Maker Media che pubblica Make Magazine e Maker Faire sta chiudendo

La società dietro la rivista Maker Faire e Make si è improvvisamente chiusa
La compagnia ha licenziato tutto il suo staff

Maker Media, la società che pubblica Make Magazine e Maker Faire sta licenziando il suo personale e interrompendo le sue operazioni in mezzo a problemi finanziari, secondo TechCrunch .

Il CEO e fondatore di Maker Media, Dale Dougherty, ha confermato a TechCrunch che la società stava cessando le operazioni e che aveva licenziato 22 dipendenti, citando difficoltà finanziarie con la pubblicazione di una rivista e la mancanza di sponsorizzazioni aziendali. “Ho iniziato questo 15 anni fa ed è sempre stata una lotta come azienda fare questo lavoro”, ha detto a TechCrunch . “L’editoria di stampa non è un grande affare per nessuno, ma funziona … a malapena. Gli eventi sono difficili. . . c’è stato un calo nella sponsorizzazione aziendale “.

Lanciato nel 2005, Maker è diventato una pubblicazione importante che copre il “Maker Movement”, una cultura che ha abbracciato il fai-da-te di fare e armeggiare, coinvolgendo qualsiasi cosa, dalla stampa 3D, elettronica, robotica, metallo e lavorazione del legno e altre attività. L’azienda ha lanciato la sua prima Maker Faire un anno dopo a San Mateo, in California, e da allora ha ottenuto il nome di centinaia di mostre in tutto il mondo.


TechCrunch nota che Dougherty sta lavorando per cercare di impedire che l’azienda crolli completamente, per mantenere online gli archivi della rivista e per concedere in licenza il nome agli eventi futuri. “Spero di essere in grado di ottenere il controllo delle risorse della società e riavviarlo. Non faremo necessariamente tutto ciò che abbiamo fatto in passato, ma mi impegno a mantenere la rivista di stampa e il programma di licenze Maker Faire. “

La compagnia ha dovuto affrontare problemi finanziari negli ultimi anni: ha licenziato 17 persone nel 2016 e altre sette all’inizio di quest’anno . Il mese scorso l’azienda ha tenuto il suo ultimo evento Maker Faire.

Il crollo della società è un duro colpo per la comunità più grande, fornendo uno sbocco centrale per incoraggiare le persone a imparare come costruire le proprie cose, piuttosto che affidarsi alle aziende per produrre gadget e prodotti. Attraverso i suoi eventi e la sua rivista, ha fornito indicazioni, evidenti creatori di rilievo e idee per progetti. L’ex Mythbusters è stato il co-conduttore di Adam Savage, che era una presenza regolare alla Maker Faire, ha detto su Twitterè stato “un giorno molto triste” e ha detto a The Verge che “Make Media ha creato così tante nuove importanti connessioni tra persone di tutto il mondo. Ha mostrato il potere dall’atto della creazione. Noi siamo i migliori per la sua esistenza e io sono triste. Credo anche che qualcosa di nuovo crescerà da ciò che hanno costruito. Il terreno che hanno posto è troppo fertile per rimanere a riposo a lungo “.

Be the first to comment on "Maker Media che pubblica Make Magazine e Maker Faire sta chiudendo"

Leave a comment