L’Unione europea mette la stampa 3d tra le sue priorità nei negoziati commerciali con gli Stati Uniti

L’UE DÀ LA PRIORITÀ ALLA PRODUZIONE ADDITIVA NEI NEGOZIATI COMMERCIALI DEGLI STATI UNITI, RICEVE IL SUPPORTO CECIMO

L’Unione europea sta mantenendo la produzione additiva tra le sue priorità nei negoziati commerciali con gli Stati Uniti . CECIMO , l’associazione che rappresenta gli interessi delle macchine utensili e delle tecnologie di produzione, si è espressa per approvare la gestione da parte dell’UE di questo argomento e spera che le discussioni contribuiranno a facilitare la crescita del settore manifatturiero additivo.

Uno dei risultati che CECIMO spera dai colloqui UE-USA è la divergenza delle definizioni degli standard europei e statunitensi, un sistema che attualmente funge da barriera alla progressione del settore. “Affrontare gli ostacoli al commercio UE-USA come le doppie certificazioni aumenterebbe la crescita delle soluzioni AM in entrambe le economie”, spiega Stewart Lane, Presidente del Comitato CECIMO AM.

I colloqui sono in corso dal giugno 2018 e, nell’ultimo aggiornamento, la Commissione sembra concludere un accordo reciprocamente vantaggioso con gli Stati Uniti “Sia l’Europa che gli Stati Uniti sono attori importanti nel mercato globale AM”, aggiunge CECIMO Presidente Dr. Roland Feichtl.

“CECIMO CONTINUERÀ A COOPERARE CON I NEGOZIATORI COMMERCIALI E COMUNICHERÀ IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESPORTATORI AM CON SEDE IN EUROPA SUGLI OSTACOLI NON TARIFFARI INCONTRATI NEGLI SCAMBI UE-USA”.

L’UE e gli USA hanno iniziato a discutere delle relazioni commerciali nel giugno 2018, incidentalmente nel periodo in cui il Parlamento britannico ha approvato il suo Atto di revoca per uscire dall’unione con il continente. Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, ha visitato la Casa Bianca il 25 giugno 2018. Una dichiarazione congiunta tra Juncker e il presidente Donald Trump ha confermato che “Vogliamo rafforzare ulteriormente questo rapporto commerciale a beneficio di tutti gli americani ed europei cittadini “.

In particolare, hanno aggiunto, “[…] abbiamo concordato oggi, prima di tutto, di lavorare insieme verso zero tariffe, zero barriere non tariffarie e zero sussidi per beni industriali non auto.” Argomenti trattati anche con barriere commerciali associate “Servizi, prodotti chimici, prodotti farmaceutici, prodotti medici” e “semi di soia”. Nell’ultimo aggiornamento del gennaio 2019 su queste discussioni, la Commissione ha presentato due potenziali accordi, in attesa di un accordo con gli Stati Uniti. Questi sono i seguenti:

  1. Un accordo commerciale strettamente incentrato sulla soppressione delle tariffe doganali sui prodotti industriali , esclusi i prodotti agricoli;
  2. Un secondo accordo, sulla valutazione della conformità , che contribuirebbe a risolvere l’obiettivo di eliminare gli ostacoli non tariffari, rendendo più facile per le imprese dimostrare che i loro prodotti soddisfano i requisiti tecnici su entrambe le sponde dell’Atlantico.

L’approvazione di questi due accordi sarebbe estremamente vantaggiosa per entrambi i partner, in quanto creerebbe effettivamente una traccia standard unica per le società nell’UE e negli Stati Uniti, eliminando la necessità di applicare nuovamente la certificazione quando entrano in un nuovo mercato geografico. In particolare, per quanto riguarda la produzione additiva, questo allevierebbe l’onere delle risorse attualmente applicate per il perseguimento di più certificati praticamente identici, consentendo alle società di riorientare gli sforzi per un ulteriore affinamento e maturazione tecnologica. Ciò potrebbe potenzialmente essere più vantaggioso per i verticali ad alta regolazione come l’ aerospaziale , la medicina e l’industria automobilistica.

La prima parte in titanio stampata in 3D, strutturalmente di supporto da utilizzare su Boeing 787 Dreamliner ha ottenuto l’approvazione FAA a febbraio 2017 dopo un anno di sviluppo. Foto via Norsk Titanium
La prima parte in titanio, approvata FAA, stampata in 3D, strutturalmente di supporto, da certificare per il volo su un Boeing 787 Dreamliner nel 2017. Foto via Norsk Titanium
Relazioni commerciali americane con il resto del mondo

Dopo la visita di Junker nel 2018, l’UE e gli USA hanno costituito un gruppo di lavoro esecutivo congiunto per valutare il commercio tra le due entità. Nell’aggiornamento del 2019, la Commissione europea ha evidenziato la produzione additiva come una “tecnologia specifica” per l’esame di “una più profonda cooperazione regolativa transatlantica”. Lane afferma che “il fatto che AM sia stato individuato nelle discussioni commerciali fin dall’inizio è un segno dell’importanza di questa tecnologia per il commercio industriale oggi. “

Il dott. Feichtl conclude: “Il nostro obiettivo è garantire il progresso dei negoziati e fornire un accordo commerciale definitivo che migliori l’accesso delle società europee AM al mercato statunitense”.

Mentre gli Stati Uniti stanno cercando di migliorare le sue relazioni con le preoccupazioni dell’UE, lo scorso anno sono emerse delle potenziali tariffe sui beni scambiati con la Cina . Per valutare l’impatto di questa mozione all’interno dell’industria manifatturiera additiva, abbiamo parlato con un numero di parti interessate per ottenere un quadro migliore. Sebbene alcuni restino inalterati dal cambiamento, altri OEM ritengono che le accuse “non siano necessarie” e temono che “blocchino il trasferimento di tecnologia tra le regioni”. Oltre agli scambi con la Cina, gli Stati Uniti hanno proposto, quindi sospeso, una revisione delle sue tariffe commerciali relative a tecnologie emergenti , che avrebbero avuto dirette implicazioni per la stampa 3D.

Be the first to comment on "L’Unione europea mette la stampa 3d tra le sue priorità nei negoziati commerciali con gli Stati Uniti"

Leave a comment