Nuovi dati sulle emissioni di particelle di stampanti 3D e misure di sicurezza Standard ANSI / CAN / UL 2904

Standard ANSI / CAN / UL 2904: nuovi dati sulle emissioni di particelle di stampanti 3D e misure di sicurezza

Gli innovatori di tutto il mondo apprezzano l’euforia associata alla stampa 3D mentre esplorano un nuovo regno di infinite possibilità. Sfortunatamente, questo fantastico nuovo mondo è anche pieno di minuscole particelle galleggianti che possono essere pericolose per l’uomo. Siamo pronti a diventare istruiti riguardo alle preoccupazioni per la salute, poiché stiamo imparando come utilizzare il nuovo entusiasmante software, l’hardware e utilizzare i materiali associati? Gli esperti di tutto il mondo sicuramente sperano di condividere ulteriori ricerche su quali effetti possono avere le emissioni di stampa 3D sui nostri corpi.

Recentemente, UL Chemical Safety ha annunciato la pubblicazione del ” Metodo standard per testare e valutare le emissioni di particelle e sostanze chimiche da stampanti 3D “. Lo studio delinea i modi per evitare i rischi per la salute dovuti all’inquinamento indoor attraverso le particelle e le sostanze chimiche volatili create durante la stampa 3D, e segue il lavoro dello scorso anno incentrato anche sulla qualità dell’aria interna .

Quattro diversi studi sono stati coinvolti nel momento culminante dell’ultima versione di UL, includendo ” Caratterizzazione delle emissioni di particelle da stampanti 3D modellabili depositate dai consumatori ” e ” Investigazione delle emissioni di particelle e aerosol da una stampante 3D modellabile per deposizione di consumatori con un modello aerosol logico momentaneo , entrambi gli articoli sono stati pubblicati su Aerosol Science and Technology.

Il nuovo studio continua a discutere di espansione della ricerca e della formazione sui pericoli della stampa 3D, mirando alla stampa 3D non industriale, desktop, con problemi di inquinamento incentrati su aree che inizialmente potrebbero essere considerate innocue, per includere:

Le case
uffici
scuole
biblioteche
“ANSI / CAN / UL 2904 promuoverà la disponibilità di stampanti a bassa emissione e supporti di stampa da utilizzare nel mercato globale. UL è orgogliosa di offrire il suo primo standard di sicurezza per affrontare l’inquinamento chimico e ridurre il suo impatto sulla salute umana “, ha dichiarato Phil Piqueira, VP of Standards for UL.

Gli utenti devono essere consapevoli che potrebbero essere esposti a tossine invisibili note come particelle ultrafini (UFP) che potrebbero avere effetti negativi sui polmoni quando inalate. La ricerca mostra che potrebbero esistere oltre 200 diversi tipi di composti nocivi in ​​grado di influenzare negativamente gli utenti della stampa 3D.

Schematica dei processi di formazione, crescita e perdita di particelle. NPF è una nuova formazione di particelle risultante dalla nucleazione di vapori semi-volatili emessi. (Immagine: ” Caratterizzazione delle emissioni di particelle da stampanti 3D modellabili depositate da consumatori “)

Sono presenti anche altri fattori hardware e materiali, come tipi di stampanti 3D e ugelli collegati, oltre a impostazioni di temperatura, materiali e colori dei materiali e altro ancora. Non sorprende che i filamenti siano considerati il ​​colpevole più grave nel rilascio di emissioni nocive e con poche informazioni a disposizione degli utenti in merito a potenziali danni.

“Il nuovo standard consente ai produttori e agli utenti di stampanti 3D di avere la certezza che le stampanti siano state testate e mostrate conformi ai criteri di bassa emissione per piccole particelle e sostanze chimiche volatili che possono influire sulla salute umana”, afferma Marilyn Black, VP e Senior Technical Consigliere per UL.

Il tema delle preoccupazioni per la salute in relazione alla stampa 3D non è esattamente nuovo, con le preoccupazioni legate quasi non appena la tecnologia si è infiltrata nel mainstream; dopotutto, niente può essere così divertente senza doversi preoccupare della stampa fine o anche delle particelle fini. Abbiamo anche seguito gli studi sui pericoli della stampa 3D da parte dei ricercatori dell’Università del Texas , insieme alle misure di sicurezza nella stampa 3D in metallo da UL AMCC e in RMIT University in Australia. Conoscenza delle problematiche relative ai possibili pericoli e stampa 3D con cura!

Be the first to comment on "Nuovi dati sulle emissioni di particelle di stampanti 3D e misure di sicurezza Standard ANSI / CAN / UL 2904"

Leave a comment