Natural Machines e cibo stampato in 3d per anziani

Food 3D Printing: il cibo stampato in 3D per gli anziani continua con macchine naturali

Mentre la collaborazione tra Biozoon e FoodJet per la stampa 3D di alimenti per anziani non ha prodotto risultati commerciabili , abbiamo appreso che continuano ad essere compiuti progressi nell’aiutare le persone con disfagia e problemi di deglutizione. Abbiamo parlato con Lynette Kucsma, co-fondatrice di Natural Machines , per saperne di più sul lavoro della startup spagnola in questo campo.

Dopo aver lanciato una campagna Kickstarter che non si è ancora concretizzata, Natural Machines ha capito che il crowdfunding non era necessario per costruire una startup di successo. Sulla base di alcuni dei vaporware usciti da tali siti, nonché della necessità di rispettare le scadenze di consegna, il crowdfunding potrebbe non essere sempre il modo migliore per lanciare un prodotto.

Un altro uso che Kickstarter serve, tuttavia, è la capacità di condurre preziose ricerche di mercato, che hanno informato Kucsma della direzione in cui l’azienda doveva dirigersi. La campagna ha messo in evidenza che i consumatori non erano abbastanza pronti per la stampa 3D alimentare e che la stampa 3D alimentare non sarebbe stata del tutto pronta per i consumatori. Secondo Kucsma, affinché la stampa di alimenti arrivi nelle case, deve anche cucinare, il che ha spinto lo sviluppo del Foodini Pro a cottura laser , da discutere in modo più dettagliato in un prossimo articolo.

Da allora, Natural Machines si è concentrata su cucine commerciali, tra cui il mercato alberghiero, della ristorazione e della ristorazione (HORECA), nonché istituzioni educative, come scuole di cucina e scuole superiori. Dopo aver assicurato un partner di produzione a Foxconn, il più grande fornitore al mondo di servizi di produzione elettronica, la startup ha lanciato ufficialmente sul mercato la stampante 3D alimentare Foodini nel 2019. Ciò ha permesso a Natural Machines di sviluppare quella che Kucsma afferma essere una presenza sul mercato globale, con uffici ora a Barcellona, ​​Pechino, New York e Milano.

“La nostra grande visione è che pensiamo che le stampanti 3D per alimenti le rendano un comune elettrodomestico da cucina nelle case, ma è un po ‘più lontano in futuro”, ha dichiarato Kucsma a 3DPrint.com. “Penso che la gente pensi che esista un successo dall’oggi al domani. Quando guardi le caffettiere che sono entrate in casa usando cialde individuali, in realtà ci sono voluti 30 o 40 anni. Quindi, non è una notte nel mio libro. “

L’industria HORECA potrebbe essere la soluzione migliore per commercializzare la stampa di alimenti, ma la società vede anche valore nella stampa 3D di alimenti per anziani e persone con disfagia negli ospedali e nei centri di residenza per anziani. Quando si servono persone che non riescono a deglutire cibi solidi in modo sicuro, produrre cibo in forma di pasta è in realtà un vantaggio.

Spaghetti e polpette stampati in 3D con una consistenza e una consistenza sicuri per le persone con disfagia. Immagine gentilmente concessa da Natural Machines.

Tradizionalmente, i piatti forniti in queste impostazioni sono preparati in una posizione centrale, congelati, spediti ai siti dei clienti e quindi scongelati e riscaldati per servire per i commensali che hanno programmato i loro pasti con settimane di anticipo. Fornendo piatti su richiesta, è possibile affrontare un effetto collaterale meno spesso considerato della disfagia: mancanza di appetito da alimenti monotoni e poco appetibili.

Bistecca, salsiccia, mais e broccoli stampati in 3D sicuri per le persone con disfagia. Immagine gentilmente concessa da Natural Machines.

Natural Machines è coinvolta in numerosi progetti pilota in Spagna, Giappone, Singapore, Australia e nella regione nordica, lavorando con ospedali e strutture di assistenza per anziani per produrre cibo su richiesta per i pazienti con disfagia. I pazienti possono scegliere i pasti nel momento in cui si siedono al tavolo e tutto viene stampato di fresco, con gli ingredienti determinati dai nutrizionisti che lavorano nelle strutture.

L’attuale livello di personalizzazione è ancora relativamente basso. I nutrizionisti non sono ancora in grado di personalizzare esattamente il conteggio di minerali e vitamine in base alle esigenze del paziente. Tuttavia, le dimensioni delle porzioni vengono personalizzate per ogni commensale.

“Possono effettivamente personalizzare anche il valore nutrizionale. Diciamo che stiamo stampando il tacchino arrosto a forma di coscia di tacchino. Puoi effettivamente ridimensionarlo o ridurlo a qualunque cosa il nutrizionista voglia usare, la quantità di nutrimento che deve avere ”, ha detto Kucsma. “Stiamo facendo cose del genere in Giappone e in Asia, dove si ha una popolazione che invecchia e la disfagia è ovviamente un problema per una percentuale delle popolazioni”.

Dei progetti in cui è coinvolta la società, uno reso pubblico finora è stato condotto con il gruppo Domus Vi , una grande società di case di cura con oltre 55.000 clienti in Spagna, Francia e Portogallo. La residenza DomusVi Bonanova a Barcellona ha fornito piatti strutturati stampati in 3D in forme che ricordano gli ingredienti originali o in forme interessanti, come i fiori.

“È stato un grande successo”, ha affermato Kucsma del progetto DomusVi. “Abbiamo anche avuto famiglie tornate da noi, chiedendo di riportare le macchine dopo che il processo era finito. I loro genitori esigenti non mangerebbero molto o non mangerebbero bene perché non erano contenti del cibo. Ne furono abbastanza contenti quando fu effettivamente stampato. Quindi, stiamo cercando di implementare con loro “.

La startup sta anche lavorando con i progetti del consorzio ONCOFOOD e CIMTI che stanno esplorando l’uso di alimenti stampati in 3D anche per i pazienti con disfagia. ONCOFOOD è un programma finanziato dall’UE incentrato in particolare sulle persone affette da cancro, mentre l’altro è uno sforzo del governo spagnolo per migliorare la salute domestica e l’assistenza sociale.

Dal punto di vista di Kucsma, queste iniziative per implementare la stampa 3D alimentare per coloro che hanno problemi di deglutizione stanno facendo progressi costanti ed è probabile che alcuni si sposteranno presto oltre la fase pilota. Per la stampa 3D alimentare, questo è un passo serio verso l’integrazione della tecnologia. Per i pazienti, si tratta di tornare ai normali stili di vita alimentari.

“Si tratta di ripristinare la normalità, giusto?” Disse Kucsma. “Mangiare cibi freschi, essere in grado di cambiare idea quando vuoi avere più di qualcosa, avere meno di qualcos’altro, ma assicurandoti comunque che sia un pasto nutrizionalmente completo.”

Be the first to comment on "Natural Machines e cibo stampato in 3d per anziani"

Leave a comment