Niall Jones e i bottoni sostenibili stampati in 3d

COMUNICATO STAMPA

Lo studente con sede in Cornovaglia sviluppa pulsanti sostenibili utilizzando la stampa 3D
Lo studente Niall Jones ha lavorato con Fishy Filaments, AddiFab e il marchio surf Finisterre

I bottoni sono onnipresenti e la maggior parte non ci penserà due volte sui piccoli capi essenziali. Ma oggi, la maggior parte dei pulsanti sono realizzati in plastica e la maggior parte non sono riciclati, il che significa che rappresentano una sfida ambientale. Per fortuna, c’è un gruppo che sta pensando a come rendere i bottoni e le caratteristiche dei vestiti in plastica più sostenibili, e una soluzione sta nella stampa 3D e nello stampaggio ad iniezione.

Il gruppo in questione è costituito da Fishy Filaments , un’azienda con sede in Cornovaglia che produce filamenti per la stampa 3D da reti da pesca riciclate ; Finisterre, marchio di surf della Cornovaglia; Niall Jones, uno studente della Falmouth University; e AddiFab , specialista danese nello stampaggio ad iniezione a mano libera (FIM). Insieme, i partner hanno mirato a perseguire la produzione localizzata di articoli essenziali per l’abbigliamento, come bottoni e levette, utilizzando i materiali disponibili e operando nell’ambito delle politiche di filiera sostenibile di Finisterre.

Fin dall’inizio, il team congiunto ha voluto trovare una soluzione al problema dei pulsanti. Perché, sebbene siano piccole, vengono prodotte fino a 50.000 tonnellate di pulsanti all’anno e la maggior parte (circa il 60%) viene prodotta a Qiaotau, in Cina, il che significa che le emissioni dei trasporti aumentano. La maggior parte dei pulsanti sono realizzati anche in Nylon 6 e le aziende segnalano che la sola produzione del materiale potrebbe produrre quasi mezzo milione di tonnellate di CO2 ogni anno.

Volendo produrre i suoi pulsanti in un modo più sostenibile, lo studente di Finisterre e Falmouth Niall Jones si è unito per trovare una soluzione. Fishy Filaments, un’azienda locale che produce filamenti per stampa 3D e materie plastiche stampate a iniezione in nylon marino riciclato al 100%, non vedeva l’ora di essere coinvolta. Tutti i materiali dei filamenti di pesce sono realizzati con reti da pesca a fine vita utilizzate dall’industria della pesca del nasello della Cornovaglia certificata MSC, che vengono trasformate in pellet prima di essere trasformate in filamenti o pellet da stampaggio.

Jones ha ideato una serie di nuovi design di pulsanti, pensando allo stile e all’ergonomia, che sono stati prototipati con il taglio laser e testati. Dopo le prove, si è distinto un particolare design: un pulsante con una linguetta che ha reso più facile da allacciare e slacciare con le mani fredde o meno destre. I pulsanti sono stati quindi stampati in 3D utilizzando i materiali di Fishy Filaments, tuttavia la finitura non era abbastanza alta da essere una soluzione praticabile per una linea di abbigliamento professionale.

In questa fase, il design del pulsante è stato portato ad AddiFab, una società con sede in Danimarca che ha aperto la strada a un approccio ibrido di stampaggio ad iniezione AM. Il processo, chiamato FIM, inizia con la stampa 3D di uno stampo sacrificale e quindi lo utilizza in una pressa per stampaggio a iniezione, dando vita a progetti di produzione in serie che hanno geometrie che solo la stampa 3D può raggiungere. Questo approccio ha consentito a Jones di raggiungere la qualità stampata ad iniezione per i pulsanti, pur utilizzando i materiali riciclati di Fishy Filaments e senza dover produrre un costoso stampo in metallo. L’uso della stampa 3D per creare gli stampi ha anche il vantaggio di essere in grado di produrre molteplici varianti della progettazione dei pulsanti per opportunità di personalizzazione del marchio.

Nel suo studio, Jones analizza l’impronta di carbonio dei pulsanti realizzati con il materiale di nylon riciclato: “Il nylon marino di Fishy Filaments ha solo tra il 2-3% degli impatti ambientali che il nylon vergine ha”, scrive. “Per dirla in un altro modo; per ogni 1 bottone in nylon vergine realizzato, potremmo realizzare 46 pulsanti con il nylon marino Fishy Filaments prima di raggiungere lo stesso impatto ambientale. 1 bottone in nylon vergine contro 5 bottoni da camicia di Fishy Filaments. Questo è solo il processo di produzione, senza considerare la discarica evitata, le reti non adeguatamente rifiutate o trasportate in tutto il mondo ad altri riciclatori. “

Be the first to comment on "Niall Jones e i bottoni sostenibili stampati in 3d"

Leave a comment