Native Shoes scarpe stampate in 3d in gomma liquida liquid printed natives

Calzature in gomma liquida con stampa 3D e MIT Native Shoes

La società calzaturiera canadese Native Shoes sta lavorando con il Self-Assembly Lab del MIT e un team della Emily Carr University of Art and Design per sviluppare un nuovo tipo di scarpa stampata in 3D. Il progetto collaborativo, chiamato Liquid Printed Natives, prevede una nuova tecnica di stampa 3D in gomma liquida.

Dal 2009, Native Shoes ha prodotto e venduto scarpe che riflettono la sua filosofia di base: “Vivere alla leggera”. In pratica, ciò ha significato utilizzare pratiche e materiali sostenibili per fabbricare calzature originali, comode e leggere per uomo, donna e bambino. Uno dei principali sforzi dell’azienda è il progetto Remix, che consente ai clienti di riciclare le loro scarpe Native consumate per nuovi progetti e prodotti.

Il progetto di Native Shoes che ha attirato la nostra attenzione, tuttavia, è Liquid Printed Natives, per ovvie ragioni. Il progetto, intrapreso da Native Shoes, Self-Assembly Lab del MIT ed Emily Carr University, dimostra la capacità della stampa 3D in gomma liquida per la produzione di calzature più sostenibili.

Fino ad oggi, i partner hanno utilizzato il metodo di stampa 3D per produrre versioni dei disegni Audrey e Jefferson di Native Shoes. Le scarpe sono stampate in un unico pezzo utilizzando un materiale sviluppato da un team dell’Università di Arte e Design Emily Carr che ricorda la vernice nera.

A differenza di molte altre iniziative di stampa 3D di calzature che abbiamo visto – che coinvolgono in gran parte la stampa 3D FDM o la produzione di un’intersuola – Liquid Printed Natives mette in mostra la capacità di produrre un’intera scarpa indossabile, compresa la suola e la tomaia, in un unico pezzo. Il processo di stampa stesso consiste nel depositare il materiale plastico liquido all’interno di una vasca di gel, costruendo la scarpa dalla suola.

Dal punto di vista sostenibile, le scarpe stampate in 3D offrono un paio di vantaggi. Per uno, le scarpe possono essere realizzate su ordinazione per i clienti, riducendo la necessità di inventario o produzione in serie. In secondo luogo, poiché il processo di stampa 3D utilizza solo la quantità esatta di materiale necessario per la scarpa, il processo si traduce in praticamente nessuno spreco. (Secondo quanto riferito, anche il materiale di supporto in gel è riutilizzabile).

Infine, il materiale utilizzato per produrre le scarpe stampate in 3D è realizzato principalmente con materiali riciclati. Secondo Fast Company , il materiale simile alla gomma è costituito da una combinazione di EVA riciclato e un materiale flessibile utilizzato da Native Shoes per le sue calzature più tradizionali. Rispetto alle scarpe stampate a iniezione di Native Shoes, il materiale per calzature stampato in 3D può integrare una percentuale molto più elevata di EVA riciclato (fino al 50%).

Attualmente, le scarpe stampate in 3D e il materiale utilizzato sono ancora ottimizzati da Native Shoes, dal laboratorio di autoassemblaggio e dai ricercatori di Emily Carr. Saremo ansiosi di vedere quando arriveranno sul mercato e quanto venderanno.

Be the first to comment on "Native Shoes scarpe stampate in 3d in gomma liquida liquid printed natives"

Leave a comment