Neri Oxman e il Mediated Matter Group al MIT hanno progettato un’installazione stampata in 3D per promuovere la biodiversità THE PIGMENT OF LIFE

“THE PIGMENT OF LIFE” – MEDIATED GROUP MATTER EVIDENZIA LA BIODIVERSITÀ NEI TOTEM STAMPATI IN 3D

Neri Oxman e il Mediated Matter Group al MIT hanno progettato un’installazione stampata in 3D per promuovere la biodiversità. Realizzato per la mostra ” Broken Nature: Design Takes on Human Survival ” alla XXII Triennale di Milano a Milano, Totems intende esplorare come la melanina può essere generata su richiesta.

L’installazione fa parte del più grande obiettivo del progetto del Gruppo della Materia Mediata per cercare “materiali e sostanze chimiche che possano sostenere e migliorare la biodiversità tra i sistemi viventi, e che hanno finora sopportato i pericoli del cambiamento climatico”, a causa del attuale minaccia alla biodiversità sulla Terra. Identificando la melanina come una di queste sostanze, la panoramica del progetto spiega ulteriormente:

“È UNO DEI PIGMENTI PIÙ RESISTENTI, ETEROGENEI E PERVASIVI PRESENTI NEI REGNI DELLA VITA […] IL VALORE DI MELANIN PER LA SALUTE UMANA NON HA PREZZO. UN VEICOLO INTRIGANTE PER L’ESPLORAZIONE DELLA SALUTE UMANA E DELLA CULTURA ATTRAVERSO LE REGIONI E GLI AMBIENTI, LA MELANINA RIMANE UNA CARATTERISTICA IDENTIFICATIVA DI TUTTI GLI ORGANISMI VIVENTI ED È CHIARAMENTE COLLEGATA ALLA SOPRAVVIVENZA BIOLOGICA NEL CORSO DEI SECOLI “.

L’ installazione di Totems è stata introdotta per la prima volta da Neri Oxman alla conferenza Design Indaba nel febbraio 2018 e fa parte di un progetto a lungo termine avviato da Ravi Naidoo, fondatore di Design Indaba .

Nell’ambito della mostra, il Gruppo della materia mediata ha studiato e sviluppato metodi per alloggiare la melanina liquida su scale (dalla micro alla macro) e fasi (solidi e liquidi) all’interno di strutture stampate in 3D. Le strutture ricercate si presentano sotto forma di oggetti sferici che contengono una quantità variabile di canali interni collegati riempiti con la melanina liquida.

La stampa 3D è stata utilizzata per produrre questi canali al fine di creare tasche dalla scala millimetrica a quella centimetrica. La complessità delle cavità, dei pattern e dei canali all’interno della geometria interna delle sfere è stata concepita utilizzando il design generativo. Questi schemi mirano a replicare quelli che si trovano nel mondo naturale, contenenti cinque diverse tonalità di melanina estratte da varie fonti naturali, e sono stati fabbricati digitalmente utilizzando un processo di stampa 3D multi-materiale da Stratasys .

La melanina liquida è incorporata nei canali con chiare parti stampate in 3D. Immagine via Neri Oxman e il gruppo della materia mediata.
La melanina liquida viene incorporata nei canali all’interno di chiare parti stampate in 3D. Immagine via Neri Oxman e il gruppo della materia mediata.
Il gruppo della materia mediata mostra e importa anche la melanina liquida all’interno di cubo trasparente e pezzo stampato in 3D a forma di cubo. Questi sono stati creati per evidenziare le diverse geometrie dei canali che ospitano la melanina liquida, che vanno dal semplice al molto complesso, come parte della mostra.

Il pezzo finale sviluppato e ricercato dal Gruppo della Materia Mediata, che rappresenta il Totem stesso, è stato stampato in 3D da Stratasys per ospitare sei distinti canali liquidi. Melanina derivata da specie diverse occupano ogni tasca o canale, dall’uccellino alla seppia.

Il Gruppo di mediazione del MIT, guidato da Neri Oxman, continua a essere all’avanguardia nell’uso della stampa 3D nei campi dell’arte e della scienza. Nel 2017, il gruppo ha condotto un esperimento di fabbricazione nell’ambito della Milano Design Week , producendo colonne di vetro alte 3 metri utilizzando la stampa 3D. I risultati dell’esperimento della settimana del design sul potenziale dell’utilizzo del vetro con la stampa 3D sono stati recentemente presentati nell’ultimo volume della rivista di stampa 3D e produzione additiva .

Inoltre, il gruppo ha svelato un altro progetto di stampa 3D nel marzo 2019 intitolato Aguahoja . Questa scultura simile alla crisalide presenta reticoli stampati in 3D “modellati dall’acqua”, fatti di cellulosa, chitosano e pectina, per dimostrare le possibilità di materiali da costruzione alternativi e riciclabili.

Be the first to comment on "Neri Oxman e il Mediated Matter Group al MIT hanno progettato un’installazione stampata in 3D per promuovere la biodiversità THE PIGMENT OF LIFE"

Leave a comment