Michael Weinberg, IP e Consiglio Generale di Shapeways, chiede alla comunità di stampa 3D di firmare una petizione per modificare una regola  dell’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti

L’eccezione nella regola del copyright Office potrebbe minacciare la possibilità di sbloccare le stampanti 3D
Michael Weinberg, IP e Consiglio Generale di Shapeways, chiede alla comunità di stampa 3D di firmare una petizione che ha redatto per modificare una regola  dell’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti. La regola, che ha lo scopo di consentire alle persone di sbloccare o “jailbreak” una stampante 3D per utilizzare un filamento non proprietario, attualmente contiene un’esenzione che potrebbe effettivamente ignorare la regola.

La regola, che in genere è vista come una cosa positiva nel settore della stampa 3D, poiché consente agli utenti una maggiore libertà con i materiali di stampa 3D, è stata introdotta per la prima volta nel 2015. Ora, Weinberg crede che ciò che rappresenta potrebbe essere a rischio per il significato semantico.

In breve, l’esenzione afferma che mentre gli utenti possono hackerare una stampante 3D per utilizzare materiali diversi, non sarà consentita se la stampante 3D produce parti o prodotti per scopi commerciali. Ad un valore nominale questa esenzione sembra ragionevole e si presume la regola per proteggere alcune industrie, come quella aerospaziale e medica, da parti e materiali stampati in 3D.

Tuttavia, a causa del modo in cui è stata scritta l’esenzione, Weinberg ritiene che l’esenzione potrebbe rappresentare un pericolo per la libertà della comunità di stampa 3D.

Si legge: “L’esenzione non si estende a nessun programma per computer su una stampante 3D che produce beni o materiali per l’uso nel commercio la cui produzione fisica è soggetta a controllo legale o regolamentare …”

Michael Weinberg, IP e Consiglio generale presso Shapeways

Se ci pensate, qualsiasi stampante 3D potrebbe essere utilizzata per produrre parti commerciali soggette a supervisione normativa, come parti di aerei o dispositivi medici. Questa ampia lettura della regola potrebbe escludere tutte le stampanti 3D dal permesso di jailbreak.

Weinberg scrive sul suo blog : “Una lettura caritatevole dell’eccezione suggerisce che è stata motivata dal timore che le persone possano sbloccare la loro stampante 3D, utilizzare materiale di terzi (e sub-standard) nella loro stampante, creare qualcosa di altamente regolamentato come un aeroplano parte o impianto medico, e quindi hanno quella parte fallire perché nessuno si è reso conto che non è riuscito a soddisfare gli standard. ”

“Sfortunatamente, il linguaggio scelto dall’ufficio copyright per risolvere questo problema è stato così ampio da includere praticamente ogni stampante 3D”, continua. “In particolare, ha affermato che non si applicava a una stampante che” produce beni o materiali per l’uso nel commercio la cui produzione fisica è soggetta a controllo legale o regolamentare “. Inutile dire che questo è piuttosto ampio. ”

Nella sua petizione, Weinberg fa appello all’Ufficio dei diritti d’autore per modificare la regola e rimuovere la suddetta clausola per una serie di motivi. Il primo, e più ovvio, è rimuovere qualsiasi potenziale blocco per le persone che usano i materiali di stampa 3D che vogliono.

La seconda ragione per rimuovere l’eccezione, spiega Weinberg, è perché la preoccupazione sollevata attraverso di essa (che le parti critiche saranno prodotte da materiali scadenti) è in realtà infondata. Dice “Queste preoccupazioni sono state originariamente sollevate da Stratasys e poi ulteriormente discusse dall’Ufficio dei diritti d’autore. Tuttavia, non sembrano essere stati effettivamente documentati da nessuna parte. ”

Infine, la petizione sottolinea che, anche se la preoccupazione sollevata è valida, l’Ufficio dei diritti d’autore non è l’organismo incaricato di affrontare tali rischi, in particolare perché non sono incaricati della sicurezza dei dispositivi medici o della qualificazione aerospaziale.

“Alla fine la mia petizione chiede all’Ufficio copyright di concentrarsi sugli aspetti del copyright di questa decisione”, scrive. “Nella misura in cui non vi è alcun motivo relativo al copyright per limitare la portata dell’esenzione, l’esenzione non dovrebbe essere limitata. Se ci sono impatti non legati al copyright della decisione, l’ufficio copyright dovrebbe lasciare che le altre parti del governo si preoccupino di quelle. ”

La petizione può essere firmata qui : https:/ /archive.org/details/WeinbergClass12Comment20171218

 

Be the first to comment on "Michael Weinberg, IP e Consiglio Generale di Shapeways, chiede alla comunità di stampa 3D di firmare una petizione per modificare una regola  dell’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti"

Leave a comment