L’Università australiana di Wollongong col bioprinter 3D di trapianto cellulare delle cellule pancreatiche (PICT) per il diabete di tipo 1

L’Università australiana di Wollongong (UOW) sta rapidamente diventando un pioniere delle tecnologie di bioprinting in 3D. Recentemente, l’università ha presentato un nuovo bioprint 3D personalizzato che ha il potenziale per migliorare drasticamente il trattamento per i pazienti con diabete di tipo 1.

L’innovativo sistema, denominato bioprinter 3D di trapianto cellulare delle cellule pancreatiche (PICT), è stato recentemente presentato a Peter Malinauskas, il ministro della sanità del Sud Australia, che a sua volta l’ha consegnato al Royal Adelaide Hospital (RAH) per l’uso.

Con questo annuncio, RAH è diventato il primo ospedale in Australia (e probabilmente il mondo) a installare il bioprinter PICT 3D per la ricerca sul trattamento del diabete.

Secondo l’UOW, il bioprinter 3D è in grado di depositare un bioink speciale (che contiene cellule insulari produttrici di insulina) in una struttura stampata 3D impiantabile. Questo metodo potrebbe migliorare il processo esistente di impiantare cellule di insule da donatori umani per trattare casi gravi di diabete di tipo 1 perché può ridurre il rischio di rigetto cellulare nel corpo del ricevente.

“La stampante PICT ci permetterà di creare organi personalizzati, mescolando donatore con cellule riceventi in un modo tridimensionale unico per fornire” organoidi “completamente nuovi per il trapianto sperimentale”, ha spiegato il professor Toby Coates del ROH.

Le cellule dell’isolante donatore, che derivano dal pancreas, possono aiutare i pazienti diabetici a riguadagnare la capacità di produrre insulina, che è necessaria per i livelli di zucchero nel sangue autoregolanti. Come con la maggior parte dei processi di trapianto oggi, tuttavia, c’è sempre il rischio che il corpo del ricevente rigetti le cellule del donatore.

Con il bioprinter PICT 3D, tuttavia, gli ingegneri medici possono stampare efficacemente impalcature impiantabili con tassi di integrazione migliori perché possono includere sia le cellule produttrici di insulina del donatore che le cellule del ricevente. Inoltre, poiché il bioprinter può stampare più tipi cellulari, gli scaffold ( le strutture di impalcatura ) possono anche contenere cellule endoteliali, che aiutano a vascolarizzare le cellule dell’isolato innestate.

Ospitato presso il Royal Adelaide Hospital, il bioprinter PICT sarà utilizzato dal Centro di eccellenza ARC per l’elettromateriale (ACES), guidato dal professor Gordon Wallace. Grazie ad una sovvenzione del programma Linkage, Infrastructure, Equipment and Facilities (LIEF) del Consiglio australiano per la ricerca, ACES sarà in grado di sviluppare ulteriormente il bioprinter 3D per applicazioni mediche.

“L’ACES dell’Università di Wollongong ha creato una rete di ricerca clinica collaborativa che ci consente di affrontare grandi sfide cliniche e fornire soluzioni pratiche usando il bioprinting in 3D”, ha commentato il professor Wallace.

“In collaborazione con il team del professor Toby Coates al Royal Adelaide Hospital, intendiamo migliorare l’efficacia dei trapianti di cellule isolanti incapsulando cellule di isole donate in una struttura stampata in 3D, per proteggerle durante e dopo il trapianto”, ha aggiunto.

Di recente, l’Università di Wollongong ha ricevuto una sovvenzione ARC di 347.000 dollari australiani per la creazione di un impianto di bioprinting 3D all’avanguardia .

Be the first to comment on "L’Università australiana di Wollongong col bioprinter 3D di trapianto cellulare delle cellule pancreatiche (PICT) per il diabete di tipo 1"

Leave a comment