Metallum3D chiude un round di finanziamenti

METALLUM3D, UN NUOVO CONCORRENTE NEL FILAMENTO DI STAMPANTI 3D IN METALLO, FINANZIATO DA CIT

La società di investimento early-stage CIT GAP Funds di Centre for Innovative Technology (CIT), con sede in Virginia, ha investito in Metallum3D , produttore locale di materiali di stampa 3D e fornitore di servizi.

Con questo nuovo investimento di capitale, Metallum3D sarà in grado di realizzare piani per far crescere la propria squadra; trasferirsi in un ufficio più grande; espandere le sue capacità di sviluppo del prodotto; e attrarre partner nella sua piattaforma. Inoltre, la società è ora in grado di sottoporsi al lancio beta del suo servizio di stampa 3D in metallo, previsto per il secondo trimestre 2019.

Nelson Zambrana, CEO di Metallum3D, commenta:

“SIAMO GRATI PER IL SUPPORTO DI CIT GAP FUNDS, I CUI INVESTIMENTI SVOLGERANNO UN RUOLO IMPORTANTE NELLA NOSTRA CRESCITA E INTERRUZIONE DELL’INDUSTRIA DELLA STAMPA 3D DI METALLI”.

Portare il metallo alle masse

L’obiettivo principale di Metallum3D, secondo Zambrana, è quello di fornire “più accesso ai materiali e servizi di stampa 3D in metallo a prezzi accessibili”. Con il suo servizio di stampa 3D in metallo, l’azienda spera di consentire alle aziende e ai privati ​​di eludere l’investimento di capitale del nuovo hardware per additivo metallico. Sul fronte dei materiali, questo è soddisfatto da Metallum3D anche se un filamento FFF in attesa di brevetto, confermato da Zambrana, sfrutta le polveri metalliche di qualità MIM facilmente reperibili e disponibili in una matrice polimerica. L’idea con questo materiale è che, dopo la stampa 3D su una tipica stampante 3D desktop, l’oggetto viene collocato in un forno per separare insieme il suo contenuto di plastica e le particelle di metallo sinterizzato.

Altre società che fanno uso di tale concetto includono The Virtual Foundry , sponsor materiale per il primo trofeo annuale 3D Printing Industry Awards , Markforged , nella macchina Metal X e Desktop Metal , nel suo Studio System .

Supportando il filamento MIM-polvere-fusa, Metallum3D ha anche sviluppato un processo di densificazione delle microonde in attesa di brevetto, utilizzato per il debinding e la sinterizzazione di oggetti stampati in 3D. Secondo la società, il suo processo “riduce il tempo di sbozzatura e di sinterizzazione del pezzo di oltre l’80%”.

Inoltre, “Le parti possono essere processate a piena densità con un restringimento di circa il 20% o infiltrate con un metallo secondario con conseguente densità e restringimento totali inferiori al 3%.”

Attualmente Metallum3D offre filamenti fusi con acciaio inossidabile 316L e acciaio per utensili H-13.

Una linea di servizi per l’acceleratore di innovazione senza scopo di lucro CIT, CIT GAP Funds è in realtà una famiglia di fondi di investimento iniziali e iniziali che si estendono su una vasta gamma di aree tecnologiche specialistiche diverse. Al momento, cinque fondi in totale comprendono la famiglia di fondi GAP CIT: GAP Fund I; Fondo GAP BioLife; GAP Tech Fund; Commonwealth Energy Fund (CEF); e fondo dei fondatori della Virginia.

In genere, l’investimento iniziale di CIT GAP Funds è pari a $ 100.000. Nei round di syndication più grandi, questo può estendersi fino a circa $ 500.000. I termini completi dell’investimento Metallum3D tuttavia, incluso l’importo concesso, rimangono segreti. Thomas Weithman, Managing Director di CIT GAP Funds, commenta: “Molte aziende non dispongono dei fondi per utilizzare gli attuali metodi di tecnologia di stampa 3D in metallo. Metallum3D sta cambiando questa narrativa per le imprese, grandi e piccole, fornendo una soluzione accessibile e accessibile “.

“CIT È ENTUSIASTA DI FAR PARTE DI QUESTA MISSIONE E SIAMO CERTI CHE LA TECNOLOGIA DI METALLUM3D SODDISFERÀ MOLTE ESIGENZE DEL MERCATO”.

Be the first to comment on "Metallum3D chiude un round di finanziamenti"

Leave a comment