Navantia lancia Shipyard 4.0, tra stampa 3d e industria 4.0

Il costruttore navale spagnolo Navantia lancia Shipyard 4.0, con la stampa 3D e altre innovazioni

Costruzione navale è un settore manifatturiero che non è così ben noto come gli altri come quello aerospaziale o automobilistica per la sua adozione di tecniche di stampa 3D, ma il completamento della prima elica nave 3D stampata del mondo in Olanda l’anno scorso mostra la direzione verso cui l’industria potrebbe presto  dirigersi. L’ultimo voto di fiducia arriva da un’importante azienda di costruzioni navali in Spagna, che ha completamente implementato la tecnologia in uno dei suoi cantieri. Navantia, di proprietà statale, spera di creare un “cantiere navale 4.0” all’avanguardia in una base produttiva a Puerto Real, situata nella regione dell’Andalusia, nel sud della Spagna.

Navantia, con oltre 5.500 dipendenti in tutto il mondo, si occupa principalmente della progettazione, costruzione e integrazione di navi da guerra. Ha anche contratti di riparazione e ammodernamento per le navi mercantili e le navi militari esistenti del governo spagnolo. L’azienda ha la sua sede nella capitale spagnola di Madrid ed è stata creata nel 2005 a seguito della segregazione delle attività militari di un’altra vecchia società di costruzioni navali pubblica, il Grupo IZAR. Oltre alla marina spagnola, Navantia è impegnata nella produzione per l’esercito e l’aviazione e ha costruito navi per le flotte di Norvegia, Australia, Cile, Spagna, India, Tailandia, Venezuela.

L’implementazione della tecnologia di stampa 3D è un’iniziativa che è stata organizzata in collaborazione con l’Università locale di Cadice, a partire da circa due anni fa. Il gruppo di ricerca dell’innovazione dei materiali e delle nanotecnologie dell’istituzione, INNANOMAT, ha fornito le risorse tecniche e il supporto necessari a Navantia per trasformare questa transizione in una nuova fase di produzione industriale.

Il primo progetto di ricerca e sviluppo con produzione additiva è stato completato verso la fine dello scorso anno. Gli ingegneri del cantiere hanno installato una nuova toilette stampata in 3D in una delle navi, nota come 3DCabin. Questa innovativa toilette aveva un design modulare, che consentiva una produzione e un assemblaggio più efficienti. Un altro progetto nello stesso periodo ha portato alla stampa 3D di due griglie di ventilazione, che sono state successivamente installate a bordo di una nave preesistente.

Oltre alla stampa 3D, altre tecnologie “Industry 4.0” verranno implementate nel cantiere navale di Puerto Real, per mantenere la promessa del concetto di Shipyard 4.0. L’Internet delle cose, l’intelligenza artificiale e la realtà aumentata fanno tutti parte del piano a lungo termine di Navantia.

Secondo il direttore del cantiere Pablo Lopez, “Shipyard 4.0 ha chiari obiettivi di ridurre costi, scadenze e aumento della qualità nei nostri prodotti e processi, per raggiungere la sostenibilità competitiva dell’azienda … I progetti e le iniziative in corso ci permettono di visualizzare il potenziale che questa linea di lavoro ha per sé e in tutto l’impegno di Navantia per il modello Shipyard 4.0 “, ha detto Lopez, aggiungendo che” si può prevedere che questa tecnologia (è qui) per rimanere e (sarà) parte del nostro produttivo tessuto nel prossimo futuro. ”

Sia Navantia che il più ampio mondo manifatturiero spagnolo trarranno grandi benefici da questa adozione pionieristica della produzione additiva e di altre tecnologie all’avanguardia, che comporteranno anche un aumento del lavoro collaborativo con le industrie ausiliarie. L’ultimo progetto di R & S che sarà lanciato nel cantiere navale è noto come Adibuque. Questo ha lo scopo di consolidare l’uso della tecnologia di stampa 3D su tutte le sue navi, indicando la via da seguire con una chiara strategia di miglioramento.

Be the first to comment on "Navantia lancia Shipyard 4.0, tra stampa 3d e industria 4.0"

Leave a comment