L’università di Sydney mummia egizia scansionata in 3d il sarcofago si pensavo vuoto da un secolo

Scansione 3D di una antica bara egizia
All’università di Sydney, un gruppo di archeologi è rimasto comprensibilmente scioccato nello scoprire che una bara, ritenuta per oltre un secolo vuota, conteneva effettivamente un corpo mummificato. La mummia, che è stata racchiusa all’interno della bara per circa 2.500 anni, ora viene studiata con l’aiuto delle tecnologie di scansione 3D.

Sfortunatamente, a causa di saccheggi in antichi siti funebri egiziani, il corpo della mummia non è stato preservato molto bene, e scoprire di più sulla persona misteriosa sepolta all’interno del sarcofago è stata una sfida.

Tuttavia, il team di ricerca, guidato dal Dr. Jamie Fraser, ha lavorato duramente per saperne di più sulla mummia e ha fatto alcune rivelazioni grazie a tecnologie all’avanguardia come la scansione 3D.

Il primo indizio sulla mummia è stato trovato sulla bara stessa, che porta geroglifici che indicano che la persona sepolta all’interno era una sacerdotessa di nome Mer-Neith-it-es. E sebbene questo possa sembrare una prova conclusiva, non è sempre sicuro che le bare antiche contengano effettivamente la persona segnata.

Per ottenere maggiori informazioni, gli archeologi hanno acquisito una dettagliata analisi TC dei resti e li hanno trasformati in modelli 3D per un’analisi accurata. Dai modelli tridimensionali dei piedi e delle caviglie, il team crede di aver scoperto una persona adulta di età superiore ai 30 anni. Se riescono a impossessarsi di alcune unghie, la mummia potrebbe persino essere datata al carbonio.

Be the first to comment on "L’università di Sydney mummia egizia scansionata in 3d il sarcofago si pensavo vuoto da un secolo"

Leave a comment