MakerBot festeggia la centomillesima stampante venduta ma taglia il suo sito di produzione

MakerBot ridimensiona lo spazio di produzione nella sua factory a Brooklyn .Ora è un quarto più piccola

makerbot fabbricaMakerBot Industries, l’azienda di stampanti 3D di New York City   ha lasciato liberi oltre 65.000 piedi quadrati dei propri siti di produzione in città. L’azienda ora occupa circa 135.000 piedi quadrati presso la struttura, il 40% in meno di quanto non fosse al suo apice.

Proprio ieri,  MakerBot ha festeggiato un traguardo incredibile: 100.000 stampanti 3D vendute in tutto il mondo. Ma oggi la società ha dichiarato di aver ridotto il suo spazio di produzione a Brooklyn. MakerBot, è nota per la sua popolare “Replicator” una linea di stampanti 3D, ha sede al MetroTech Center nel centro di Brooklyn, ma ha usato la sua posizione come spazio di produzione per diversi anni.

MakerBot, di proprietà del gigante stampa 3D Stratasys, è stata in prima pagina sia per ragioni buone e cattive nel corso degli ultimi due anni. Mentre i suoi prodotti sono ben utilizzati e ben valutati, l’azienda ha tagliato la sua forza lavoro del 20% in due occasioni nel 2015, ed è stato coinvolta in polemiche quando fu accusata di vendere consapevolmente stampanti 3D difettose. La sua decisione di ridurre il suo spazio di produzione non significa necessariamente gravi problemi all’interno della società, ma non sono un segnale di una società in crescita.

Industria City, situata presso il Sunset Park di Brooklyn, è diventata la casa di produzione delle stampante 3D MakerBot di nuovo nel 2013, quando la start up ha affittato  irca 55.000 piedi presso la sede. Al suo apice, la società ha occupato in tutto 225.000 piedi quadrati di spazio. La decisione da parte della società di produrre le sue stampanti 3D a New York è stata vista da molti come una sfida, con molti concorrenti che  producono in outsourcing nei paesi con manodopera a basso costo . MakerBot, tuttavia, sembra che inizierà la produzione di componenti in Asia  ufficialmente per espandersi in quel mercato.

MakerBot, fu fondata nel 2009 da Bre Pettis, Adam Mayer, e Zach Smith, iniziò con un progetto di stampante RepRap 3D. Come società cresciuta con molti nuovi progetti, e alla fine è stata acquisita da Stratasys nel giugno del 2013, pur continuando ad operare in modo più o meno indipendente dal suo proprietario. Tuttavia, negli anni successivi, MakerBot è diventata sempre più integrata con Stratasys, perdendo un numero di dipendenti nel processo. Oltre a produrre una vasta gamma di stampanti 3D, la società gestisce anche Thingiverse la piattaforma per il download della stampa 3d , è uno dei migliori siti di stampa 3D per il download di file STL liberi.

MakerBot ha dovuto  pagare una tassa di cancellazione per il ridimensionamento del suo spazio presso Industry City. Un portavoce di MakerBot ha però dichiarato che l’azienda non ha intenzione di ridurre i suoi uffici di 37.000 piedi quadrati presso il MetroTech Center.

Be the first to comment on "MakerBot festeggia la centomillesima stampante venduta ma taglia il suo sito di produzione"

Leave a comment