Lulzbot chiude o non chiude ?

LULZBOT CHIUDERÀ ENTRO LA FINE DI OTTOBRE? CAUSA PRESENTATA DAL DIPENDENTE

A seguito della speculazione secondo cui Aleph Objects , produttore di stampanti 3D open source Lulzbot , aveva raggiunto la fine, la società ha rifiutato di negare le affermazioni che stava effettivamente chiudendo.

Un’e-mail attribuita ad Aleph Objects afferma: “Siamo spiacenti di informarvi che i proprietari di Aleph Objects Inc, produttori di stampanti 3D Lulzbot, hanno deciso di chiudere l’attività a partire da mercoledì 9 ottobre 2019. Le operazioni proseguiranno fino al 31 ottobre , 2019, nel tentativo di vendere attraverso l’inventario esistente. “

Grant Flaharty, Presidente e CEO di Aleph Objects, non ha negato le affermazioni dell’e-mail, dicendo al settore della stampa 3D:

“NON HO COMMENTI IN QUESTO MOMENTO. COME PUOI VEDERE, STIAMO CONTINUANDO A REALIZZARE PRODOTTI E AD ADEMPIERE AGLI ORDINI [E] STIAMO PERSEGUENDO ATTIVAMENTE NUOVE OPPORTUNITÀ DI PROPRIETÀ E FINANZIAMENTI “.

Inizialmente, Lulzbot ha dichiarato al settore della stampa 3D: ” Abbiamo avuto una riduzione del personale ma non chiudiamo venerdì .” Da allora, questa dichiarazione è stata chiarita da Lisa Ketner, vicepresidente di Global Sales & Support, come: “Non chiuderemo venerdì scorso. e non abbiamo chiuso venerdì scorso. ”Mentre la scelta della lingua è insolitamente specifica per quanto riguarda le date, Ketner non ha potuto confermare se l’e-mail inviata ai fornitori fosse autentica né commentare il futuro dell’azienda.

La riduzione del personale di Aleph Objects ha fatto licenziare 91 dei suoi 113 dipendenti, secondo Loveland Reporter-Herald . Ora, la pubblicazione con sede in Colorado ha anche riferito che l’ex dipendente, Zachary Hergenreder, ha intentato un’azione legale contro la società a causa della sua incapacità di informare i propri dipendenti in anticipo della loro risoluzione.

In risposta allo sconvolgimento causato dai licenziamenti, l’11 ottobre Aleph Objects ha rilasciato la dichiarazione secondo cui le stampanti LulzBot erano “operazioni di razionalizzazione”. Nonostante il suo ingresso nel mercato della bioprinting 3D all’inizio di quest’anno , questo è stato ritenuto il risultato della mancanza di innovazione “da parte degli spettatori da parte dell’azienda. Molti membri della comunità della stampa 3D hanno anche scelto i social media, attribuendo ai prezzi delle stampanti 3D Lulzbot la causa della “fine” dell’azienda.

Guardando indietro alle 16 recensioni dei dipendenti di Glassdoor realizzate dal 2017-2019, l’ambiente di lavoro di Aleph Objects è stato descritto come “restrittivo, controllato, negativo” e “caotico”. Mentre un campione così piccolo potrebbe non riflettere l’esperienza della maggior parte dei dipendenti, Hergenreder ha fatto valere tali revisioni lunedì, quando è stata intentata la sua azione legale per accusa che la società ha violato le leggi che richiedono una notifica di 60 giorni di risoluzione.

Essendo uno dei 91 impiegati da lasciare andare, Hergenreder afferma che la maggior parte del personale è stata informata dei licenziamenti mercoledì 9 ottobre alle 15:00 Secondo il Worker Adjustment and Retraining Notification (WARN) Act in Colorado, le aziende con oltre 100 dipendenti devono avvisare i dipendenti che saranno licenziati 60 giorni prima della risoluzione. Un avviso WARN non è stato presentato da Aleph Objects. La società ha anche trascurato di pagare ai dipendenti licenziati i loro “rispettivi salari, stipendi, commissioni e bonus”, aggiunge la causa.

Come affermato da Moe, la società è stata danneggiata anche dalle recenti tariffe imposte alle merci cinesi, poiché il suo hardware per la stampa 3D include motori elettronici e alimentatori dalla Cina. È stato riferito che Aleph Objects ha attualmente 22 dipendenti.

Tra i licenziamenti, è stata istituita una bacheca privata dai dipendenti Aleph Object alla ricerca di nuove opportunità di lavoro nella produzione additiva. Gli interessati possono contattare jobsforaoteam@protonmail.com e iscriversi alla scheda Lavori di stampa 3D , per le ultime aperture del settore.

Be the first to comment on "Lulzbot chiude o non chiude ?"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi