Ad Amsterdam creato in laboratorio il primo bimbo robot nato dalla procreazione di altri due robot

La riproduzione dei robot: un bimbo robot stampato in 3D, il primo al mondo, è nato

Olanda primo robot nato da due altri robot professor Guszti Eiben 02Probabilmente non è il primo bambino a nascere da una relazione amorosa in laboratorio, ma certamente è l’unico del suo genere. Nel laboratorio di Intelligenza Artificiale dell’Università VU di Amsterdam, due robot stampati in 3d, che recentemente amoreggiavano,  hanno generato insieme  un bambino robot stampato in 3d che presenta le caratteristiche di entrambi i genitori. Il bimbo robot stampato  in 3D  è stato sviluppato dal professor Guszti Eiben, che ha presentato il bimbo robot al Campus Party al Jaarbeurs di Utrecht pochi giorni fa. Esso segna l’inizio, dice, di una nuova era di sviluppo: l’evoluzione industriale.

Questo notevole bimbo robot è stato in fase di sviluppo per alcuni anni . Attraverso una collaborazione con i colleghi di un certo numero di diverse università, il professore Eiben e il suo team hanno sviluppato un sistema di consegna robotico che include una ‘sala parto’, un ‘asilo’ e una ‘arena’, in cui i robot imparano a camminare, vivono , lavorano e alla fine procreno se stessi. Il risultato è il bimbo robot stampato in 3D , che può completare l’intero ciclo di vita .

Come prova di concetto, Eiben e la sua squadra hanno sviluppato alcuni robot con il proprio ‘robot DNA’, che è poco più del codice che costituisce il robot (sia in termini di hardware che di software). E come Eiben spiega ai giornalisti di Scientias, ‘il sesso robotico’ è leggermente diverso dalla versione umana. “Non è così eccitante come si potrebbe pensare”, spiega Eiben. “Prima  del sesso le persone di solito , hanno un primo incontro e si fanno un po’ di corte l’un l’altro. I Robot sanno fare anche questo. “Si avvicinano l’un l’altro ad una certa distanza, per analizzare il loro potenziale partner. Se entrambi ottengono  risultati positivi, fanno ‘sesso’. Si tratta di poco più di una combinazione casuale del loro DNA tramite Wi-Fi.

Insieme, successivamente inviano questa miscela di DNA ad una stampante 3D, che produce un corpo che combina gli elementi di entrambi i genitori. “E  stampa una gran parte delle parti necessarie, e lo fa in modo completamente casuale. Quindi, anche se i robot hanno più di un bambino, ognuno è  diverso dai fratelli “, spiega Eiben. Ma proprio come in natura, le mutazioni possono sicuramente verificarsi. Nel caso del primo bambino robot 3D stampato al mondo, i genitori hanno unito le loro tecniche di movimento simili ai ragni e alle lucertole per formare una creatura ibrida.

Il bambino è successivamente addestrato a soddisfare alcune condizioni prima di essere considerato sessualmente maturo. A seconda della sua applicazione, questo potrebbe essere qualsiasi cosa, da ricaricare la sua batteria a camminare ad una certa velocità. Non dovesse soddisfare queste condizioni, il robot viene riciclato  . Le condizioni stesse sono determinate dagli esseri umani, e possono essere modificate per qualsiasi applicazione. Nel Robot Mining, per esempio, devono essere in grado di recuperare abbastanza minerale per considerarsi maturi. L’ Invecchiamento può, naturalmente, essere raggiunto anche il primo giorno, a seconda o meno se il nuovo design sia funzionale.

La bella (e un po ‘inquietante) risultanza è una sorta di sistema di evoluzione industriale. La squadra di Eiben può programmare i robot in modo tale che la procreazione sia soltanto possibile se si verifica un grande successo nelle loro applicazione di mining subacqueo, per esempio. Due robot di estrazione di successo possono poi rivedersi positivamente a vicenda, e produrre prole che potrebbe essere ancora più efficiente. “Questa evoluzione avviene naturalmente e non si può fermare”, dice Eiben. Per i robot che, per qualsiasi ragione, non sono in grado di diventare sessualmente maturi o trovare un partner, scompaiono con il loro DNA. Solo i robot di successo prosperano e trasmettono il loro DNA di successo. Anche se questo primo bimbo non sembra essere più funzionale rispetto ai suoi genitori , i suoi fratelli potrebbero forse trovare nuovi schemi di movimento abbastanza rapidamente.

Come spiega Eiben, questa evoluzione potrebbe essere la chiave per superare gli ostacoli attuali o anche imprevisti attraverso la robotica. “L’evoluzione è un designer potente. L’evoluzione delle cose è una nuova tecnologia che sfrutta la potenza di selezione e di riproduzione per  crescere robot che sono impossibili da realizzare o concepire utilizzando tecniche classiche. I corpi, i cervelli e i modelli comportamentali vengono costantemente testati dall’ambiente, con i loro attributi utili rafforzati attraverso le generazioni . Questa tecnologia apre la strada a nuove scoperte nel campo della robotica, nell’intelligenza artificiale, nell’esplorazione dello spazio e anche nella biologia.”

Scenari futuri  catastrofici alla Matrix vengono immaginati da qualcuno, ma Eiben non è preoccupato di dove questo ci porterà. “Abbiamo volutamente creato una struttura centrale dove vengono prodotti tutti i bambini. Gli esseri umani sono in controllo della struttura, e si può arrestare la riproduzione, se vogliamo “, dice. “I robot non saranno in grado di moltiplicarsi senza controllo, il mio laboratorio non funzionerà su questo.” Mentre gli scettici potrebbero dire che i robot potrebbero, nel tempo, diventare così intelligente da trovare un modo, Eiben dice che non c’è un possibile scenario in cui questo possa accadere.

Questo sistema di evoluzione industriale per ora è ancora piuttosto modesto e impossibile da sostenere senza l’intervento dell’uomo. “La stampante 3D ha bisogno di una ventina di ore per la stampa 3D di tutte le parti, e dobbiamo assemblarli a mano e trovare tutti i fili e le CPU nella nostra stanza di approvvigionamento. ma le cose diventeranno sempre più autonome”, dice Eiben.

Ma con la tecnologia di stampa 3D che migliora costantemente, Eiben crede che potrebbe essere possibile stampare in 3d  parti in movimento in tre-cinque anni da oggi. “Una volta che si realizza, l’evoluzione industriale diventerà una realtà, e non saremo gli unici a lavorare in questa direzione”, dice Eiben. “Questa tecnologia  espanderà notevolmente il potenziale robotico, ma è quasi impossibile evitare gli abusi disistema.”

E ‘tutto ancora molto futuristico, ma Eiben sta immaginando tre scenari in cui verranno usati questi robot. Il primo è semplicemente per scopi di ricerca: per dare un quadro più chiaro l’intelligenza artificiale e l’evoluzione naturale. Il secondo è l’uso in aree remote, dove i robot possano sviluppare più efficienti metodi di movimento o di ricognizione che si adattano alle realtà locali. “E ‘una combinazione di selezione naturale e umana, con gli esseri umani la determinazione dei criteri per la procreazione”, dice Eiben.

Il terzo è più ambizioso. “Potremmo dare al robot accesso alla scuola materna. Potremmo fare questo quando si inviano i robot di un pianeta lontano, dove si possono ottimizzare singolarmente i progetti con lo scopo di rendere i pianeti abitabili “, dice Eiben. Questo bimbo stampato in 3D  è solo il primo passo in questa direzione, e la stampa 3D è destinata a svolgere un ruolo cruciale nello sviluppo di questa nuova forma di intelligenza artificiale.

Be the first to comment on "Ad Amsterdam creato in laboratorio il primo bimbo robot nato dalla procreazione di altri due robot"

Leave a comment