Nuova Meat la bistecca stampata in 3d di Giuseppe Scionti

Nova Meat è una bistecca stampate in 3d a base di piselli e alghe

La scienza e la carne si sono unite negli ultimi anni come marshmallows e fuochi da campo, con molte aziende che cercavano di progettare analoghi di carne che non sono totalmente estrapolati. Alcuni stanno facendo crescere il tessuto muscolare in contesti di laboratorio mentre altri cercano di simulare il sapore e la consistenza della carne con proteine, fibre e amminoacidi a base vegetale. Finora, le alternative a base vegetale già disponibili sembrano assaporare e assomigliare maggiormente al reale, purché si parli di carne macinata. La carne cresciuta in laboratorio ha un punteggio più alto rispetto a una bistecca o un petto di pollo, ma attualmente è proibitivamente costosa da offrire nei negozi e nei ristoranti. Ciò significa che attualmente c’è un mercato sottoservito di persone che vogliono un’alternativa di carne con la consistenza fibrosa di un taglio di carne, ed è qui che la Nova Meat di Giuseppe Scionti potrebbe ritagliarsi la concorrenza.

Scionti ha sviluppato il cibo senza carne utilizzando proteine ​​in polvere di riso o piselli e componenti di alghe. Utilizzando il software CAD Scionti ha progettato un programma per trasformare gli ingredienti in “carne”. Gli ingredienti sono inseriti in una macchina usando una siringa e poi in un lungo micro-filamento da formare in una bistecca. Si dice che la “pasta color paglia” abbia una consistenza simile alle bistecche genuine. La macchina può produrre quasi un quarto di chilogrammo di bistecca vegetariana cruda in meno di un’ora.

Scionti detiene anche un brevetto sul sostituto di carne a base vegetale, dicendo: “Il brevetto è sulla microstraina che imita la struttura naturale del tessuto di carne”. La stampante 3D è stata sviluppata da Scionti presso l’Università Politecnica della Catalogna a Barcellona, ​​in Spagna, e ha avviato Nova Meat lo scorso anno per commercializzare i suoi gustosi risultati. Scionti ha elaborato i suoi obiettivi: “Li abbiamo mangiati con più giornalisti e pensavano che i prototipi a base vegetale possedessero una consistenza simile alla carne animale. Il gusto dei primi prototipi è buono, ma non imita il gusto della carne animale, ancora. Tuttavia, questo non mi preoccupa, perché le tecnologie per imitare il gusto della carne animale sono già state sviluppate negli ultimi anni, mentre la sfida principale per me era ottenere la consistenza e la consistenza della carne animale,

Il successo di aziende come Beyond Meat e Impossible Burger che hanno creato convincenti alternative di carne macinata è assicurato dall’amore americano per hamburger, tacos e peperoncino, in quanto questi alimenti utilizzano carne macinata. Ma le persone che vivono nelle regioni mediterranee mangiano molto meno carne macinata, dove sottolinea Scionti, “… nell’area del Mediterraneo di solito preferiamo mangiare un pezzo di carne fibrosa, e non solo prodotti derivati ​​dalla carne macinata.”

Una delle cause principali per ricercatori come Scionti e altri per trovare queste opzioni non a base di carne è la sostenibilità. Il desiderio di carne sta crescendo a livello globale, ma le risorse consumate e le emissioni prodotte dall’allevamento di bestiame e il trasporto e lo stoccaggio di carne per quel crescente gusto per la carne sono maggiori di quanto l’ambiente sia in grado di gestire. La sostenibilità del prodotto è importante per Scionti, motivo per cui ha scelto di lavorare con le proteine ​​e gli amminoacidi dei piselli e del riso facilmente disponibili. “Ho utilizzato materie prime che non hanno un impatto negativo sull’ambiente, ho cercato di non scegliere, ad esempio, l’avocado o la quinoa, poiché l’aumento della domanda di alimenti da importare avrebbe un impatto negativo sull’ambiente, “ha osservato.

Il costo è uno dei maggiori ostacoli nel settore della carne non-carne, e la Nova Meat è di circa $ 3 per porzione da 4 once. Con il potenziamento della produzione, tale costo si ridurrebbe drasticamente. Scionti sta già lavorando con gli chef locali per comporre il sapore, e una volta che lo fanno, possiamo aspettarci di vedere le bistecche stampate in 3D sul menu.

Be the first to comment on "Nuova Meat la bistecca stampata in 3d di Giuseppe Scionti"

Leave a comment