L’uso di materiali metallici nella stampa 3d sls dentale

Amir S. Azer e Heidar Shahin esplorano argomenti di restauro dentale, descrivendo dettagliatamente le loro scoperte nel recente restauro ” Fit of Laser Sintered Metal Restorsations: A Systematic Review “. Man mano che la stampa 3D sta diventando sempre più popolare nell’area dell’odontoiatria, del restauro dentale e dell’ortodonzia, l’uso di materiali metallici offre una serie di vantaggi.

La fabbricazione di cappette metalliche ha ricevuto “un cambio di paradigma” con l’avvento della stampa 3D, consentendo la creazione di geometrie complesse, tempi di consegna più rapidi nella produzione e automazione migliorata. Per questo studio di revisione, gli autori hanno esaminato una vasta gamma di articoli riguardanti l’uso in vitro della stampa 3D per cappette metalliche, corone e protesi parziali fisse. Non hanno fissato un limite per l’anno di pubblicazione nella loro ricerca di informazioni, che era principalmente elettronica ma includeva anche alcune scoperte manuali.

La loro ricerca ha prodotto 284 studi pertinenti per iniziare, anche se alla fine solo 17 sono stati considerati idonei per la revisione.

“Dei 17 articoli inclusi, 6 articoli (35,3%) hanno valutato solo l’accuratezza di adattamento marginale, un articolo (5,9%) ha valutato solo l’accuratezza di adattamento interno e 10 articoli (58,84%) hanno valutato l’accuratezza di adattamento sia marginale che interno”, ha spiegato Azer e Shahin. “Tredici articoli (76,5%) utilizzavano strutture a corona singola, 3 articoli (17,6%) utilizzavano strutture a protesi parziale parziale e solo un articolo (5,9%) utilizzava strutture a corona singola e fissa per la valutazione della precisione di adattamento”.

Il cobalto – cromo (Co-Cr) è stato utilizzato in tutti gli articoli esaminati: un totale di 14 studi ha utilizzato la tecnica di sinterizzazione laser diretta in metallo (DMLS), mentre 3 hanno utilizzato la tecnica di sinterizzazione laser selettiva (SLS). I metodi di fabbricazione per confrontare la precisione di adattamento con la sinterizzazione laser variano tra:

Metodo a cera persa
Fresatura di modelli in cera con tecnologia CAD / CAM
Stampa 3D del modello cera / resina
“Tra le altre tecniche, in 7 articoli è stata utilizzata la fresatura di strutture metalliche Co-Cr mediante la tecnologia CAD / CAM”, hanno affermato gli autori. “Solo un articolo ha utilizzato la fresatura in zirconia CAD / CAM.”

I metodi utilizzati per la valutazione dell’adattamento sia marginale che interno includevano:

Approccio di replica in silicone
Approccio di replica 3D
Esame microscopico interno dopo cementazione e sezionamento del campione
Esame microscopico esterno dell’area marginale
Approccio per la pesatura delle impronte in silicone
Approccio a vista diretta
L’adattamento marginale e interno sono gli elementi critici per il successo nel restauro fisso, mentre solo imprecisioni ‘marginali’ possono causare:

Infiammazione gengivale
Recessione gengivale
Carie secondarie sotto i margini della corona
“Secondo la specifica n. 8 dell’American Dental Association (ADA), come obiettivo clinico è stata suggerita una larghezza del gap compresa tra 25 e 40 μm”, hanno spiegato gli autori. “Sulaiman et al. Hanno riferito che 100 μm è un gap accettabile per uso clinico. McLean e von Fraunhofer hanno invece suggerito che 120 μm dovrebbe essere il limite per l’uso clinico. Moldovan et al. Hanno riferito che è accettabile anche uno spazio di 200–300 micron. Tuttavia, diversi ricercatori ritengono che il valore di 120 μm proposto da McLean e von Fraunhofer sia il limite più adatto per l’uso clinico. “

Le variazioni negli studi, anche per lo stesso sistema, sono state attribuite a possibili differenze nella tecnica di fabbricazione, nella scansione, nei disegni degli studi, per includere la forma dei calchi, i denti dei monconi e le misurazioni. Tali variazioni, tuttavia, hanno reso impossibile per i ricercatori analizzare i sistemi di classificazione in termini di precisione.

“Tuttavia, quasi tutte le misurazioni erano ben all’interno dell’intervallo clinicamente accettabile suggerito da McLean e von Fraunhofer. C’è stato un accordo tra gli studi secondo cui i sistemi utilizzati hanno la capacità di produrre restauri con una misura clinicamente accettabile “, hanno concluso i ricercatori.

“Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per ottimizzare i parametri di processo e le applicazioni cliniche, la procedura di sinterizzazione laser fornisce un metodo rapido e efficiente per progettare e produrre digitalmente strutture metalliche complesse per corone e FPD.”

Be the first to comment on "L’uso di materiali metallici nella stampa 3d sls dentale"

Leave a comment