Olli di Local Motors e Watson di IBM all’Università di Buffalo

Le strade non sono ancora percorse dai veicoli a guida autonoma, ma ce ne sono molti in fase di sviluppo, e uno dei più famosi è probabilmente lo shuttle stampato di Olli . Creato da Local Motors  in collaborazione con  AutoLAB di Watson IoT di IBM,  Olli è il primo veicolo elettrico al mondo co-creato e con guida autonoma, ed è già stato distribuito ai pendolari di Washington, DC e Berlino . Ora Olli sta lanciando operazioni presso l’ Università di Buffalo , portando la sua tecnologia lungimirante e la sostenibilità al campus.

“La nostra partnership con UB riguarda lo sviluppo progressivo di veicoli autonomi in avanti attraverso la collaborazione aperta e la condivisione dei dati”, ha dichiarato Matthew Rivett, Vicepresidente esecutivo di Local Motors, a 3DPrint.com.
L’Università di Buffalo utilizzerà Olli per l’educazione e la mappatura autonoma dei veicoli, ma anche per il trasporto nei campus. Il progetto è stato co-gestito dall’Autorità per lo sviluppo e la ricerca energetica dello Stato di New York e dal Dipartimento dei trasporti dello Stato di New York e sostiene l’obiettivo del Governatore Andrew M. Cuomo di ridurre le emissioni di gas serra del 40% entro il 2030.

“Siamo lieti di collaborare con l’Università di Buffalo e lo Stato di New York per implementare e personalizzare Olli per i loro test di mobilità e le strategie di sostenibilità”, ha affermato Rivett. “Questa partnership mostra come i campus, gli stati e gli altri possono investire ed esplorare il futuro dei trasporti. Local Motors è impaziente di assistere UB e futuri partner su soluzioni pratiche e opportunità di ricerca per le sfide della mobilità “.
Sebbene ci siano ancora preoccupazioni sulla sicurezza dei veicoli autonomi , Olli ha dimostrato di essere un mezzo di trasporto sicuro e affidabile in una varietà di impostazioni. La navetta è personalizzabile e può essere utilizzata come veicolo singolare o come parte di un più ampio treno di veicoli. La struttura stampata in 3D di Olli consente facilmente le sue opzioni di personalizzazione, oltre a essere un mezzo di produzione efficiente ed ecologico. Lo shuttle autonomo è stato creato per la prima volta nel 2016 e sta aprendo la strada ad altri veicoli a guida autonoma in fase di sviluppo, molti dei quali utilizzano anche la tecnologia 3D.

“Siamo entusiasti di avere lo shuttle Olli nel campus, facendo avanzare lo stato come leader nella tecnologia senza driver, espandendo al contempo la nostra conoscenza dell’interazione uomo-macchina, fondamentale per comprendere l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico”, ha dichiarato il Vicepresidente dell’Università di Buffalo. e sviluppo economico Venu Govindaraju. “Abbiamo progettato l’ecosistema di UB – da ricercatori e strutture di livello mondiale a partnership dinamiche con il governo e l’industria – per supportare queste opportunità che favoriscono scoperta, innovazione e collaborazione”.
Olli è un’opzione di trasporto altamente sostenibile, in quanto incoraggia i pendolari a impiegare il trasporto di massa e anche a scaricare l’elettricità. Prima che le persone inizino a guidare auto autonome, è probabile che vedremo più opzioni di trasporto pubblico di massa come Olli. Olli non è un veicolo super veloce, con una velocità massima di 25 mph, ma come navetta non ha bisogno di essere. Il veicolo autonomo è particolarmente adatto per ambienti come campus universitari o strade cittadine – non vedrai Olli volare in autostrada in qualsiasi momento presto. Il prossimo passo in veicoli autonomi potrebbe essere auto-guida di singole auto, ma non siamo ancora a quel punto. Fino ad allora, i pendolari possono trarre vantaggio dal grande passo in avanti nella tecnologia che è lo shuttle self-driving.

Be the first to comment on "Olli di Local Motors e Watson di IBM all’Università di Buffalo"

Leave a comment