Maya Varma di 17 anni inventa un  dispositivo stampato 3D dal costo di 35 dollari per diagnosticare le malattie respiratorie

Una diciassettenne inventa un  dispositivo stampato 3D dal costo di 35 dollari per diagnosticare le malattie respiratorie
Non molti ragazzi possono dire che frequentano una scuola di Ivy League e forse ancora meno possono sostenere di avere un’invenzione che porta il loro nome. Questo non è il caso di una 17enne Maya Varma, studente di ingegneria e tirocinante presso la Stanford University che ha sviluppato un dispositivo stampato in 3D a basso costo che può analizzare il respiro del paziente e contribuire alla diagnosi delle malattie polmonari.

In tutto il mondo, centinaia di milioni di persone soffrono di condizioni respiratorie come l’asma, la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO), la bronchite cronica, l’emifisema e la malattia polmonare restrittiva. Infatti, le malattie respiratorie e le infezioni sono la terza causa principale di morte, dopo il cancro e le malattie cardiache.

Purtroppo, molte morti causate da malattie respiratorie si verificano a causa della mancanza di diagnosi e mancanza di un adeguato trattamento. Poiché questi processi spesso richiedono attrezzature e dispositivi medici costosi, un numero di casi di morti correlate a malattie respiratorie si verificano nei paesi in via di sviluppo in cui le risorse mediche sono limitate.

Uno degli strumenti chiave utilizzati per diagnosticare la malattia polmonare è chiamato lo spirometro. Il pezzo costoso di apparecchiatura è essenzialmente un dispositivo di monitoraggio del polmone che misura la quantità di aria che un paziente ispira e ed espira. I dati catturati da uno spirometro consentono ai medici di diagnosticare accuratamente se un paziente soffre di una qualsiasi delle cinque principali condizioni respiratorie sopra menzionate.

Nel tentativo di rendere accessibile la tecnologia cruciale a più persone, Varma ha deciso di sviluppare un’alternativa allo spirometro che potrebbe essere altrettanto efficace ma dal costo contenuto: un boccaglio stampato in 3D, un bordo elettronico e uno smartphone.

In breve, il dispositivo funziona facendo respirare il paziente nel boccaglio stampato in 3D, che a sua volta è collegato ad un PCB che elabora i dati del respiro. Queste informazioni vengono quindi inviate ad un’app associata ospitata su uno smartphone Android o su un altro dispositivo mobile. L’applicazione mostra all’utente i dati di respirazione in un grafico completo e può anche analizzare i risultati per aiutare con una diagnosi.

Maya Varma ha vinto 150.000 dollari messi in palio dell’Intel Science Talent Search nel 2016 per il suo dispositivo stampato in 3D

Il dispositivo innovativo è presumibilmente in grado di individuare i sintomi della malattia respiratoria e classificarli. Ciò consentirà agli utenti di determinare se un paziente soffre di asma, malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO), bronchite cronica, emfisema e la malattia polmonare restrittiva.

Impressionante, usando una combinazione di parti stampate 3D, elettronica poco costosa e accessibile, e software open source, Varma riesce a fare l’analisi del respiro per soli 35 dollari.

 

Be the first to comment on "Maya Varma di 17 anni inventa un  dispositivo stampato 3D dal costo di 35 dollari per diagnosticare le malattie respiratorie"

Leave a comment