Nike ed Eliud Kipchoge e le Nike Zoom Vaporfly Elite Flyprint

Nike ed Eliud Kipchoge e le scarpe stampate in 3d : il maratoneta più veloce del mondo, correrà la Maratona di Londra di quest’anno con un paio di scarpe da ginnastica Nike Zoom Vaporfly Elite Flyprint, realizzate appositamente per lui utilizzando la tecnologia di stampa 3D.

Kipchoge può vantarsi di essere uno dei migliori maratoneti di tutti i tempi. Ha vinto sei delle sette maratone in cui  ha gareggiato finora e ha anche ottenuto il miglior tempo mai registrato, completando una gara di 42. km e oltre in soli 25 secondi oltre il limite delle due ore, nel maggio 2017. Quest’ultimo record non è stato tuttavia riconosciuto ufficialmente, in quanto il corso non è stato autorizzato. Ha tentato di battere di nuovo il record a settembre alla Maratona di Berlino, ma non ha avuto successo, sostenendo che l’umidità extra nel tessuto dei suoi allenatori lo ha rallentato un po’. Questo problema di peso è stato un punto di partenza per Nike per sviluppare un nuovo paio di scarpe da ginnastica per lui, facendo uso della stampa 3D.

Nike aveva già realizzato un paio di scarpe da ginnastica Zoom Vaporfly Elite per Kipchoge, la stessa coppia che ha usato nel suo sforzo di maratona più veloce finora. La tecnologia di stampa 3D viene regolarmente utilizzata dal team di progettazione dell’azienda per la prototipazione, ma questo nuovo progetto prevedeva elementi stampati in 3D nelle scarpe da corsa finite. Altre società di abbigliamento sportivo stanno iniziando a utilizzare la stampa 3D nelle fasi finali della loro produzione, tra cui New Balance, che ha collaborato con Formlabs e Adidas, che sta collaborando con il produttore di stampanti 3D all’avanguardia Carbon.

Kipchoge è stato coinvolto direttamente nel processo di sviluppo, provando diversi progetti. “Abbiamo stampato una scarpa e poi ho pensato, ‘ho intenzione di scappare in questi e vedere cosa succede’ ‘, ha detto.’ ‘Si adattava alla perfezione e si sentiva davvero bene, ma si è rapidamente disintegrato alla fine del Sapevamo che c’era ancora del lavoro da fare, ma tutti noi nel team abbiamo detto che c’era un potenziale enorme qui, continuiamo a spingere in avanti, e uno dei grandi vantaggi era quello di girare rapidamente attorno alle iterazioni e risolvere i problemi mentre andato.”

I nuovi addestratori hanno mantenuto la stessa base di schiuma della coppia precedente, ma la loro intera tomaia è stata ridisegnata con la stampa 3D. Il processo di iterazione del progetto è iniziato dopo aver effettuato scansioni 3D dettagliate del piede di Kipchoge e raccolto dati di pressione e altre misurazioni. La tecnica di stampa Nike si chiama FlyPrint e prevede la stampa individuale di ogni filo del tessuto.

Secondo Roger Cheng, un esperto di stampa 3D Nike, “posso entrare e manipolare ogni singolo thread e come sta attraversando l’intera tomaia, ma i dati garantiranno che non farò qualcosa che danneggerà le prestazioni”.

L’intero processo ha richiesto solo nove giorni, a causa del tempo incredibilmente breve che ora richiede per la realizzazione dei prototipi, che spesso è di soli 45 minuti. La risultante coppia di scarpe da ginnastica è nota come Flyprint Nike Zoom Vaporfly Elite. Una delle scarpe pesa solo 169 g (0,37 libbre), che è il 6 percento più leggero rispetto ai modelli precedenti. Oltre a sperare di aiutare Kipchoge a battere il record del mondo, una versione di questi allenatori sarà disponibile in commercio, per circa 499 sterline.

Be the first to comment on "Nike ed Eliud Kipchoge e le Nike Zoom Vaporfly Elite Flyprint"

Leave a comment