Orange Maker e la stampa Eliolitografica in 3d (Heliolithography 3D) a spirale

Un brevetto appena rilasciato tenta di chiarire processo di stampa Eliolitografico (Heliolithography 3D) in 3d  di Orange Maker

A volte le campagne di marketing mettono confusione e a volte è difficile distinguere i veri innovatori dai tentativi velleitari. Eppure, ogni tanto qualcosa di originale emerge. Una piccola società di stampa 3D chiamato Orange Maker,ha depositato un brevetto che potrebbe essere una innovazione radicale.

Hanno sviluppato un processo di polimerizzazione a luce UV chiamato Heliolithography che impiega un sistema a spirale rotazionale  che si dice possa aumentare la velocità di stampa, limitando le forze di adesione durante la generazione (sostanzialmente il peso della stampa compromette  la sua capacità di fabbricazione su se stessa sui guadagni di massa). Questo sistema di stampa a spirale potrebbe  consentire la stampa continua in 3D e inoltre permettere l’utilizzo di una più ampia gamma di materiali  rispetto a quello che le stampanti tradizionali SLA consentono attualmente.
L’hanno scorso hanno scritto in un comunicato stampa  che :  “le tecnologie di stampa 3D esistenti, come FDM (stampaggio deposizione fusa) e SLA (stereolitografia) hanno raggiunto i loro limiti” e che “le stampanti attuali richiedono troppo tempo, le stampe mancano di integrità strutturale, e la risoluzione viene sacrificata per dimensioni di stampa “.

Una soluzione deve essere sviluppata e questo è quello sta accadendo in questo momento, ma finora la maggior parte della letteratura disponibile sulla tecnologia è molto scarna e molto sussurrata. Naturalmente, lo scopo del brevetto è quello di spiegare come la tecnologia opera.

Leggendo il brevetto si evince e loro lo hanno ammesso che “alcuni aspetti della Heliolithography sono simili alla stereolitografia.” Ma poi si notano differenze tra i due sistemi :  la “heliolithography utilizza  meglio il “punto singolare” e i concetti di “esposizione” piana per solidificare in continuo il materiale da costruzione, come ad esempio un materiale fotopolimerico, in linee sottili mediante un accumulo aspirale. ”

Il team di Orange Maker sembra essere di talento e motivato, è la creazione di una base sulla costa orientale e si dice che sia dovuta per costruire i rapporti commerciali per far crescere il loro marchio.

Detto questo, mi riservo il mio entusiasmo fino a quando vedo una versione funzionante della stampante 3D in azione. Questo perché ci sono stati troppi casi come BotObjects, i  100 dollari della stampante Peachy stampante e i sistemi 3D Systems a meno di 5000 dollari o la stampante 3d a colori  CubeJet 3D per esempio – in cui  cose grandi sono state promesse solo per poi dimenticarsi di loro nel tempo.

OrangeMaker ha ragione , la stampa 3D ha una lunga strada da percorrere. Speriamo che loroi siano tra quelli che sanno dare un boost.

Andre da 3ders.org

Be the first to comment on "Orange Maker e la stampa Eliolitografica in 3d (Heliolithography 3D) a spirale"

Leave a comment