Origami Robot Gripper al MIT hanno sviluppato una pinza robot che utilizza una struttura di origami stampati in 3D per sollevare fino a 100 volte il proprio peso

Questa pinza robot sembra un fiore appassito, ma può sollevare 100 volte il proprio peso

Un robot morbido perfetto per il confezionamento di generi alimentari

Se qualcuno ti chiedesse di immaginare un robot, dice Daniela Rus, un professore del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del MIT, probabilmente penseresti a un robot a forma umana oa un robusto braccio di un robot industriale. “Ma per me, mi piacerebbe vedere un cambiamento”, dice a The Verge .

L’ultimo lavoro del suo team al MIT è un esempio perfetto. È un robot gripper progettato per raccogliere oggetti, ma il suo aspetto non è convenzionale, per non dire altro. Visivamente, ha più in comune con un tulipano di gomma o un palloncino sgonfiato rispetto a una mano robotica fantascientifica.

Ma è questo look unico che rende la pinza così potenzialmente utile. Sotto la sua pelle di gomma c’è uno scheletro di origami a forma di stella di mare. Quando il gas viene pompato dentro e fuori dalla custodia ermetica della pinza, l’intero dispositivo si apre e si chiude come un fiore. Ciò consente al dispositivo di raccogliere oggetti delicati senza danneggiarli, mantenendo comunque una presa abbastanza forte da sollevare 100 volte il proprio peso.

“Combinando questo scheletro pieghevole con l’esterno morbido, otteniamo il meglio da entrambi i mondi”, dice Rus . “Sono eccitato all’idea di usare una tale mano robot per iniziare a cogliere la spesa.”

Le pinze morbide del robot come questo non sono nuove. Negli ultimi dieci anni, il settore ha registrato un boom , con gli ingegneri che cercano di sfruttare le macchine morbide di tutte le forme e dimensioni. Un caso di uso naturale è la logistica: movimentazione di articoli in magazzini e fabbriche. Sebbene gran parte di questo lavoro sia stato automatizzato, gli esseri umani sono ancora ampiamente impiegati da aziende come Amazon per selezionare e ordinare singoli articoli, imballandoli in sacchetti e scatole.

Questo perché le tradizionali pinze robot in metallo e plastica dura lottano con oggetti delicati e forme irregolari. Il vecchio cliché di un robot killer fuori controllo che canta “crush, destroy” non è troppo lontano qui. Il tuo robot di fabbrica medio oggi non potrebbe disfare i tuoi acquisti senza trasformare le uova in omelette e arance in succo d’arancia.

La pinza è stata testata su un ampio numero di oggetti, inclusi frutta, verdura, bottiglie e lattine. Foto: MIT CSAIL
Le morbide pinze robot sembrano la migliore soluzione a questo problema e negli ultimi anni hanno visto un’esplosione di questa tecnologia. Laboratori come CSAIL e aziende commerciali come RightHand Robotics sono entrati in azione, sviluppando di tutto, dalle mani gonfiabili di robot alle pinze simili a beanbag ai moduli a forma di tentacoli di polpo .

Rus dice che la sua nuova pinza è una soluzione migliore rispetto a qualsiasi altro progetto precedente. La sua forma a tulipano significa che può avvicinarsi agli oggetti da una varietà di angoli, al contrario di una pinza a mano, che di solito deve venire a un oggetto dal lato. E grazie al suo origami scheletro, che Rus e il suo team hanno sviluppato nel 2017 , ha forza e flessibilità.

“QUESTO È IL PRIMO … NEL CREARE UNA MANO ROBOTICA CHE POSSA FARE UN LAVORO COSÌ UTILE.”
Per quanto riguarda il motivo per cui tali dispositivi non sono ancora stati adottati in modo più ampio, Rus sostiene che ciò è dovuto al fatto che le soluzioni commerciali non hanno ancora raggiunto “le innovazioni che escono dal laboratorio”. Un’altra ragione potrebbe essere l’inerzia istituzionale. Una volta che le aziende hanno investito in attrezzature costose, sostituirle non è una decisione facile. Soprattutto se aggiornare l’hardware potrebbe significare riorganizzare l’intero flusso di lavoro.

Non c’è dubbio che il campo della robotica morbida continua a sputare creazioni bizzarre e potenzialmente utili. E se Rus e i suoi colleghi hanno la loro strada, non passerà molto tempo prima che la nostra immagine mentale di ciò che un robot assomiglia ai cambiamenti per sempre. “Questo è il primo, a nostra conoscenza, nella creazione di una mano robotica che possa fare un lavoro così utile”, afferma Rus.

Be the first to comment on "Origami Robot Gripper al MIT hanno sviluppato una pinza robot che utilizza una struttura di origami stampati in 3D per sollevare fino a 100 volte il proprio peso"

Leave a comment