Micro-fabbriche australiane per il trattamento dei rifiuti elettronici dei container in cui all’interno, una combinazione di bracci robotici e droni automatizzati che separa i rifiuti elettronici

Le “micro-fabbriche” australiane trasformano i rifiuti elettronici in filamenti per stampanti 3D ad alto valore
Mentre i rifiuti elettronici  continuano ad accumularsi nelle discariche in tutto il mondo, uno scienziato australiano potrebbe avere una soluzione praticabile per questa crescente minaccia ambientale. Secondo Veena Sahajwalla, scienziata dei materiali presso l’Università del New South Wales, “siamo tutti proprietari di micro-miniere”. Considerando i milioni di dispositivi elettronici che buttiamo via ogni anno, la proclamazione di Sahajwalla diventa meno un’iperbole e più letterale se l’analizziamo bene.  L’E-waste, si scopre, è pieno di risorse preziose: una tonnellata di telefoni cellulari, o circa 6.000 singoli dispositivi, significano 130 kg di rame, 3 kg di argento, 340 g di oro e 140 g di palladio.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg. “Abbiamo quasi 25 milioni di telefoni cellulari solo in Australia”, afferma Sahajwalla. “E questi sono quelli non in uso.” Quando si tiene conto del gran numero di televisori, computer, tablet e altri apparecchi scartati, i numeri sono sconcertanti. E  non si sta nemmeno considerando uno dei più grandi produttori globali: secondo il Programma ambientale delle Nazioni Unite, il   trilione di dollari nel settore dell’elettronica ha generato circa 42 milioni di tonnellate di apparecchiature elettroniche obsolete nel solo 2014, con una potenziale perdita di 52 miliardi di dollari di risorse incorporate. A cosa si riduce tutto? Come sostiene Sahajwalla, è giunto il momento per noi di fare un po ‘di pulizia ambientale e incassare mentre ci siamo.

La risposta, almeno per quanto riguarda l’Università del New South Wales, è un approccio ispirato alla stampa 3D. Come parte della borsa di studio per il premio del Research Council australiano, Sahajwalla e i suoi colleghi hanno recentemente istituito il Centro per la ricerca e la tecnologia dei materiali sostenibili (SMaRT), dove stanno attualmente lavorando per rendere più sicuro e più redditizio il trattamento dei rifiuti elettronici. Per il momento, questi sforzi sono orientati verso la prototipazione di un’alternativa a basso costo alla fusione su scala industriale. Sahajwalla li chiama “micro-fabbriche” e hanno le dimensioni di un container. All’interno, una combinazione di bracci robotici e droni automatizzati separa i rifiuti elettronici come schermi di vetro, circuiti stampati e involucri di plastica. Un processo proprietario di identificazione visiva del centro SMaRT assiste nel processo,

In generale, queste micro-fabbriche sfornano preziose leghe metalliche, materiali compositi, ceramiche e micromateriali, mentre si annulla in modo sicuro qualsiasi impatto pericoloso. Poiché tali materiali hanno già un notevole valore di mercato e potrebbero essere utilizzati per produrre qualsiasi cosa, dalla gioielleria all’hardware per aeromobili, i produttori dovrebbero essere pronti ad acquistare la produzione riciclata. A temperature più basse, le micro-fabbriche possono essere utilizzate per fondere le materie plastiche in filamenti di stampa 3D, oltre ad altri prodotti in plastica ad alto valore. Mentre la plastica potrebbe non sembrare redditizia come l’argento e l’oro, potrebbe non essere così lontana come pensi. Studi recentisuggeriamo che il mercato globale dei filamenti raggiungerà i 6,6 miliardi di dollari nel 2026.

Per ora, il team è ancora in fase di progettazione, ma se riescono a ottenere queste micro-fabbriche sul campo, i vantaggi sono chiari. Con il decentramento dell’attività di riciclaggio, il sistema di Sahajwalla consentirebbe l’elaborazione dei rifiuti elettronici a livello locale, nello stesso luogo in cui sono raccolti. Un simile approccio contribuirebbe ad eliminare le emissioni nocive associate alla spedizione di rifiuti su vasta scala agli impianti di riciclaggio. Le micro-fabbriche creerebbero anche nuove opportunità commerciali valide per i piccoli impianti di riciclaggio, che potrebbero teoricamente passare dalla raccolta dei rifiuti alla produzione di prodotti di valore elevato. Tutto sommato, Sahajwalla è fiducioso che l’innovazione del centro SMaRT ha “un grande potenziale per l’Australia di fare qualcosa di diverso nei rifiuti elettronici dal resto del mondo”.

Be the first to comment on "Micro-fabbriche australiane per il trattamento dei rifiuti elettronici dei container in cui all’interno, una combinazione di bracci robotici e droni automatizzati che separa i rifiuti elettronici"

Leave a comment