione della cultura dell’Industria 4.0 nelle scuole.

Ha spiegato che l’ospedale di Brescia (vicino a una delle regioni più colpite per le infezioni da coronavirus) aveva urgentemente bisogno di valvole (nella foto) per un dispositivo di terapia intensiva e che il fornitore non poteva fornirle in breve tempo. L’esaurimento delle valvole sarebbe stato drammatico e alcune persone potrebbero aver perso la vita. Quindi ha chiesto se sarebbe possibile stamparli in 3D

Dopo diverse telefonate a fablabs e aziende a Milano e Brescia e poi, fortunatamente, una società della zona, Isinnova , ha risposto a questa richiesta di aiuto tramite il suo fondatore e CEO Cristian Fracassi , che ha portato una stampante 3D direttamente in ospedale e, in poche ore, riprogettato e quindi prodotto il pezzo mancante.

La sera di sabato 14 (il giorno successivo) Massimo ha riferito che “il sistema funziona”. Al momento della scrittura, 10 pazienti sono accompagnati nella respirazione da una macchina che utilizza una valvola stampata in 3D. Poiché il virus continua inevitabilmente a diffondersi in tutto il mondo e rompe le catene di approvvigionamento, le stampanti 3D – attraverso l’ingegnosità delle persone e le capacità di progettazione – possono sicuramente dare una mano. O valvola, o equipaggiamento protettivo, o maschere, o qualsiasi cosa di cui avrete bisogno e che non potete ottenere dal vostro solito fornitore.

Be the first to comment on "Ospedale di Brescia coronavirus le valvole per la rianimazione scarseggiano: si stampano in 3D"

Leave a comment