Medicina rigenerativa, ingegneria tissutale e bioprinting 3D

In questo articolo esamineremo le applicazioni di ingegneria tissutale e medicina rigenerativa del bioprinting 3D.

Cerchiamo prima di definire i nostri termini di interesse. L’ingegneria tissutale è l’uso di una combinazione di cellule, metodi ingegneristici e materiali e adeguati fattori biochimici e fisiochimici per migliorare o sostituire i tessuti biologici. L’ingegneria tissutale prevede l’uso di scaffold per la formazione di nuovi tessuti vitali per scopi medici. Abbiamo parlato dell’uso degli scaffold per la biostampa per creare strati di tessuto per organi e altre parti del corpo. Uno deve capire che come bioingegnere, la maggior parte delle tecniche utilizzate per creare tessuto si basa sulla biomimetica. biomimicrysi riferisce alla progettazione e alla produzione di materiali, strutture e sistemi che sono modellati su entità e processi biologici. Siamo limitati nel nostro campo di applicazione a causa del fatto che la biologia è un sistema complesso ed è difficile imitare i processi naturali e viventi. Il bioprinting 3D è uno strumento che velocizza la biomimetica e ci consente di creare rapidamente risorse sintetiche.

Cosa è necessario per creare un’impalcatura per scopi di ingegneria dei tessuti

La medicina rigenerativa e l’ingegneria dei tessuti vanno di pari passo. Stiamo cercando di costruire materiali che possano avere proprietà rigenerative innate all’interno del nostro corpo. Questo è un processo essenziale per gli organismi viventi: la capacità di riparare se stessi dopo un danno o un trauma. La medicina rigenerativa è una branca della ricerca traslazionale nell’ingegneria dei tessuti e nella biologia molecolare che si occupa del “processo di sostituzione, ingegneria o rigenerazione di cellule umane, tessuti o organi per ripristinare o stabilire una normale funzione”. Matrice extracellularei materiali sono disponibili in commercio e sono utilizzati nella chirurgia ricostruttiva, nel trattamento di ferite croniche e in alcuni interventi chirurgici ortopedici. Questo è il futuro delle cure mediche in molti modi. La nostra comprensione dell’ECM e della bioprinting si sta evolvendo e la tecnologia è in continuo miglioramento. Il futuro dei biomateriali ECM nelle applicazioni di ingegneria tissutale e medicina rigenerativa è promettente. I progressi nelle tecniche di decellularizzazione e l’ottimizzazione delle strategie di ricellularizzazione miglioreranno vari aspetti di uno scaffold ECM e la sua capacità di essere rigenerativo. Questi tratti includono biocompatibilità, endotelializzazione e anastomosi funzionale nel sistema vascolare ospite.

Medicina rigenerativa e bioprinting 3D

L’endotelizzazione si riferisce alla creazione di tessuto endoteliale. Il tessuto endoteliale si riferisce al tessuto dello strato di cellule che rivestono l’interno del sangue e dei vasi linfatici, del cuore e di alcune altre cavità chiuse. anastomosiuna connessione incrociata tra canali adiacenti, tubi, fibre o altre parti di una rete. Queste sono le principali preoccupazioni quando si tratta di ingegneria dei tessuti e medicina rigenerativa a causa di come abbiamo bisogno di capire la necessità della biomimetica. Dobbiamo renderci conto che ci vuole un’assurda quantità di precisione persino per costruire sistemi che replicano la struttura interna di uno strato di tessuto vascolare. Quindi dobbiamo pensare a come questo sarà anche l’auto-guarigione. Ciò non scoraggia lo sviluppo di questa tecnologia anche se più persone sono incuriosite da questo argomento su base giornaliera.

Il bioprinting 3D è un incredibile passo nella giusta direzione, e ci sono aziende, università e startup che stanno cercando di essere all’avanguardia in questo campo. La ricchezza di conoscenza che viene creata in questo campo è immensa e, francamente, intimidirebbe le persone che non sono consapevoli di quanto sia vasto il campo.

Ora credo che da ora in poi il modo per scavare davvero in profondità in questa serie sia iniziare a intervistare i leader in questo campo. La due diligence sarà fatta per il pubblico per ottenere una comprensione più approfondita dagli esperti del settore. È importante intervistare una varietà di persone in questo campo poiché nessuno è necessariamente uno specialista in questo campo. Sembra che ci sia molta impollinazione incrociata e individui multi-specializzati. Rende possibile apprendere un’ampia varietà di conoscenze nel campo della biologia, della biologia sintetica, della biomimetica, della biofisica, della chimica, della biochimica, dei biomateriali, della scienza dei materiali, dei campi biomedici e di una serie di altri campi che non ho avuto modo di menzionare . Personalmente credo che la rivoluzione della bioprinting sia un po ‘anticipata.

Be the first to comment on "Medicina rigenerativa, ingegneria tissutale e bioprinting 3D"

Leave a comment