Mezzo milione di dollari dal Maine Technology Institute (MTI) al Centro di strutture e compositi avanzati dell’Università del Maine per aiutare i costruttori di barche nel Maine a ottenere un vantaggio competitivo nel settore incorporando la stampa 3D

Questa settimana, il  Maine Technology Institute (MTI) ha premiato il Centro di strutture e compositi avanzati dell’Università del Maine ( UMaine Composites Center ) con una sovvenzione di $ 500.000 per formare un cluster tecnologico con uno scopo ben preciso – aiutare i costruttori di barche nel Maine a ottenere un vantaggio competitivo nel settore incorporando la stampa 3D su larga scala con materiali plastici economici riempiti di legno.

Mentre i costruttori di imbarcazioni di piccole e medie dimensioni possono incontrare difficoltà con il tempo e il denaro necessari per realizzare stampi e strumenti marini tradizionali, i ricercatori del UMaine Composites Center affermano che la stampa 3D può essere utilizzata per ridurre i tempi di produzione fino a 75%. Ma anche se alcune aziende del barca e industria navestanno usando la stampa 3D , l’adozione diffusa è ancora lento a causa di stampanti 3D costosi e materiali delle materie prime.

Questo è il motivo per cui MTI ha assegnato la sovvenzione, quindi il Centro di materiali compositi di UMaine può costituire un cluster tecnologico per combinare le competenze dei leader e ricercatori del settore marino al fine di continuare a sviluppare e commercializzare la tecnologia in modo che i costruttori di imbarcazioni possano iniziare a trarre vantaggio.

“La combinazione di produzione additiva e materiali biodegradabili ed economicamente vantaggiosi è un potenziale punto di svolta per l’industria navale del Maine, riducendo il costo degli utensili marini fino al 50 percento. I costruttori di barche del Maine non sono in grado di assorbire i costi derivanti dall’acquisizione di una stampante 3D su larga scala e dalla sperimentazione di nuovi materiali di alimentazione, “ha affermato James Anderson, responsabile del programma di ricerca e sviluppo senior presso l’UMaine Composites Center. “L’UMaine Composites Center e l’industria cantieristica del Maine condividono una tradizione di innovazione. Abbiamo gli strumenti e le conoscenze per aiutare i costruttori di barche del Maine ad aumentare la produttività, ridurre i costi e, in definitiva, continuare la loro tradizione di eccellenza nel settore della costruzione navale “.
Habib Dagher, direttore esecutivo del centro, ha affermato che negli ultimi 18 anni il centro ha sviluppato tecnologie per estrudere la plastica riempita con fibre di nanocellulosa e cellulosa di legno; queste materie plastiche possono contenere fino al 50% di fibra di legno in peso.

Con l’aiuto della sovvenzione di MTI, l’UMaine Composites Center affronterà quanto sia costosa la stampa 3D su larga scala e contribuirà ad abbassare i costi, creando una gamma di materiali economici a base di legno per le applicazioni negli utensili compositi.

“Ora utilizzeremo le stesse plastiche più resistenti e più rigide in stampanti 3D di grandi dimensioni per sviluppare stampi per imbarcazioni da 20 a 100 piedi e altre parti della barca per i costruttori di barche del Maine. Con la stampa 3D di materie plastiche con il 50% di legno, puntiamo a produrre stampi per barche molto più veloci e meno costosi rispetto ai metodi tradizionali di oggi “, ha affermato Dagher. “Quando apprenderemo, lavoreremo con i costruttori di barche per incorporare la stampa 3D nel loro processo di produzione per le parti di barche più grandi e, infine, le barche stesse”.
Utilizzando materiali di riempimento a base di legno per stampi e parti di imbarcazioni per stampa 3D, la resistenza e la rigidità dei materiali aumenteranno, mentre i costi diminuiranno. Inoltre, i materiali contribuiranno a migliorare la riciclabilità e ridurranno l’impatto sull’ambiente. L’università sta anche lavorando altre società nel Maine per sviluppare una catena di approvvigionamento locale per i suoi materiali bio-riempiti, quindi è probabile che la costruzione di imbarcazioni non sarà l’unica industria a beneficiare di questi sforzi di ricerca e sviluppo.

Il consorzio costituito dal Centro dei materiali compositi di UMaine realizzerà collettivamente e stamperà stampi per imbarcazioni e strumenti marini per scopi di test e valutazione. Inoltre, come parte del processo di adozione e commercializzazione della stampa 3D, il consorzio organizzerà un corso di formazione per i costruttori di barche dell’area.

Per formare il cluster tecnologico degli ingegneri e ricercatori UMaine e dei costruttori navali del Maine, la sovvenzione di $ 500.000 da parte del MTI di UMaine Composites Center sarà compensata da ulteriori $ 500,00 dal Centro di ricerca, sviluppo e ingegneria Natick Soldier. I costruttori di barche del gruppo includeranno Back Cove Yachts a Rockland, Compounding Solutions a Lewiston, Custom Composite Technologies a Bath, Front Street Shipyard a Belfast, Hinckley Yachts a Trenton, Hodgdon Yachts a Boothbay, Kenway Composites a Augusta, Lyman-Morse Boatbuilding a Rockland e Sabre Yachts a Raymond.

Be the first to comment on "Mezzo milione di dollari dal Maine Technology Institute (MTI) al Centro di strutture e compositi avanzati dell’Università del Maine per aiutare i costruttori di barche nel Maine a ottenere un vantaggio competitivo nel settore incorporando la stampa 3D"

Leave a comment