nScrypt e Techshot e la biostampante spaziale

Il bioprinter 3D BioFabrication Facility (BFF) di nScrypt , un produttore di sistemi di stampa 3D con sede in Florida, e lo sviluppatore di attrezzature per voli spaziali Techshot verrà lanciato sulla International Space Station (ISS) il prossimo mese.

Detto di essere la prima stampante 3D in grado di produrre tessuto umano in condizioni di microgravità, la BFF sarà lanciata a bordo della missione cargo SpaceX CRS-18 dalla Cape Canaveral Air Force Station della Florida . I partner sperano che il bioprinting in 3D nello spazio sia in grado di produrre tessuti autosufficienti che potrebbero portare allo sviluppo di trattamenti terapeutici.

“Il concetto di sviluppo di un tessuto o di un organo nello spazio con una bioprint 3D ci accompagna da anni”, ha affermato John Vellinger, Presidente e CEO di Techshot.

“DALLE PROSPETTIVE TECNOLOGICHE E BIOLOGICHE, RENDERLO REALE È STATO UN PROCESSO SCRUPOLOSO DI ESPERIMENTI E TEST. VEDERE QUESTO INCONTRO È UNA COSA FANTASTICA PER IL TEAM, COSÌ COME PER TUTTE LE SCIENZE MEDICHE “.

Con sede a Orlando, in Florida, nScrypt è uscita da Sciperio Inc che, nell’ambito di un contratto DARPA , ha sviluppato un pluripremiato bioprinter nel 2003. Techshot, d’altra parte, si trova a Greenville, nell’Indiana, e ha quasi trent’anni di esperienza nello sviluppo di equipaggiamenti per voli spaziali.

Il primo progetto di Vellinger per guadagnarsi il posto in una missione della NASA è stato un payload sponsorizzato da KFC per studiare come la microgravità nello spazio influenzi la crescita degli embrioni di pollo. Nel 2016, con l’aiuto della startup bio-ink, Bioficial Organs, le aziende sono state in grado di stampare con successo strutture cardiache e vascolari in 3D a gravità zero .

L’anno scorso, la seguente fase di una missione sponsorizzata dalla NASA per la stampa 3D di organi umani e tessuti nello spazio è stata annunciata per essere lanciata nel febbraio 2019. Ora, la ricerca di cuori e altri organi attraverso un bioprinter 3D continua a luglio. Questo alla fine mira a ridurre l’attuale carenza di organi dei donatori in tutto il mondo.

Durante gli anni di ricerca delle aziende, è stato rilevato che i biomateriali in 3D morbidi e facilmente scorrevoli (cioè il tessuto umano) collassano sotto il loro stesso peso. Tuttavia, questi stessi materiali sono in grado di mantenere le loro forme quando vengono prodotti nell’ambiente di microgravità dello spazio.

Pertanto, queste strutture, che consisteranno di vasi sanguigni e muscoli, saranno bioprintetizzate in 3D nello spazio e inserite in un sistema di coltura cellulare che le rafforza nel tempo. Ciò permetterà loro di diventare tessuti vitali autosufficienti che rimarranno solidi una volta tornati sulla Terra.

La fase iniziale di BFF, che potrebbe durare circa due anni, comporterà la creazione di stampe di prova di tessuto simile a cardiaco di spessore crescente. La fase seguente comporterà una valutazione basata sulla Terra di patch cardiaci prodotti nello spazio al microscopio e potenzialmente in piccoli animali come i ratti. Questo dovrebbe durare fino al 2024.

Be the first to comment on "nScrypt e Techshot e la biostampante spaziale"

Leave a comment