Microsoft Community Impact Pitch-Off premio a La classe circolare di Brian Boyle, Matthew Burmeister e Andrew John De Los Santos dell’Arizona State University

Microsoft Community Pitch-Off: trasformare i rifiuti di plastica in materiali didattici con la stampa 3D

Persone in tutto il mondo stanno sfruttando il potere delle nuove tecnologie alla ricerca di soluzioni sostenibili, a basso costo e localizzate alla vita che alla fine affronteranno alcuni dei problemi più imminenti della Terra, come la pandemia, il riscaldamento globale e la contaminazione della plastica. Particolarmente preoccupati per il futuro dell’educazione sostenibile, tre studenti dell’Arizona State University (ASU) hanno vinto $ 6.000 in fondi di avvio per il loro nuovo progetto di economia circolare attraverso il Microsoft Community Impact Pitch-Off a fine novembre. Nella speranza di soddisfare le esigenze degli studenti delle scuole inferiori nella zona metropolitana di Phoenix, Brian Boyle, Matthew Burmeister e Andrew John De Los Santos (tre studenti di master della School of Sustainability ) hanno creatoLa classe circolare . È un’incarnazione della loro convinzione che la tecnologia potrebbe aiutare a trasformare i rifiuti di plastica difficili da riciclare in materiali didattici stampati in 3D a basso costo. Inoltre, il progetto tocca davvero tutti e tre i pilastri della sostenibilità: ambientale, economica e sociale.

Secondo il trio, la Circular Classroom mira a soddisfare una miriade di bisogni della comunità nell’area di Phoenix, dove molte scuole superiori locali soffrono di una mancanza di finanziamenti, che crea ostacoli alla tecnologia e alle opportunità di apprendimento. Nel frattempo, le scuole e la società in generale stanno creando flussi di rifiuti di plastica che non sono facilmente riciclabili. Ad esempio, si occupavano dei tappi di bottiglia di plastica fatti di polipropilene che non si biodegrada, il che significa che ci vorrebbero centinaia di anni prima che si decompongano in una discarica, e se non riciclati, questi tappi possono apparire in acqua e posare un pericolo per la vita marina a causa delle loro piccole dimensioni. Negli Stati Uniti, 2,5 milioni di bottiglie di plastica vengono gettate via ogni ora e ognuna di esse ha un tappo, motivo per cui questo progetto è così importante.

I vincitori della sfida affermano che ora gli studenti avranno l’opportunità di essere introdotti a un modello di economia circolare in cui possono produrre materiali didattici per la stampa 3D da quello che altrimenti sarebbe uno spreco di plastica. In tal modo, si crea un’opportunità per aumentare i tassi di diploma delle scuole superiori mantenendo gli studenti impegnati nelle aule, ridurre il budget scolastico sui filamenti di stampa 3D fornendo loro la tecnologia per generare il proprio filamento dai rifiuti di plastica e costruire capacità che possono creare percorsi verso l’occupazione o l’istruzione superiore formando gli studenti sulla progettazione assistita da computer (CAD).

“La nostra eccitazione e motivazione per The Circular Classroom nasce dall’opportunità di introdurre un modello di istruzione in economia circolare nelle scuole superiori locali”, ha affermato Boyle, che sta perseguendo un master in soluzioni di sostenibilità presso ASU. “Non siamo a conoscenza delle scuole che attualmente offrono agli studenti questa opportunità di apprendimento, tuttavia riteniamo che sia indispensabile dare visibilità alla prossima generazione e potenziare gli studenti sviluppando la capacità di affrontare le sfide contemporanee relative ai rifiuti. Inoltre, dando la priorità alle scuole secondarie sottoservite, miriamo a fornire attitudini tecnologiche e opportunità di apprendimento affinché gli studenti possano continuare a frequentare le scuole superiori e oltre. “

Hanno escogitato un processo semplice e divertente. Prima di tutto, hanno bisogno di raccogliere tappi di bottiglia nelle scuole, quindi hanno in programma di iniziare identificando un liceo locale per stabilire una partnership, selezionare insegnanti interessati, coinvolgere gli studenti e quindi istituire siti di raccolta nelle aule. Quindi i rifiuti di plastica vengono trasformati in filamenti di stampa 3D e, infine, possono stampare in 3D nuovi progetti per materiali didattici utilizzando le nuove stampanti 3D che alcune scuole superiori locali hanno ricevuto attraverso una sovvenzione.

Boyle, Burmeister e De Los Santos hanno portato a casa $ 1.000 in premi in denaro e $ 5.000 in fondi di attuazione per iniziare a mettere in atto il loro piano. Useranno i fondi per comprare la tecnologia che le scuole superiori locali possono utilizzare per plastica straccio in scaglie di plastica e poi estrudere in bobine per le loro stampanti 3D (attualmente sono pensando di acquistare ReDeTec ‘s Protocycler +). Boyle stima che con il finanziamento e le giuste opportunità di partenariato nelle scuole superiori, potrebbero implementare e pilotare The Circular Classroom in un massimo di due scuole locali. Oltre a Microsoft , il team sta collaborando con GreenLight Solutions , un’organizzazione che fornirà supporto agli studenti ASU per la formazione degli insegnanti su come utilizzare lo shredder / grinder e la stampante 3D.

L’idea originariamente proveniva da un video di un’operazione di stampa 3D su base volontaria che utilizzava tappi di bottiglia di plastica a Bali, in Indonesia, e da una delle esperienze dei membri del team che frequentavano scuole pubbliche nell’area della metropolitana di Phoenix. Ora ha portato le tre menti brillanti a diventare vincitori del Microsoft Community Pitch-Off, un evento co-sponsorizzato da Microsoft e Net Impact (un’organizzazione senza scopo di lucro per studenti e professionisti interessati a utilizzare le competenze aziendali a sostegno di varie cause sociali e ambientali ) che offre agli studenti l’opportunità di proporre una soluzione che risolva un problema nella propria comunità locale. Entrambi i giudici di Microsoft e della comunità locale erano incaricati di valutare le proposte.

Microsoft è sul punto con i suoi sforzi di sostenibilità ambientale e si impegna ad affrontare importanti sfide per le comunità in cui operano i loro data center, quindi attraverso partnership di comunità, la multinazionale crea valore condiviso, promuovendo allo stesso tempo opportunità sociali, migliorando la crescita economica e sostenendo la sostenibilità ambientale. Per entrare nel programma, gli studenti hanno dovuto presentare la loro idea su come sfruttare al meglio le iniziative di Microsoft e le priorità della comunità locale per affrontare un problema importante nella loro area.

La piattaforma per questo particolare modello educativo si basa sulla stampa 3D e sul recupero delle risorse, dando la possibilità ai volontari Microsoft di fornire la loro esperienza tecnica agli studenti. Questi volontari potrebbero aiutare il tutor degli studenti su come utilizzare il software CAD 3D necessario per la stampa 3D. Possono anche prendere qualsiasi tappo di bottiglia raccolto per donare come materiale di stampa 3D nelle scuole. Mentre Green Light Solutions non profit ha consulenti universitari e laureati che potrebbero guidare gli insegnanti sulle operazioni del trituratore / smerigliatrice e stampante 3D.

Gli studenti non hanno solo la possibilità di esplorare la propria area locale per valutare le sfide locali o creare strategie per affrontarle, questa opportunità offre anche loro una maggiore comprensione delle collaborazioni e delle risorse locali, nonché un’esperienza dimostrabile nel prendere un’idea e trasformarla in un progetto completamente sviluppato. Come useresti la stampa 3D per aiutare la tua comunità locale?

Be the first to comment on "Microsoft Community Impact Pitch-Off premio a La classe circolare di Brian Boyle, Matthew Burmeister e Andrew John De Los Santos dell’Arizona State University"

Leave a comment