Oculus Medium e i mostri del cinema stampati in 3d

Gli effetti del cinema, inclusi oggetti di scena, figure, maschere, trucco e altro ancora, sono un pilastro molto amato nell’industria degli effetti speciali (FX) che sta diventando sempre più digitale. Nessuna quantità di CGI può sostituire la connessione viscerale con gli attori e il pubblico . Anche i grandi eventi del settore, come le convention, beneficiano spesso di pezzi in vetrina che mettono in risalto le prodezze del design dei team FX.

Le tecnologie avanzate, tra cui la stampa 3D, stanno prendendo il loro posto e colmano il divario tra gli approcci digitali e tradizionali della FX. Lo vediamo con sempre maggiore frequenza , dal momento che la stampa 3D può dare vita ai progetti digitali come manifestazione fisica della magia cinematografica.

Ad aprile, Monsterpalooza conquistò Pasadena. Gli amanti dei mostri e della magia del cinema si riuniscono ogni primavera per celebrare l’arte degli effetti speciali. Il team di Oculus Medium era entusiasta di partecipare all’evento per condividere quell’amore e mostrare una nuova generazione di mostri. La tecnologia del team entra in gioco per designer e artisti nel loro flusso di lavoro, dall’ideazione alla prototipazione alla modellazione e nella creazione di installazioni di arte fisica per la visualizzazione.

In piedi alto quasi due piedi, questo mostro stampato in 3D è stato un punto culminante della cabina Monsterpalooza di Oculus Medium
Con la scultura di realtà virtuale in loco e una serie di mostri stampati in 3D, Oculus Medium ha portato i partecipanti al futuro degli effetti visivi (VFX).

Come pezzo da esposizione, Oculus Medium ha avuto come punto di forza tra le sue creature un nuovo mostro creato attraverso la collaborazione e la tecnologia.

Concept art di  Carlos Huante ; la modellazione di Gio Nakpil di Oculus Medium  ; Stampa 3D, stampaggio e casting di  Christopher Dombos  of  Arcane Visionaries ; e un dipinto dettagliato di  Tim Gore in evidenza su questo mostro unico nel suo genere.

Alto quasi due metri, il mostro finito è il culmine di mesi di creatività artistica e rappresenta l’approccio che i team creativi prendono per sviluppare look per i mostri cinematografici. Serve anche a evidenziare ciò che Oculus Medium chiama la perfetta integrazione della realtà virtuale in una pipeline professionale consolidata.

Il team collaborativo, formato da “VFX legends”, ha messo a frutto Oculus Medium e ha scoperto che le capacità di scultura VR sono preziose nel processo.

Questo flusso di lavoro viene condiviso nel nuovo documentario dietro le quinte del team,  Making the Monster , pubblicato oggi.

“Ho detto che, per il prossimo Monsterpalooza, dovremmo fare una creatura basata sul design di Carlos”, dice Nakpil nel documentario. “Volevo davvero tirare fuori le forme molto distintive di Carlos che vedi nel suo lavoro, che sono essenzialmente alcune delle più difficili da fare nella scultura.

“E ho scoperto che Medium è in realtà il mezzo perfetto per raggiungere il suo stile di design in CG. Dove sono le mie mani dove è la superficie, è molto immediato. Sai, il marchio che faccio è in superficie, proprio come l’argilla. Alla fine, avremo questo pezzo che, si sa, deriva dal design di Carlos, dal mio modello, dall’ingegneria di Chris [Dombos] da stampare e dalla vernice magistrale di Tim [Gore]. ”

Mentre i mostri fanno la magia sullo schermo d’argento, portarli lì si riduce agli sforzi umani. L’integrazione della realtà virtuale nella progettazione 3D e lo sviluppo di modelli stampati in 3D consente un flusso di lavoro flessibile e digitale per i team VFX.

“Ho visto stampe 3D da Medium. C’è qualcos’altro che sta succedendo. È qualcosa di nuovo e l’ho adorato “, spiega Huarte. Continua: “Conosco Gio da molti anni, uno dei pochi modellisti della Terra di cui mi fido.”
Quella fiducia era, a quanto pare, ben posizionata mentre il progetto si riuniva per la presentazione a Monsterpalooza, dove l’accoglienza era assolutamente positiva. Presso lo stand, Nakpil ha notato che vedere la collaborazione unirsi in un unico pezzo era “semplicemente bello”.

“Rende tutto il tempo e gli sforzi spesi per questo, solo, sai, vale la pena essere qui e vedere le persone che sono fan dei mostri e qualsiasi cosa relativa alle creature lo apprezzi”, ha detto.
Il design della realtà virtuale sta venendo alla ribalta per ulteriori applicazioni, come questo elaborato mostro mostra. Dal film VFX ai pupazzi di compleanno stampati in 3D agli avatar dei social media , Oculus Medium consente di raggiungere una portata più ampia nelle funzionalità di progettazione avanzate. Oltre al design, l’uso del design VR con la stampa 3D offre agli utenti esperti importanti opportunità di business .

Per divertirsi di più con i mostri, Son of Monsterpalooza sta arrivando a Burbank a metà settembre.

Be the first to comment on "Oculus Medium e i mostri del cinema stampati in 3d"

Leave a comment