Made In Space è pronta a lanciare una stampante 3D SLA sulla ISS per realizzare ceramiche

Made In Space per lanciare la stampante 3D Ceramic SLA sulla ISS
L’azienda spaziale innovativa Made in Space ci ha continuamente sorpreso con invenzioni come la stampante per oggetti di grandi dimensioni Archinaut , la bioprinting, la sua parte stampata in 3D più lunga e la sua struttura di produzione additiva per la Stazione spaziale internazionale (ISS). Ora, l’azienda è pronta a lanciare una stampante 3D stereolitografica sulla ISS appositamente per realizzare ceramiche. Made In Space, ora parte dello spazio commerciale roll up di Redwire , mira a mettere la stampante nella 14a missione di rifornimento commerciale di Northrop Grumman (NG-14).

Quando si pianificano soggiorni pluriennali nello spazio, gli astronauti non possono portare con sé tutti i pezzi di ricambio né possono portare tutti gli strumenti di emergenza per ogni evenienza. La NASA ha visto la stampa 3D fin dall’inizio come un ” bagaglio da tenere “, una sorta di Duck Tape in grado di risolvere le emergenze nello spazio . La tecnologia potrebbe riutilizzare i rifiuti in strumenti utili o trasformare gli imballaggi in attrezzi utili. La stampa 3D potrebbe stampare organi necessari per gli astronauti o parti di veicoli spaziali rotti o persino basi lunari .

Quindi, a poco a poco la NASA ei suoi collaboratori stanno cercando di stampare in 3D tutto ciò che possono. Allo stesso tempo, Made in Space ha cercato di finanziare tutte queste stampanti spaziali e la produzione nello spazio è diventata la loro risposta. Teoricamente, in condizioni di microgravità dovrebbe essere possibile realizzare ogni sorta di oggetti che potrebbero superare quelli prodotti sulla terra. In precedenza, l’azienda ha provato a farlo con la fibra ZBLAN , producendola nello spazio per l’uso sulla Terra. Ora è il momento delle pale delle turbine.

Attraverso il Turbine Ceramic Manufacturing Module (CMM), l’azienda vuole dimostrare “la produzione di blisk di turbine in ceramica in microgravità per uso terrestre”. Allo stato attuale, potrebbe essere più economico trasformare aerei di linea inattivi in comete vomitose , ma come tentativo di finanziamento è un’idea che potrebbe avere un forte impatto.

I blisk delle turbine sono generalmente un po ‘un’area di interesse per aziende come Sciaky e GE, con queste lame di fascia alta riparate utilizzando molto la stampa 3D e realizzate sempre più anche tramite AM. Qualsiasi aumento delle prestazioni di queste lame potrebbe avere un impatto sull’aviazione. Inoltre, possono avere un impatto significativo sui costi e sulle prestazioni sull’esplorazione spaziale stessa.

La NASA ha cercato di commercializzare compositi a matrice ceramica per camere di combustione e blisk almeno dagli anni ’90. I blisk in composito ceramico sarebbero anche una tecnologia significativa da implementare sui missili e potrebbero vedere applicazioni sui motori futuri, come l’ Aerospike . Ricerche significative su di loro sono state condotte per anni a Glenn e in altri siti nell’ambito dell’UEET e di altri programmi .

In particolare, i compositi SIC Matrix sono generalmente interessanti per la loro “resistenza all’ossidazione intrinseca, bassa densità, elevata resistenza e resistenza alla rottura per scorrimento [. C] i compositi a matrice ceramica rinforzata con fibre (CMC) a base di fibre SiC e matrici SiC possono superare le prestazioni termiche delle superleghe e quindi sono ottimi candidati per componenti strutturali a caldo avanzati. ” Le applicazioni potrebbero potenzialmente andare molto oltre i soli blisk, ma, per ora, non sappiamo se Made in Space possa realizzare parti SLA rinforzate con fibre. Ma, coppia nella produzione spaziale con un materiale fantastico e questo è essenzialmente il succo Crunk per i ricercatori della NASA .

Michael Snyder, Chief Engineer di Made In Space e Chief Technology Officer di Redwire, ha dichiarato: “Attraverso la nostra partnership con la NASA, stiamo identificando e sviluppando processi di produzione avanzati in orbita che potrebbero produrre una domanda sostenibile dai mercati terrestri. CMM è la prima di numerose missioni che potrebbero segnalare un nuovo mercato per i prodotti abilitati allo spazio “.

Il team spera in “prestazioni migliori tra cui una maggiore resistenza e un minore stress residuo, a causa di una riduzione dei difetti causati dalla gravità, come la sedimentazione e i gradienti di composizione”.

Matthew Napoli, Vice President of In Space Operations presso MIS, ha aggiunto: “La tecnologia di produzione della ceramica che Made In Space sta inviando alla stazione spaziale rappresenta un’espansione delle capacità commerciali in orbita”,

Altrove , la società afferma inoltre che lo SLA è significativo per i seguenti motivi:

“Di particolare rilievo è la capacità di stampare in 3D materiali calcinabili, consentendo la fusione a cera persa di parti metalliche ad alta resistenza se abbinata a tecnologie di fusione in metallo come l’afta epizootica. La stampa SLA consente anche la produzione di parti in ceramica critiche per molte applicazioni spaziali, come la schermatura di rientro. La stampa SLA consente anche la produzione di parti otticamente trasparenti, aprendo la porta per la produzione di lenti e altri elementi ottici con un’adeguata post-elaborazione.

In una precedente iterazione, l’azienda ha collaborato con le creazioni B9. Ora, i suoi collaboratori sono l’ISS della NASA Research Integration Office presso il Johnson Space Center, HRL Laboratories e Sierra Turbines. La svolta è stata la loro capacità di controllare il fotopolimero liquido in microgravità. Riguardo a come riescono a farcela, sono mamma. Forse lo congelano? O riempire completamente un intero volume? Cosa ne pensi?

Be the first to comment on "Made In Space è pronta a lanciare una stampante 3D SLA sulla ISS per realizzare ceramiche"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi