NIH la sclerosi multipla le scansioni cerebrali e la stampa 3d

NIH scopre di più sulla sclerosi multipla con scansioni cerebrali e stampa 3D

La sclerosi multipla (SM) è una specie di malattia misteriosa. La condizione demielinizzante colpisce più di due milioni di persone in tutto il mondo, spesso con sintomi debilitanti, ma non ha una cura nota e la causa della malattia è ancora sconosciuta. I recenti progressi della ricerca, incluso uno sforzo del National Institutes of Health (NIH) negli Stati Uniti, stanno cercando di comprendere meglio la malattia al fine di trovare una soluzione terapeutica.

Il summenzionato progetto guidato da NIH ha recentemente avuto una svolta grazie a uno scanner cerebrale ad alta potenza e un modello stampato in 3D. In parole povere, i ricercatori di NIH sono stati in grado di analizzare il cervello di centinaia di pazienti con SM utilizzando le scansioni e la stampa 3D e hanno identificato i punti cerchiati scuri tra i pazienti che avevano una forma più aggressiva e invalidante della malattia.

I punti cerchiati scuri che si trovano nelle scansioni del cervello rappresentano un’infiammazione “fumante” in corso chiamata lesioni croniche attive. Ora, i ricercatori ritengono che queste lesioni possano essere indicative delle forme più aggressive di SM.

“Abbiamo scoperto che è possibile utilizzare le scansioni del cervello per rilevare quali pazienti sono altamente sensibili alle forme più aggressive di sclerosi multipla”, ha spiegato Daniel S. Reich, MD, Ph.D., ricercatore senior presso l’Istituto Nazionale di Neurologia del NIH Disturbi e ictus e l’autore senior dello studio. “Più lesioni attive croniche un paziente ha maggiori possibilità di sperimentare questo tipo di SM. Speriamo che questi risultati aiuteranno a testare l’efficacia delle nuove terapie per questa forma di SM e ridurre l’esperienza dei pazienti sofferenti. “

Fino a poco tempo fa, la scansione MRI veniva utilizzata per diagnosticare i pazienti con SM, poiché la tecnologia di imaging poteva catturare le lesioni che compaiono sul cervello del paziente. Sebbene efficace, la tecnologia era limitata in termini di identificazione delle lesioni in corso o croniche. Nel 2013, tuttavia, uno scanner MRI a 7 tesla ad alta potenza ha iniziato ad essere utilizzato dal team del Dr. Reich, consentendo loro di trovare lesioni attive croniche, distinguibili per i bordi esterni scuriti.

Come Martina Absinta, MD, Ph.D., post-dottorato nel laboratorio del Dr. Reich che ha eseguito questi studi, ha dichiarato: “Capire come individuare le lesioni attive croniche è stato un grande passo e non avremmo potuto farlo senza scanner MRI ad alta potenza fornito da NIH. Ci ha permesso quindi di esplorare come si sono evolute le lesioni della SM e se hanno avuto un ruolo nella SM progressiva. “

Nel progetto di ricerca, il team NIH ha scansionato il cervello di 192 pazienti affetti da sclerosi multipla che si erano iscritti per una sperimentazione presso il Centro clinico NIH. Il team ha confrontato le scansioni cerebrali con gli esami neurologici che i pazienti hanno ricevuto per la prima volta al momento dell’arruolamento e hanno scoperto che i pazienti che avevano quattro o più lesioni cerchiate avevano 1,6 volte più probabilità di avere una SM progressiva rispetto a quelli senza. I pazienti con lesioni più cerchiate hanno anche sviluppato disabilità motorie e cognitive in età più giovane di quelle senza.

“I nostri risultati indicano la strada verso l’uso di scansioni cerebrali specializzate per prevedere chi è a rischio di sviluppare la sclerosi multipla progressiva”, ha affermato il dott. Reich.
I ricercatori hanno anche usato una stampante 3D per confrontare una scansione del cervello con i campioni di tessuto cerebrale autopsia da un paziente morto durante il processo. Il modello cerebrale stampato in 3D ha aiutato il team a scoprire che tutti i punti cerchiati in espansione sulle scansioni avevano le caratteristiche delle lesioni croniche attive quando guardavano al microscopio.

“I nostri risultati supportano l’idea che le lesioni attive croniche sono molto dannose per il cervello”, ha concluso il dott. Reich. “Dobbiamo attaccare queste lesioni il prima possibile. Il fatto che queste lesioni siano presenti in pazienti che stanno assumendo farmaci anti-infiammatori che calmano il sistema immunitario del corpo suggerisce anche che il campo della ricerca sulla SM potrebbe voler concentrarsi su nuovi trattamenti che colpiscono il sistema immunitario unico del cervello, specialmente un tipo di cervello cellula chiamata microglia. Al NIH, stiamo attivamente cercando pazienti che vogliono partecipare a studi come questi. “

Il recente studio , che potrebbe portare a nuove strade per la ricerca sul trattamento della sclerosi multipla e una migliore diagnostica, è stato pubblicato sul Journal of American Medical Association Neurology .

Be the first to comment on "NIH la sclerosi multipla le scansioni cerebrali e la stampa 3d"

Leave a comment