Medici Senza Frontiere  (MSF) in Giordania aiuta le vittime di guerra con le protesi stampate in 3D

Ahmad è il primo paziente a ricevere una protesi stampata 3D sopra il gomito da MSF. I tecnici hanno aggiunto un pezzo in più per sostituire l’omero nella protesi, e Ahmad sarà in grado sia di piegare che di allungare il braccio.
Da oltre dieci anni, Medici Senza Frontiere  (MSF), conosciuto in inglese come Medici senza Frontiere, ha operato un  ospedale per la chirurgia ricostruttiva  ad Amman, in Giordania. I pazienti di molti paesi del Medio Oriente che sono vittime di esplosioni di bombe, granate, proiettili e altre ferite legate alla guerra sono guariti lì.

Ma l’ospedale gestito da MSF offre anche amputati agli arti superiori oltre a cure mediche di emergenza: protesi stampate in 3D .

Moreau scansiona la mano amputata di Ibrahim, un paziente iracheno. L’immagine scansionata appare in tempo reale sul suo computer e fornirà misurazioni accurate per le sue protesi su misura.
Pierre Moreau, coordinatore clinico del progetto di protesi stampata in 3D di MSF in Giordania, ha dichiarato: “La Fondazione MSF ha lanciato il progetto 3D ad Amman lo scorso febbraio e abbiamo iniziato a vedere i primi pazienti due mesi dopo.

“Finora, abbiamo consegnato 16 protesi stampate. Ma il nostro ruolo non si ferma qui. Supportiamo i pazienti attraverso una serie di sessioni di terapia occupazionale per mostrare cosa possono fare con loro “.
Il progetto è iniziato come uno studio ed è ancora tecnicamente nella sua fase sperimentale. I pazienti vengono in ospedale da luoghi in cui è difficile ottenere un trattamento adeguato e troppo costosi per la terapia successiva, come Gaza, Iraq, Siria e Yemen, e MSF utilizza la scansione 3D e la stampa per aiutarli a recuperare funzionalità parziali. A sua volta, il feedback dei pazienti aiuta l’organizzazione a migliorare la qualità delle protesi stampate in 3D.

Ibrahim, 34 anni, ha riportato ferite alla testa, alle mani e alle gambe a causa di un’esplosione di un’auto, e ha avuto un totale di sei interventi chirurgici. Mentre la sua mano era inizialmente spezzata, un trattamento improprio le fece marcire e presto i medici la amputarono; Ibrahim ha affrontato il dolore risultante per oltre due anni.

Scansioni 3D di Ibrahim
All’ospedale giordano di MSF, le mani di Ibrahim sono state scansionate e un’immagine speculare sarà “abbinata alla scansione della parte lesa” per rendere più accurata la protesi. Prima della sua ferita, Ibrahim era un autista, e la sua protesi stampata in 3D gli consentirà di tornare al lavoro.

MSF produce anche maschere trasparenti per la stampa 3D per pazienti con ustioni facciali, che vengono utilizzate per esercitare pressione sulla superficie interessata per mantenere la pelle morbida e piatta dopo gli interventi chirurgici dell’innesto per aiutare il viso a guarire con meno cicatrici. Nour Saleh, 7 anni, ha riportato ferite alla testa nel 2014 quando un piccolo ordigno è esploso vicino alla casa di famiglia e alla fine ha subito una procedura di trapianto di pelle a Baghdad.

La famiglia non aveva abbastanza soldi per coprire tutte le sue spese mediche e MSF ha accettato il caso due anni fa. Grazie a quattro interventi chirurgici all’ospedale giordano, Nour è stata in grado di ricrescere i capelli, cosa che ha davvero aiutato la sua autostima.

Le protesi sotto il gomito tradizionalmente prodotte possono costare da $ 200 a $ 2000. Ma per una protesi stampata in 3D, tenendo conto del materiale, del tempo di produzione, della stima del caso e della valutazione delle esigenze del paziente, i costi complessivi sono molto più bassi.

“L’idea è di essere in grado di produrre protesi stampate in 3D in luoghi difficili da raggiungere e privi di un sistema sanitario sano, come nelle aree di conflitto”, ha spiegato Moreau. “Ma il modo per farlo è ancora in discussione, in quanto non è sempre facile trovare tecnici disponibili in queste aree e le stampanti sono ancora costose.”

Si prevede che i prezzi continueranno a scendere mentre le persone del settore lavorano per sviluppare stampanti 3D più economiche e materiali innovativi. Parlando di materiali, Samar Ismail, Supervisore del progetto 3D di MSF, si occupa del lavoro di post-elaborazione per le protesi stampate in 3D, che include la verniciatura di un colore che abbina le carnagioni dei pazienti e aggiunge uno strato di vernice trasparente in modo che il cibo possa essere maneggiato in sicurezza.

Il 44enne Abu Mohammad stava lavorando in un campo quando una bomba è stata fatta cadere, che ha colpito entrambe le mani e le gambe.

“Era impossibile sfuggire all’incidente”, ha spiegato. “Gli aerei da guerra arrivano improvvisamente e quando noti la loro presenza, è perché sei a terra a gemere di dolore”.
Usa un deambulatore per muoversi e, poiché ha una lesione ai nervi e più dita amputate, ha ricevuto una protesi del sistema attivo, che gli permetterà di aprire e chiudere la sua mano e di attivare il pollice protesico spostando la sua spalla. Questo aiuterà Mohammad a completare compiti come pettinarsi o tenere un telefono.

Anche Abdulkareem, 23 anni, è stato ferito da una bomba caduta da un aereo. All’ospedale locale dove cercava un trattamento, ricevette una protesi scomoda fatta con metodi tradizionali che raramente usava. La vittima di guerra di 17 anni, Ahmad Meqdad, è stata ferita all’esterno quando un aereo ha sganciato una bomba da bomba vicino a casa sua sette anni fa, ed è stata portata all’ospedale con il braccio a malapena appeso; la sua mano fu presto amputata e sua madre disse che “si rifiuta di parlare dell’incidente”.

MSF ha utilizzato la stampa 3D per aiutare tutti questi pazienti e, si spera, continuerà a fare il suo buon lavoro per tutto il tempo necessario.

Nota: alcuni dei nomi dei pazienti sono stati modificati su richiesta.

Be the first to comment on "Medici Senza Frontiere  (MSF) in Giordania aiuta le vittime di guerra con le protesi stampate in 3D"

Leave a comment