Metamold stampi in silicone stampati in 3D

Metamold: creazione di stampi in silicone stampati 3D ideali più veloci ed economici

Lo stampaggio in silicone è un metodo di produzione economico che ti consente di realizzare una serie di oggetti identici per la prototipazione e il test funzionale. Fino ad ora, tuttavia, la fabbricazione di stampi per la colata di oggetti complessi richiedeva molta esperienza e comportava anche il lavoro manuale, che rendeva il processo lento e costoso. Scienziati dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione (ISTI-CNR) e dell’Istituto di Scienza e Tecnologia Austria (IST Austria) hanno sviluppato un nuovo strumento per la fabbricazione di oggetti digitali attraverso stampi in silicone riutilizzabili. Lo strumento trova automaticamente il metodo migliore per progettare gli stampi e fornisce anche modelli per i cosiddetti ” metamold “: stampi rigidi stampati 3D utilizzati per fabbricare gli stampi in silicone ottimizzati.

I metamold (pezzi rossi a sinistra e a destra) sono usati per fabbricare gli stampi in silicone (forme verdastre e bianche al centro).

Lo stampaggio del silicone è semplice e preciso e perdonerà molti errori. L’estrazione dell’oggetto dallo stampo richiede generalmente la separazione dei pezzi di stampo senza farli intrappolare in parti sporgenti dell’oggetto. Per aprire lo stampo è necessario un taglio accurato. “Fino ad ora, lo stampaggio in silicone di forme complesse era un mestiere che richiedeva anni di esperienza e una mano abile: era necessario sapere dove posizionare i tagli idealmente, e il lavoro era fatto manualmente.Il nostro nuovo strumento rende questo metodo accessibile a tutti, “dice Bernd Bickel, un assistente professore, che dirige il gruppo Computer Graphics e Digital Fabrication presso IST Austria.

Con il loro nuovo strumento, l’utente deve solo caricare la forma desiderata sul computer. Lo strumento calcola quindi dove devono essere posizionati i tagli per un risultato ottimale. Ciò implica che viene utilizzato il numero più piccolo possibile di pezzi di stampo e che l’oggetto può essere rimosso in modo sicuro dallo stampo una volta terminato.

Successivamente, il computer crea automaticamente i modelli stampabili 3D del metamold, un contenitore che viene utilizzato per creare i pezzi di stampo in silicone ideali. I metamold stampati in 3D vengono poi riempiti con silicone liquido per produrre gli ultimi pezzi di stampo in silicone, che sono riutilizzabili e possono essere utilizzati per trasmettere più repliche.

Gli scienziati ritengono che questo strumento sarà utile per la produzione di piccole serie, come nel design di gioielli o nell’arte. “Quando non si producono milioni di copie, questo è il metodo di scelta”, afferma Thomas Alderighi dell’ISTI-CNR, il primo autore dello studio.

Come notato da Paolo Cignoni, direttore della ricerca presso ISTI-CNR, una possibile applicazione è la produzione di un piccolo numero di repliche per musei che potrebbero essere gestiti dai visitatori per un’esperienza più profonda dell’esposizione.

Gli ultimi pezzi di stampo in silicone possono anche essere usati per creare repliche da una varietà di materiali diversi, compresi quelli tradizionali come la resina, ma anche quelli non convenzionali come il cioccolato o il ghiaccio.

Il loro metodo, che può ridurre il costo della tecnica di stampaggio del silicone, è presentato alla conferenza SIGGRAPH di quest’anno e pubblicata sulla rivista ACM Trans. Grafico .

Be the first to comment on "Metamold stampi in silicone stampati in 3D"

Leave a comment