Mistubishi Chemical offre servizio FIM di stampaggio ad iniezione a mano libera da Addifab

Servizio di stampaggio ad iniezione a mano libera di Mitsubishi Chemical Advanced Materials

La precedente startup danese Addifab aveva annunciato che stava collaborando con il suo investitore Mitsubishi Chemical per sviluppare e offrire più materiali per il suo processo di stampaggio ad iniezione a forma libera, che combina lo stampaggio ad iniezione con la stampa 3D . Ora, Mistubishi Chemical offrirà FIM come servizio.

Con il processo di Addifab, gli stampi vengono stampati in 3D dalla resina fotopolimerica e quindi polimerizzati. Questo stampo viene quindi riempito e successivamente sciolto in modo simile alla fusione a cera persa. Poiché utilizza lo stampaggio, Addifab consente di eseguire lavorazioni a breve termine con molti più materiali rispetto a quelli possibili con la sola stampa 3D. I costi di avvio sono inferiori rispetto allo stampaggio reale e anche i tempi di consegna sono più rapidi. Soprattutto se lavori con materiali nello stampaggio convenzionale che non riesci a ottenere nella stampa 3D, Addifab sarebbe un vantaggio. A volumi più elevati, lo stampaggio convenzionale sarebbe più vantaggioso, ovviamente, e la stampa 3D sarebbe possibile in molte geometrie dove Addifab non sarebbe. Come altre tecnologie come RIM (stampaggio ad iniezione di reazione) , termoformatura ,iniezione termoplastica e fusione di uretano , Addifab offre un’alternativa per corse tra 1 e 10.000 parti.

Mistubishi Chemical inizierà offrendo servizi FIM in tre sedi in tutto il mondo: Mesa, Arizona; Tielt, Belgio; e a Tokyo, in Giappone. Il gigante giapponese delle sostanze chimiche offrirà FIM come servizio in Arizona all’inizio del terzo trimestre e da qualche parte verso la fine dell’anno in altre località.

Randy White, Chief Innovations Officer, Mitsubishi Chemical Advanced Materials, ha dichiarato della partnership:

“Mitsubishi Chemical Advanced Materials è leader nel campo dei polimeri di sostituzione dei metalli. Ci siamo resi rapidamente conto che lo stampaggio ad iniezione a mano libera ci avrebbe permesso di offrire livelli completamente nuovi di leggerezza e abbiamo lavorato con AddiFab per portare i nostri materiali KyronMAX sulla piattaforma FIM. Quando siamo stati in grado di guidare un camioncino da 8.000 libbre su un reticolo KyronMAX del peso di soli 70 grammi, sapevamo di essere su qualcosa ”.

Il CEO di AddiFab Lasse Staal ha osservato:

“Abbiamo portato tempi di consegna per la stampa 3D e costi di avvio per l’industria dello stampaggio ad iniezione, senza compromettere la scelta dei materiali”.

La società si rivolge principalmente a questo servizio di sostituzione nel settore dei beni strumentali. Sembra aver identificato un’esigenza e un mercato per i produttori di macchine utensili, i fornitori di apparecchiature di processo e l’industria dei macchinari solo per i tipi di parti che Addifab può realizzare. I pezzi di ricambio sono sempre stati un’enorme opportunità immaginata nella stampa 3D, finanziata in particolare dall’UE.

È molto bello vedere un’azienda commercializzare questo mercato. I materiali di consumo e i pezzi di ricambio rappresentano un enorme mercato nel settore industriale. Il mercato dei pezzi di ricambio non è trasparente o anzi davvero globale. Spesso la logistica o lo stoccaggio di parti impopolari è un elemento di costo enorme e la combinazione di Addifab e Mitsubishi Chemical Advanced Materials potrebbe apportare un vero cambiamento a tale mercato. Parti di ricambio, materiali di consumo e materiali di ricambio su richiesta potrebbero essere un modello di business molto interessante. Per ora, in alcune aree geografiche per alcune parti, potrebbe avere senso.

Se i progettisti e gli ingegneri prendono in considerazione la sostituzione tramite Addifab durante le fasi di progettazione, le cose potrebbero diventare davvero interessanti. Inizialmente, le imprese avrebbero meno spese in alcune parti. Un investimento meno iniziale nello sviluppo parziale può migliorare il flusso di cassa in alcuni casi o in alcuni momenti. Le imprese dovrebbero comunque assicurarsi di non pagare in eccesso in alcune parti, tuttavia. Un servizio di parti di ricambio totalmente o parzialmente esternalizzato o flessibile costituirebbe un notevole vantaggio per molte aziende. Le aziende avrebbero molto meno capitale legato ai pezzi di ricambio. Sarebbe anche più facile per loro sviluppare versioni specializzate e di nicchia dei prodotti esistenti, pur potendoli supportare.

Il nuovo servizio funzionerà solo con gli OEM? Questo potrebbe essere il caso, ma in caso contrario, potremmo vedere altre aziende entrare nel settore dei pezzi di ricambio. Rendendo relativamente semplice la realizzazione di pezzi di ricambio e democratizzando i pezzi stampati, potrebbe essere più semplice per le società di servizi, ad esempio, entrare nel settore dei pezzi di ricambio. Se fornissi già assistenza ai camion in Indonesia, ora potrei offrire pezzi di ricambio meno costosi per tali camion ai miei clienti esistenti. Allo stesso modo, qualcuno potrebbe offrire ricambi molto meno costosi nel mercato cileno degli autobus o per i macchinari industriali di una determinata azienda. I beni strumentali e i mercati B2B industriali sono considerevoli in termini di entrate e valore, ma spesso non subiscono l’abbagliamento dei media o delle nuove tecnologie dirompenti. Complessivamente,

In generale, possiamo vedere le aziende chimiche e polimeriche giocare sempre più con l’idea di passare dalla vendita di prodotti chimici e polimeri alle parti. Victrex, ad esempio, si è orientato verso un modello di servizio in base al quale, per alcune parti mediche, vende i componenti stessi e non la resina. Pur rimanendo nel settore PEEK, l’ unità Invibio di Victrex sale lungo la catena alimentare e ora sta aiutando le persone a sviluppare e ottenere l’approvazione per i dispositivi medici realizzati in PEEK.

È una mossa simile di Mitsubishi? In un certo senso lo è, ma, piuttosto che ritagliarsi una nicchia in cui non farà entrare gli altri, la società giapponese ha esteso la sua offerta a più parti come servizio. Un simile approccio sembrerebbe molto sensato. Vi sono margini molto più elevati nelle parti e si può lavorare di più sullo sviluppo di un rapporto, per sua natura più strategico, con i clienti. Allontanandosi dalla maggior parte e persino dai prodotti chimici speciali verso le parti, le società di polimeri e prodotti chimici potrebbero fare del loro meglio un intero mondo.

C’è rischio: forse i clienti esistenti potrebbero sentirsi alienati perché il loro fornitore ora è in concorrenza con loro? Ciò è accaduto in precedenza nella stampa 3D, ad esempio, con gli OEM che hanno avviato i servizi. Se la loro attività esistente fosse adiacente, una tale mossa potrebbe portare a un calo di alcuni ricavi che si spera vengano compensati dai ricavi delle parti. Se Mitsubishi è stato attento a evitare tale problema, la loro mossa di aiutare una società in cui ha investito entrando nel business dei servizi globali attraverso la fabbricazione di parti con polimeri Mitsubishi sembra un gioco molto solido volto a un futuro più orientato al prodotto finale.

Be the first to comment on "Mistubishi Chemical offre servizio FIM di stampaggio ad iniezione a mano libera da Addifab"

Leave a comment