Music to Our Ears in Canada Robert Hunter vince col suo supporto per clarinetto innovativo

Music to Our Ears: Annunciata la sfida del Canada in formato 3D per strumenti musicali stampati

Spesso ascoltiamo storie di persone che hanno bisogno di protesi stampate in 3D e di dispositivi di assistenza per suonare il loro strumento scelto , che si tratti del violoncello , della batteria o del pianoforte . E man mano che i materiali sono progrediti nel tempo, più è diventato possibile in nuovi modi quando si tratta di suonare musica per qualsiasi musicista. Ecco perché l’ Ottawa Symphony Orchestra  (OSO) e il Canada si uniscono  per creare la sfida dello strumento musicale stampato 3D.

Il progetto 3D StringTheory di OSO è finanziato attraverso una sovvenzione del Canada Council for the Arts e mira a incorporare tecnologie emergenti, come la stampa 3D, nel modo in cui creiamo la musica.

“Alla sinfonia suoniamo uno splendido repertorio e i classici per un’orchestra molto grande, come le sinfonie di Strauss e Mahler. Abbiamo una missione speciale, ma voglio estendere quella missione anche a pensare fuori dagli schemi, a progetti che potremmo fare per portarci in altri luoghi della città “, ha detto  Alain Trudel, direttore musicale e direttore d’orchestra dell’OSO.
Una parte del progetto consiste nel tenere competizioni pubbliche che coinvolgono la progettazione e la costruzione di strumenti; la National 3D Printed Musical Instrument Challenge è stata la prima. La competizione ha sfidato i partecipanti a progettare uno strumento musicale ergonomicamente ottimizzato stampato in 3D ma anche economico.

Ai progettisti è stato chiesto di pensare a come potrebbero aiutare a risolvere gli infortuni legati alle prestazioni musicali affrontando la causa principale della progettazione dello strumento. Una giuria composta da otto giurati, composta da persone provenienti dalle performance musicali, dalla stampa 3D e dai mondi della salute dei musicisti, ha valutato tutte le proposte.

Lo studente di dottorato biomedico dell’Università di Ottawa , Robert Hunter, è stato appena proclamato vincitore del suo innovativo design per clarinetto e bretelle.

“Ero interessato a questa competizione a causa del mio background combinato in ingegneria biomedica, tra cui la biomeccanica, il design CAD 3D e la musica”, ha spiegato Hunter . “Ho suonato molto il clarinetto al liceo e quando mi esercitavo per lunghi periodi il mio pollice destro si faceva male a sostenere il peso dello strumento. Così, quando ho letto di questa competizione, mi è subito venuto in mente questo problema per qualcosa che potrei provare e risolvere “.
Il suo design ridistribuisce il peso del clarinetto a gruppi muscolari più grandi, migliorandone l’ergonomia. La sua proposta includeva anche una valutazione delle esigenze estetiche tecniche e di gioco.

“Mentre la musica solleva l’anima, molti musicisti – professionisti e dilettanti – lottano per esibirsi a causa di un infortunio”, ha detto Trudel. “Questa sfida è stata un invito ai designer a impiegare nuove tecnologie a beneficio della salute dei musicisti. Siamo rimasti molto contenti di tutte le idee creative che abbiamo ricevuto e, nello specifico, di assegnare il premio KUN a Robert Hunter “.
Questa settimana, Hunter ha ricevuto il Premio KUN, del valore di $ 36.500, che, secondo il brief challenge , include “un budget di montaggio e adattamento, performance dello strumento al concerto 3D StringTheory dell’Ovrawa Symphony Orchestra il 4 novembre e un premio in denaro di $ 5k “Il premio è sponsorizzato da Marina Kun, presidente di KUN Shoulder Rests Inc. – una vera e propria icona dell’industria musicale – mentre la fabbricazione è sponsorizzata dalle società canadesi  Precision ADM e Axis Prototypes . Inoltre, per lo strumento verrà anche commissionato un breve brano musicale, che verrà eseguito al concerto 3D StringTheory dell’OSO il 4 novembre al Canadian Aviation and Space Museum .

Come parte aggiuntiva del progetto 3D StringTheory, l’OSO ha incaricato un produttore locale di violini e il Centro di tecnologia industriale di creare otto strumenti a corde originali stampati in 3D: quattro violini, due viole e due strumenti che assomigliano a una viola da spalla, che è un il piccolo violoncello suonava come un violino. Quindi, il compositore di origini scozzesi Harry Stafylakis scriverà un pezzo originale di musica ispirato a questi nuovi suoni, che verranno anche eseguiti al concerto.

“La gente potrebbe dire che stai prendendo una possibilità, ma io non la penso così”, ha detto Trudel riguardo agli strumenti stampati in 3D inclusi nel concerto. “Avere una possibilità non sta facendo nulla. Lo status quo sta mettendo la musica classica nei guai a volte. Per me, si tratta di arte e si tratta di motivare le persone a provare qualcosa, quindi quando le persone vengono a vedere questo concerto, è un evento. Saranno, ‘Oh, wow, cosa faranno? Che cosa accadrà?'”
Tuttavia, l’orchestra sta prendendo un po ‘di possibilità, in quanto la maggior parte dei normali materiali di stampa 3D non può eguagliare il tono e la risonanza del legno.

“Penso che probabilmente non c’è niente di meglio del legno in certe aree. Se ci sono materiali che possono avvicinarsi ai livelli di legno, sono sicuro che si avvicinano ai polimeri “, ha dichiarato Frank Defalco, manager di Canada Makes.
Tuttavia, se la stampa 3D può superare questo problema, la tecnologia offre numerosi vantaggi al mondo della musica , tra cui disegni facilmente personalizzabili , produzione in piccoli lotti, peso ridotto , costi inferiori e accessibilità migliorata .

La violinista dell’Osservatorio Mary-Elizabeth Brown, che insegna anche violino a studenti su Skype in diversi paesi, ha dichiarato: “Ho esperienza di prima mano cercando di aiutare un giovane nel circolo polare artico a mettere le mani su un violino, e questo è un po ‘ di una sfida. Ma se c’è una stampante 3D in quella comunità, forse i suoi genitori non dovrebbero spendere migliaia di dollari per far volare un violino “.
Brown ha avuto la possibilità di suonare la prima ripetizione del violino stampato in 3D, che sentiva avesse un “diverso tipo di anima” rispetto al suo violino. Trudel ha riconosciuto che il primo prototipo è stato costruito più spesso del necessario, per paura che il collo si rompesse a causa della tensione della corda ad alta E.

“Il primo era un po ‘al sicuro, era più spesso e non risuonava tanto. Ma siamo rimasti sorpresi dal fatto che sia molto sintonizzato e funzioni bene “, ha detto Trudel. “Quindi stiamo mettendo a punto lo strumento – non è previsto il gioco di parole – per vedere quale tipo di suono possiamo ottimizzare”.

Be the first to comment on "Music to Our Ears in Canada Robert Hunter vince col suo supporto per clarinetto innovativo"

Leave a comment