mimiX Biotherapeutics di Marc Thurner con la tecnologia 3D-SIM alla base di mimiX biotherapeutics di Tiziano Serra

Marc Thurner lancia mimiX Biotherapeutics su Bioprint in sala operatoria utilizzando il suono

La corsa alla biofabbricazione è iniziata. Gli scienziati di tutto il mondo sono in competizione e l’ascesa di attori commerciali biotecnologici ha diversificato il campo , muovendosi rapidamente per tenere il passo con le alte aspettative di scienziati, operatori sanitari e aziende farmaceutiche desiderosi di portare la ricerca alla terapia clinica. Ma questa non è una transizione facile e anche se la bioprinting ha spostato il campo in avanti, non è così vicina ai pazienti come tutti sperano che sarebbe. Una nuova società sta ora portando un messaggio diverso, uno di possibilità e speranza che potrebbe spianare la strada al futuro dell’assistenza sanitaria.

Recentemente lanciato mimiX biotherapeutics sta sviluppando la prossima generazione di soluzioni di biofabbricazione per fornire ingegneria tissutale Point-of-Care per la medicina rigenerativa, personalizzata e di precisione. Fondata da Marc Thurner , che proprio quest’anno ha lasciato la sua precedente creazione regenHU e sta ora iniziando un nuovo capitolo della sua vita, la startup commercializzerà una nuova tecnologia di bioprocessing chiamata Sound Induced Morphogenesis (SIM). Con un nuovo inizio, Thurner – ora CEO di mimiX biotherapeutics – ha parlato con 3DPrint.com dello strumento scientifico che si aspetta potrebbe rivoluzionare la medicina rigenerativa e la diagnostica e che prevede di lanciare commercialmente entro la prossima estate.

“Potremmo accelerare la rivoluzione della biofabbricazione nel settore sanitario?”, Si chiese Thurner a giugno.

Questa è una grande domanda che crede di aver trovato la risposta.

“Subito dopo aver lasciato regenHU, ho iniziato a visitare la campagna con la mia famiglia. Ma sono passato rapidamente da un’esperienza in campeggio a una nuova avventura tecnologica. Tiziano Serra (l’inventore della tecnologia 3D-SIM) è venuto a trovarmi sostenendo di avere un’interessante tecnologia nel campo della biofabbricazione. Dopo aver trascorso una settimana a esaminare alcuni dei fantastici risultati e dati scientifici che aveva sviluppato negli ultimi sei anni, ho deciso che questa era un’opportunità da non perdere “, ha rivelato Thurner. “All’epoca, mi sono reso conto che la tecnologia della maggior parte delle aziende di bioprinting, che si basano su sistemi di estrusione convenzionali, è un ottimo strumento per la ricerca scientifica ma probabilmente non farà mai la traduzione nell’ambiente clinico”, ha rivelato.

Invece, la tecnologia di mimiX biotherapeutics ha già dimostrato – con prove scientifiche – che offre strategie di ingegneria dei tessuti per superare gli ostacoli odierni, ad esempio la creazione di reti dense di cellule adatte alla microvascolarizzazione.

Secondo Thurner, il bioprinting che utilizza i sistemi di distribuzione convenzionali è positivo per la scienza ma troppo complicato per l’uso clinico a causa di diversi ostacoli critici tra cui scalabilità, convenienza, produzione e perché comportano processi complicati e ad alta intensità di lavoro.

Afferma inoltre che l’attuale terapia cellulare disponibile è costosa e richiede tempo poiché le biopsie dei pazienti vengono inviate ai laboratori in cui le cellule vengono isolate e amplificate per creare tessuti artificiali utilizzando la stampa 3D (o altri metodi più convenzionali) in modo che possano – settimane più tardi – essere trapiantato nel paziente. Ci vuole solo troppo tempo.

“Sembra chiaro che dobbiamo superare questo processo rudimentale che non è stabile e un incubo logistico. Invece, mimiX biotherapeutics apre le porte alla produzione di tessuti specifici per il paziente direttamente nella sala operatoria (OR), migliorando i materiali biologici autologhi del paziente, per il proprio trattamento. Quindi, vediamo un’opportunità per ridurre i costi della procedura di ingegneria dei tessuti. Inoltre, speriamo che in futuro la maggior parte dei medici sarà in grado di utilizzare il materiale biologico del paziente per elaborarlo direttamente in sala operatoria senza la necessità di alcuna competenza specifica in ingegneria o strumenti robotici richiesti dalle tipiche bioprinter ”.

Fornire la loro tecnologia nell’ambiente clinico è l’obiettivo finale per la startup, che ha sede a Neuchâtel, in Svizzera. Thurner spera che un giorno ogni ospedale disponga di un sistema 3D-SIM in sala operatoria, per migliorare il biomateriale che ottengono dal paziente e creare tessuti pronti per essere impiantati in pochi minuti.

Thurner ha proseguito affermando che “ciò potrebbe essere possibile entro un periodo di 10 anni perché stiamo semplificando il processo e perché i materiali non devono uscire dall’OR. Ciò significa che, oltre all’assistenza ai pazienti, offriamo anche una soluzione a uno dei maggiori problemi del settore sanitario: costi estremamente elevati. “

La tecnologia 3D-SIM alla base di mimiX biotherapeutics ha quasi un decennio. È stato sviluppato da Tiziano Serra, ricercatore presso l’ AO Research Institute di Davos, in Svizzera, con l’obiettivo di creare schemi biologici ben definiti che si auto-assemblano nei tessuti funzionali usando le onde sonore. Un processo che Serra ha definito poeticamente come “biologia orchestrante”. La società afferma che la SIM è un processo di modellizzazione cellulare e biologico per creare un modello biologico 3D in cui le cellule inducono la morfogenesi attraverso un meccanismo di autoassemblaggio. La tecnologia SIM offre una strategia altamente efficiente che crea modelli cellulari densi e organizzati.

“Il bello dietro SIM è che Serra ha iniziato a esplorare il suo potenziale molti anni fa e capisce già quale tipo di pattern induce diversi tipi di strategie di ingegneria dei tessuti. La nostra attuale attenzione è rivolta alla micro vascolarizzazione, che rappresenta il grosso collo di bottiglia nella medicina rigenerativa “.

Il nostro universo è immerso nelle onde e le macchine mimiX biotherapeutics le trasmettono. Un Labware proprietario viene prima posizionato su un tipo di altoparlante e, a seconda del suono emesso, le onde che vengono generate trasmettono energia ai labware e ai media di coltura cellulare. Le celle saranno quindi modellate in diverse forme, come circolare, quadrata, a forma di stella o in agglomerati per innescare un processo di autoassemblaggio. La società prevede di consegnare il suo nuovo strumento come strumento scientifico il prossimo anno per la comunità di ricerca, consentendo loro di esplorare il potenziale di ciò che potrebbero ottenere passando dal bioprinting convenzionale alla SIM. Il piccolo dispositivo si adatta a qualsiasi gabinetto di biosicurezza e Thurner spera che inneschi esponenzialmente la proprietà intellettuale dietro la tecnologia.

La società è guidata da esperti sanitari, manager e scienziati delle scienze della vita e beneficia della cooperazione con la Fondazione AO , un’organizzazione no profit dedicata al miglioramento dell’assistenza alle persone con lesioni muscoloscheletriche e ai loro sequel attraverso la ricerca, lo sviluppo, l’educazione e la garanzia della qualità.

Thurner ha già iniziato a creare partnership strategiche per andare avanti con ricerca e sviluppo, studi clinici e attirare investitori strategici per unirsi all’impresa. Si sta già preparando per un round di finanziamenti della Serie A per andare sul mercato con il suo prototipo e iniziare un percorso clinico.

“Sono convinto che dobbiamo lavorare con una mentalità aperta all’innovazione perché il campo della biofabbricazione è così versatile. Per consentire una rivoluzione, dobbiamo unire le nostre competenze in hardware e software, insieme a conoscenze di terapia cellulare, cliniche e sanitarie. Inoltre, il nostro dispositivo sarà uno strumento di laboratorio ideale con il potenziale per essere utilizzato in molti campi, dalla biotecnologia alla scoperta di farmaci “, ha concluso l’esperto.

Be the first to comment on "mimiX Biotherapeutics di Marc Thurner con la tecnologia 3D-SIM alla base di mimiX biotherapeutics di Tiziano Serra"

Leave a comment