Nasa Antimicrobial Space Challenge Invent-a-thon per creare dispositivi e strumenti medici stampati in 3D

LA SFIDA SPAZIALE ANTIMICROBICA DELLA NASA INVITA GLI STUDENTI A STAMPARE IN 3D DISPOSITIVI MEDICI E STRUMENTI SPAZIALI

L’ Antimicrobial Space Challenge ha in mano un Invent-a-thon per creare dispositivi e strumenti medici stampati in 3D. Dal 21 al 25 ottobre, i team delle scuole superiori si riuniranno presso l’ Università del Nebraska , per risolvere i rischi microbici nelle abitazioni spaziali con equipaggio usando il PLACTIVE del filamento antimicrobico di Copper3D .

Poiché le strutture spaziali alimentano batteri pericolosi e indeboliscono il sistema immunitario degli astronauti, questi strumenti antimicrobici sono essenziali per mantenere gli habitat puliti e sicuri.

Questo evento è sponsorizzato dal Centro medico dell’Università del Nebraska. Gli organismi di co-organizzazione includono NASA Nebraska Space Grant , Copper3D, 3D LifePrints e l’ Università del Nebraska Biomechanics Center .

Promuovendo l’applicazione della stampa 3D, la sfida spaziale antimicrobica cerca due categorie di prodotti: dispositivi medici (ad es. Stecche per le dita, cateteri) e strumenti spaziali (ad es. Impugnature a pistola, fissaggi dell’imbracatura). Tutti gli invii verranno valutati in base ai seguenti quattro criteri: Innovatività / Unicità, Adeguatezza per l’uso nello spazio, Qualità del design e Stampabilità 3D (Qualità, tempo, quantità di materiale).

“Questa competizione sarà il fattore scatenante per stimolare le persone a progettare dispositivi innovativi per aiutare a superare queste sfide”, ha affermato Paul Fotheringham, uno dei giudici della sfida e fondatore e CTO di 3D LifePrints.

“Credo fermamente che affinché l’umanità diventi una specie interplanetaria dobbiamo usare i progressi tecnologici come [il filamento antimicrobico di Copper3D] per assicurarci di essere abbastanza sani da resistere alle dure sfide che l’esplorazione dello spazio comporta”

Mentre le abitazioni presidiate come la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) esistono da oltre 20 anni, le missioni di esplorazione dello spazio profondo e la colonizzazione spaziale si dimostrano ancora difficili. Uno dei principali ostacoli è quello di garantire un ambiente di vita pulito e sicuro nelle stazioni spaziali e nei veicoli di trasporto per l’abitazione prolungata.

Strutture come il porto della ISS e nutrono batteri pericolosi che sono dannosi per l’uomo. Di conseguenza, gli studi stanno iniziando a dimostrare che gli astronauti sperimentano la disregolazione del sistema immunitario, una sindrome correlata alla ridotta immunità.

Inoltre, in condizioni di microgravità, batteri comunemente trovati come lo Staphylococcus aureus hanno una maggiore resistenza agli antibiotici. Ciò potrebbe causare un semplice taglio a diventare mortale in una missione spaziale, che richiede contromisure preventive per mitigare i rischi microbici.

L’uso delle tecnologie di stampa 3D sta diventando sempre più cruciale per l’esplorazione dello spazio. La fornitura di funzionalità di produzione 3D nello spazio come le stampanti 3D di Made In Space offre una serie di vantaggi aggiuntivi che includono riduzione dei costi e dei tempi. Per offrire un servizio affidabile per applicazioni ad alta intensità di banda che alimentano l’economia spaziale, SpaceX ha lanciato l’ anno scorso il satellite stampato in 3D Telstar 19 VANTAGE .

Copper 3D , un’azienda di materiali per la stampa 3D, ha deciso di affrontare i rischi microbici. Finanziato dalla NASA Nebraska Space Grant, Copper 3D ha sviluppato PLACTIVE di filamenti per la stampa 3D antimicrobica per gli astronauti. Le proprietà dei materiali antimicrobici in rame 3D sono state testate in ambienti spaziali.

“Riteniamo che la stampa 3D antimicrobica sarà fondamentale per garantire missioni spaziali più sicure e di successo”, ha dichiarato Daniel Martínez Pereira un altro giudice della sfida e cofondatore e direttore dell’innovazione di Copper3D.

Le potenziali applicazioni di questi materiali antimicrobici includono dispositivi medici da utilizzare con gli astronauti dello spazio profondo nei bacini di ibernazione del sonno, stecche temporanee per fratture, sistemi di igienizzazione personalizzati e dispositivi indossabili personalizzati con biosensori.

Be the first to comment on "Nasa Antimicrobial Space Challenge Invent-a-thon per creare dispositivi e strumenti medici stampati in 3D"

Leave a comment