Minuscole strutture biostampate in 3D per rigenerare i nervi periferici danneggiati

Scienziati dell’università di Saskatchewan in Canada hanno sviluppato minuscole strutture stampate in 3D che possono guidare la ricrescita delle cellule nervose , ripristinando possibilmente il senso del tatto e il controllo del movimento nei pazienti con sistema nervoso periferico danneggiato .

I nervi periferici, che sono i collegamenti tra il nostro cervello e il midollo spinale e il resto del nostro corpo, sono fragili e facilmente danneggiabili. Possono essere danneggiati da tossine, cattiva alimentazione, traumi o malattie come il diabete, che colpisce circa 422 milioni di persone in tutto il mondo.

I nervi sono circondati da tessuti che agiscono come isolanti. Danni al sistema nervoso periferico possono influenzare il nostro senso del tatto e il controllo del movimento, gravi lesioni ai nervi periferici possono causare una perdita totale di sensibilità all’area.

Lo standard attuale per il trattamento di grandi lacune nel sistema nervoso a causa del danno è l’autotrapianto nervoso, il trapianto di nervi donatori da un’altra parte del corpo per la riparazione e la chiusura di un gap nervoso da una lesione del nervo periferico.

Tuttavia, questo processo non è perfetto; ci sono siti donatori limitati per la riparazione dei nervi, e anche gli innesti di successo solo normalmente ripristinano una parte della funzionalità originale del nervo.

La tomografia computerizzata con imaging a contrasto di fase in CLS consente ricostruzioni 3D accurate e altamente dettagliate degli scaffold da produrre. Credito: fonte di luce canadese

Liqun Ning, un ricercatore postdottorato nel Tissue Engineering Research Group guidato da Daniel Chen presso l’Università del Saskatchewan, ha passato gli ultimi anni a studiare se una combinazione di stampa 3D e biotecnologia può essere utilizzata per risolvere questo problema e aiutare con la rigenerazione delle cellule nervose .

Il lavoro di Ning prevede l’utilizzo di cellule di Schwann, che supportano le cellule del sistema nervoso in grado di forzare le cellule nervose a crescere correttamente, in uno scaffold a base di idrogel stampato in 3D al fine di promuovere e guidare la rigenerazione dei nervi danneggiati.

Liqun Ning prepara una soluzione per mantenere idratati gli scaffold dei campioni. Credito: fonte di luce canadese

A questo punto, Ning vuole risolvere alcuni problemi negli scaffold prima che questo metodo veda l’uso medico regolare. Vuole provare alcune tecniche diverse per dirigere meglio la crescita del sistema nervoso. Quindi ci saranno prove in vivo, test su animali vivi per garantire che tutto funzioni come previsto in un organismo vivente e prove cliniche da testare con le persone.

Be the first to comment on "Minuscole strutture biostampate in 3D per rigenerare i nervi periferici danneggiati"

Leave a comment