Makerbot abbandona Brooklyn e produrrà le proprie stampanti in outsourcing con Jabil

Makerbot smette di fare le proprie stampanti 3D, le fabbricherà in outsourcing con Jabil un produttore internazionale.

makerbot brooklyn 2Nei primi anni della stampa 3D del desktop, MakerBot Industries ha puntato sull’americanità e sulla produzione autoctona anche come sistema di marketing. Il Co-fondatore ed ex CEO Makerbot Bre Pettis predicava una filosofia che gli schemi di progettazione e i progetti di produzione dovrebbero essere condivisi e modificati liberamente all’interno della Comunità per il caffè. Ma poi, con l’uscita della stampante Replicator 2 3D nel 2012 tutto è cambiato. Hanno fatto una conversione ad U e sono passati ai sistemi chiusi e proprietari.
Anche se questa chiusura ha irritato gran parte della comunità maker, una apertura di un altro tipo consolava i  sostenitori impegnati nel Made Usa e nei principi di produzione in America. La società è cresciuta e nel 2013 hanno annunciato una fabbrica di 50.000 piedi quadrati nel quartiere di Sunset Park a Brooklyn, New York e poi due anni dopo un nuovo grande spazio di produzione di 170.000 piedi quadrati. Allora il CEO Bre Pettis dichiarava “è importante per celebrare gli ultimi dieci anni, ed è eccitante  lancio di nuove iniziative e opportunità per  Brooklyn per prosperare in modo che possiamo aggiungere più posti di lavoro e opportunità ai Brooklinesi  .”

Purtroppo, meno di un anno dopo e sulla scia di un’acquisizione troppo zelante da parte di Stratasys, la caduta dei prezzi azionari e i licenziamenti aziendali, quel tono, una volta entusiasta per la produzione locale è andato rapidamente scemando.

Makerbot ha appena reso ufficiale che la società darà in outsourcing la produzione della sua serie Replicator di stampanti 3D  oltremare , chiudendo la sua fabbrica di produzione a Brooklyn.

Jabil è stato annunciato come il loro partner durante questa transizione nel settore manifatturiero. Nella nota l’annuncio della società, da parte dell’attuale CEO Makerbot  Jonathan Jaglom scrive che “lavorare con Jabil ci permetterà di gestire al meglio il rapido cambiamento nel nostro settore e ridurre i nostri costi di produzione per competere più efficacemente in un mercato globale. Ci aspettiamo che l’adozione di un modello di produzione flessibile ci permetterà di scalare rapidamente la produzione verso l’alto o verso il basso sulla base delle esigenze del mercato, senza i costi fissi associati al mantenimento di una fabbrica a New York. ”

Anche se non sono ancora state comunicate date precise , il passaggio a un impianto di produzione all’estero si svolgerà nei prossimi mesi ed ulteriori licenziamenti sono in programma nel processo.

In molti modi, la cosa era scritta da molti anni , e mentre la chiusura è una vergogna per molti aspetti, l’azienda ha spinto a lungo e duramente per la produzione locale, insomma ci ha provato, ma rimanere competitivi nello spazio della stampa 3d è assai arduo con la concorrenza cinese.

Jaglom ha  continuato affermando che, “abbiamo fatto  grandi cose qui a Brooklyn, ma ora stiamo  seguendo una tendenza globale, per cui cessiamo la produzione a Brooklyn.”

In qualità di azienda (o, almeno di una filiale di Stratasys), Makerbot continuerà ad avere la sede a New York . Jaglom afferma che “il nostro DNA e la nostra cultura rimangono newyorchesi, siamo molto orgogliosi di essere qui a Brooklyn.”

Be the first to comment on "Makerbot abbandona Brooklyn e produrrà le proprie stampanti in outsourcing con Jabil"

Leave a comment