L’Università di Wollongong dall’Australia va in India

La comunità di ricerca indiana sta recuperando il passo con le innovazioni della bioprinting mondiale. Dai laboratori universitari alle startup, i principali innovatori del paese utilizzano bioprinter 3D e sviluppano i propri per far avanzare il campo. Ad esempio, lo scorso giugno, Next Big Innovation Labs , una società di biotecnologie con sede a Bangalore, è diventata la prima in India a costruire una bioprinter completamente personalizzabile che risponde ad alcune delle esigenze locali dei bioingegneri. Nel frattempo, Alfatek Systems ha lavorato nel campo della bioprinting 3D in India negli ultimi tre anni producendo la sua bioprinter 3D Alfarod. Nel corso degli ultimi anni ci sono state molte soluzioni intelligenti nel campo della bioprinting 3D nel paese dell’Asia meridionale e con l’aumento della domanda di popolazione e assistenza sanitaria, il settore delle biotecnologie si sta preparando per il futuro.

Per aiutare in questa transizione, l’ Università australiana di Wollongong (UOW) sta collaborando con l’India Andhra Pradesh Medtech Zone (APMZ) per sviluppare tecniche di bioprinting 3D. La collaborazione strategica è stata firmata il 10 settembre a Visakhapatnam (Vizag), in India, e comprende una serie di iniziative di formazione congiunte, tra cui un progetto per sviluppare un pacchetto di scansione e stampa per produrre spighe stampate in 3D, nonché programmi innovativi a supporto di una diffusione diffusa della tecnologia in India e in Australia.

APMZ è la prima zona di produzione di dispositivi medici integrati in India creata per fornire una soluzione completa che copra strutture scientifiche, di produzione e commerciali comuni per produttori e innovatori di dispositivi medici. AMTZ fornirà servizi ad alta intensità di capitale richiesti dalla maggior parte dei produttori di dispositivi medici e da oltre 200 moderne unità produttive indipendenti all’avanguardia. Il Governatore dell’Andhra Pradesh ha sviluppato 270 acri di terra per questo progetto.

Le iniziative di formazione congiunta si concentreranno principalmente sulla biofabbricazione 3D, una delle specialità di Wollongong. In effetti, l’ iniziativa di ricerca traslazionale dell’Università per l’ingegneria cellulare e la stampa (TRICEP) fornirà un contributo fondamentale in entrambe le iniziative di ricerca e formazione. TRICEP ospita un’infrastruttura di ricerca leader a livello mondiale per lo sviluppo di tecnologie innovative nella bioprinting 3D, tra cui produzione di stampanti, biomateriali e bioink.

Durante la firma del Memorandum of Understanding (MOU) per la partnership strategica, c’era un team dell’Università di Wollongong, guidato da Gordon Wallace , direttore del Centro di eccellenza ARC per la scienza degli elettromateriali e un famoso professore e ricercatore nel campo della scienza dei materiali elettro. Wallace è particolarmente noto per il suo uso innovativo della nanotecnologia in collaborazione con conduttori organici per creare nuovi materiali per la conversione e lo stoccaggio di energia, nonché i bionici medici. Una delle sue migliori creazioni insieme a Peter Choong, direttore dell’ortopedia presso l’ospedale St Vincent di Melbourne , è il BioPen, un innovativo dispositivo di bioprinting 3Dche consente ai chirurghi di disegnare nuove cellule direttamente sull’osso. Wallace identifica e personalizza materiali e bioprinter per offrire soluzioni da decenni. Uno dei suoi progetti più recenti include una bioprinter specializzata in trapianto di isole pancreatiche (PICT).

Altri membri della delegazione ospite includevano rappresentanti di Austrade e del Dipartimento degli affari esteri e del commercio australiano; Vice Cancelliere UOW, Professor Paul Wellings; e Jitendar Sharma, amministratore delegato e CEO di AMTZ e consigliere (sanità) del governo dell’Andhra Pradesh, India. Sharma è noto come “Med Tech Man of India” nei forum politici.

“In qualità di università ad alta intensità di ricerca con esperienza di fama internazionale in questo campo, UOW è molto orgogliosa di far parte di questo nuovo entusiasmante distretto che metterà l’India sulla mappa globale della produzione di apparecchiature mediche di fascia alta e renderà i prodotti sanitari più convenienti e accessibile in India ma in tutto il mondo “, ha detto Wellings.

Inoltre, questo distretto non solo renderà i prodotti sanitari più convenienti e accessibili in India, ma anche in tutto il mondo. Il protocollo d’intesa fornirebbe strade per un’ulteriore collaborazione nella ricerca, insegnamento e produzione tra le due istituzioni.

Be the first to comment on "L’Università di Wollongong dall’Australia va in India"

Leave a comment