Microlight3D ha ricevuto una sovvenzione europea del valore di 747.000 € per il progetto nAngioDerm per sviluppare una stampante 3D per la rigenerazione cutanea

Microlight3D e partner hanno concesso € 747K per sviluppare una stampante 3D per la rigenerazione cutanea
Il finanziamento supporterà il progetto nAngioDerm nei prossimi 36 mesi

Microlight3D , una società francese specializzata in tecnologie di stampa 3D in micro-scala ad alta risoluzione, ha ricevuto una sovvenzione europea del valore di 747.000 € (822.000 $) per il progetto nAngioDerm di cui è partner. Un consorzio di gruppi di ricerca provenienti da tutta Europa distribuirà i finanziamenti, tra cui ANR (l’Agenzia nazionale per la ricerca francese), che sta sottoscrivendo il lavoro di Microlight3D nel progetto.

Il progetto nAngioDerm verrà lanciato ufficialmente a settembre 2019 ed è programmato per i prossimi 36 mesi. In generale, il suo obiettivo è sviluppare un processo di stampa 3D per la rigenerazione cutanea. Microlight 3D e altri quattro partner di ricerca europei collaboreranno per sviluppare una nuova soluzione per i pazienti che soffrono di ferite difficili da guarire causate da ulcere o ustioni.

Nei prossimi tre anni, Microlight3D e i suoi partner saranno i pionieri di un nuovo processo di stampa 3D e dei prodotti associati utilizzando biomateriali a rilascio di ioni progettati per promuovere l’angiogenesi per la rigenerazione cutanea. Per raggiungere questo obiettivo, il progetto dipenderà fortemente dalle rispettive competenze dei partner nell’ingegneria dei tessuti, negli ioni bioattivi e nella stampa 3D di scaffold cellulari: la specialità di Microlight3D.

“Microlight3D è molto orgoglioso di essere partner di nAngioDerm, il suo primo consorzio di ricerca europeo”, ha commentato Denis Barbier, CEO di Microlight3D. “Collaborare con organizzazioni accademiche di così alto livello su un problema di salute così importante è un ulteriore riconoscimento del valore della nostra tecnologia di microprinting 3D per le applicazioni di medicina rigenerativa. Questo progetto è una grande opportunità per aiutare a sviluppare ulteriormente i nostri sistemi di stampa 3D su micro scala per l’uso in future applicazioni sanitarie. “

Il progetto nAngioDerm è guidato dall’Istituto per la bioingegneria in Catalogna (IBEC), specializzato in ioni bioattivi e bioingegneria, e attira la partecipazione di ricercatori dell’Università di Ioannina in Grecia, l’ospedale Universitario Vall d’Hebron in Spagna e l’Università di Grenoble in Francia.

Microlight3D, l’unico partner non accademico, avrà il compito di sviluppare una stampante 3D e un processo per applicazioni su scaffold cellulari. Il ruolo è fondamentale nel progetto nAngioDerm e Microlight3D è stato selezionato per il lavoro a causa della sua esperienza e competenza nella stampa 3D di biomateriali con risoluzione sub-cellulare.

In definitiva, la capacità di stampare in 3D biostrutture per la rigenerazione cutanea potrebbe portare a metodi di trattamento più sofisticati per i pazienti che soffrono di ferite acute causate da ulcere, ustioni o interventi chirurgici. Il trattamento potrebbe comportare una riduzione dei costi e delle risorse mediche per la cura delle ferite: attualmente, il costo annuale della gestione delle ferite da parte del SSN è stimato a oltre 4,5 miliardi di sterline.

Il progetto nAngioDerm fa parte di EuroNanoMed3 (2016-2021), un’iniziativa che sostiene progetti di ricerca e innovazione multidisciplinari e traslazionali incentrati su medicina rigenerativa, diagnostica e sistemi di consegna mirati. EuroNanoMed3 fa parte del più ampio programma europeo Orizzonte 2020.

Be the first to comment on "Microlight3D ha ricevuto una sovvenzione europea del valore di 747.000 € per il progetto nAngioDerm per sviluppare una stampante 3D per la rigenerazione cutanea"

Leave a comment