Michelin : torneremo ai pneumatici in legno

La Michelin vuole mettere il legno nelle vostre gomme e la società ritiene che le gomme di legno saranno una realtà in meno di due anni.

La Michelin ha annunciato le sue  ambizioni future a maggio, che include un piano per la produzione di pneumatici riciclabili al 100% entro il 2048, utilizzando l’80% di materiali sostenibili. Ora, tale piano ha ricevuto ulteriori chiarimenti, come il produttore di pneumatici francese ha dichiarato a Motoring in un’intervista che la Michelin sta studiando l’uso del legno nei suoi pneumatici.

Cyrille Roget, direttore mondiale della comunicazione scientifica e dell’innovazione della Michelin, ha affermato che l’azienda sta cercando di sostituire i principali ingredienti a base di olio con quelli a base di legno e spera di mostrare il primo pneumatico in legno nel 2020.

La strada per questo ambizioso obiettivo materiale sostenibile sarà raggiunta da programmi di ricerca in materiali bio-sourced come Biobutterfly. Il programma Biobutterfly è stato lanciato nel 2012 con Axens e IFP Energies Nouvelles per creare elastomeri sintetici da biomasse come legno, paglia o barbabietola.

Michelin sta sviluppando soluzioni innovative oggi per integrare sempre più materiali riciclati e rinnovabili nei suoi pneumatici. Il passaggio agli ingredienti del legno porta molti benefici. “Gli alberi crescono ovunque, quindi ridistribuisci l’opportunità per tutti di ottenere un approvvigionamento locale e sono rinnovabili”, ha affermato Roget.

Le gomme di legno avranno ancora la maggior parte dei componenti utilizzati oggi, ma gli elastomeri dei trucioli di legno sostituiranno il contenuto di olio nei pneumatici.

“Abbiamo un progetto che lavora con trucioli di legno. Useremo i rifiuti dell’industria del legno per creare elastomeri che entrano nei pneumatici “, ha aggiunto Roget. “Riteniamo che sia una buona soluzione per il futuro.”

In questo momento, l’azienda sta conducendo ricerche sul legno in Brasile e sta creando un modello di piantagione che consente la crescita di banane e cacao accanto alla gomma. L’azienda crede che un giorno la stampa 3D rivoluzionerà il processo degli pneumatici. I materiali avanzati e le tecnologie di stampa 3D saranno utilizzati per produrre e rinnovare il battistrada di questa soluzione di mobilità e significherà che è riciclabile al 100%.

La società ha costituito una joint venture chiamata AddUp con Fives Group SA per sviluppare una linea di stampanti 3D in metallo e utilizzerà stampi stampati 3D per migliorare le prestazioni degli pneumatici Michelin.

Roget ammette che il tempo realistico per la stampa 3D dei pneumatici è di 10-15 anni, ma spera che le nuove tecnologie possano cambiarlo.

“Ci stiamo lavorando per sviluppare la stampa in gomma o la stampa polimerica. Siamo più nelle prime fasi di questa tecnologia. Ma ha bisogno di essere industrializzato e pronto per il futuro. ”

Pneumatico stampato in 3D realizzato con materiali riciclati può essere riciclato alla fine della sua vita. Ha anche un battistrada ri-stampabile, quindi la maggior parte del pneumatico non ha mai bisogno di essere cambiato.

“Possiamo stampare il battistrada, ma deve essere industrializzato. Stiamo facendo dei progressi molto rapidi “, ha spiegato Roget.” Potrebbe essere che alla fine la stazione di ricarica per la tua auto elettrica sia anche la stazione di ricarica per le gomme. ”

Be the first to comment on "Michelin : torneremo ai pneumatici in legno"

Leave a comment