Organovo inizia lo sviluppo di tessuto epatico per i trapianti di fegato

Organovo inizia lo sviluppo  di un fegato umano biostampato in 3d per il trapianto

organovo-logoOrganovo ha appena annunciato che inizierà lo sviluppo di  tessuto epatico umano biostampato in 3d per  essere trapiantato direttamente nei pazienti. Se il fatto avrà successo, il tessuto epatico trapiantabile potrebbe essere una svolta nel campo medico,  potrebbe essere la prima “alternativa seria” al trapianto di fegato.

Nei soli Stati Uniti, circa 17.000 pazienti sono attualmente in lista d’attesa per un trapianto di fegato , ma solo  6.000 trapianti di fegato vengono effettuati ogni anno, il che significa che più di 10.000 persone non potranno ottenere il trattamento necessario e dovrà continuare ad attendere all’infinito. Organovo, che ha già introdotto due tessuti biostampati in 3d (ExVive Fegato umano e ExVive Rene umano), spera di sviluppare almeno una temporanea alternativa al trapianto di fegato con il suo tessuto epatico umano bioprinted.

Organovo ha deciso di portare avanti la ricerca per il tessuto epatico umano bioprinted dopo aver sperimentato risultati promettenti nei suoi studi preclinici negli animali, che hanno dimostrato l’attecchimento, la vascolarizzazione, e la funzionalità sostenuta. A seguito dei risultati , Organovo ha annunciato che continuerà il suo lavoro con un programma di sviluppo preclinico formale.
Organovo sta progettando di orientare inizialmente la sua ricerca del tessuto epatico bioprinted a due aree particolari: l’insufficienza epatica acuta cronica (ACLF) e le malattie del fegato metaboliche pediatriche. L’ACLF, è una malattia che colpisce oltre 150.000 persone ogni anno negli Stati Uniti e che provoca il deterioramento della funzione epatica per coloro che vivono con la malattia del fegato. Secondo Organovo il tessuto del fegato biostampato in 3d potrebbe essere una soluzione terapeutica sia per l’ACLF e che per le malattie del fegato metaboliche pediatriche. Sul piano finanziario, le opportunità di mercato indirizzabile totali per le due aree di indicazione sono di oltre  3 miliardi.

In termini di tempo, Organovo è sicuro che se tutto va bene nel suo processo di sviluppo, sarà la presentazione della domanda Investigational New Drug (IND) per il suo 3D bioprinted tessuto epatico per gli Stati Uniti FDA entro i prossimi tre-cinque anni. Inoltre, al fine di accelerare il time to market, l’azienda bioprinting esplorerà anche la designazione terapia innovativa e di sviluppo clinico di fuori degli Stati Uniti.

“Nei nostri studi preclinici, forniamo una patch di tessuto funzionale direttamente al fegato, che si integra bene, rimane sul fegato e mantiene la funzionalità”, spiega Eric Michael David, MD, JD, chief strategy officer e vice presidente esecutivo di sviluppo preclinico , di Organovo. “Crediamo che i nostri tessuti abbiano il potenziale di prolungare la vita dei pazienti in lista d’attesa per un trapianto di fegato, o quelli che vengono esclusi a priori dalla lista d’attesa per i trapianti a causa di altri fattori.”

In altre parole, mentre il il tessuto epatico biostampato non andrebbe a sostituire un intero fegato, potrebbe aiutare ad estendere la funzione e la salute dei fegati malati per i pazienti che sono in lista d’attesa di un trapianto. Inoltre, lo sviluppo del tessuto epatico è un altro passo in avanti per una maggiore comprensione e un miglior sviluppo dei tessuti bioprinted .

Be the first to comment on "Organovo inizia lo sviluppo di tessuto epatico per i trapianti di fegato"

Leave a comment